HOME

/

DIRITTO

/

APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI

/

L'ONEROSITÀ DEL CONTRATTO DI AVVALIMENTO FRA VECCHIO E NUOVO CODICE DEGLI APPALTI

L'onerosità del contratto di avvalimento fra vecchio e nuovo codice degli appalti

Il contratto di avvalimento deve essere oneroso? Quali sono le indicazioni del nuovo codice dei contratti pubblici e cosa prevede la giurisprudenza

Ascolta la versione audio dell'articolo

Come è noto, l’art. 104, comma 1, del nuovo Codice dei contratti pubblici (Decreto Legislativo n. 36/2023) espressamente stabilisce che “il contratto di avvalimento è normalmente oneroso, salvo che risponda anche a un interesse dell’impresa ausiliaria, e può essere concluso a prescindere dalla natura giuridica dei legami tra le parti”.

Di seguito, analizziamo il tema dell'onerosità del contratto di avvalimento alla luce del nuovo Codice dei contratti pubblici.

Ti potrebbe interessare: Master Nuovo Codice Contratti Pubblici

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com 

1) Onerosità del contratto di avvalimento tra tipicità e aperture giurisprudenziali

Che il contratto di avvalimento sia “per naturaoneroso è una principio che già in passato la giurisprudenza aveva evidenziato in più occasioni, durante la vigenza del precedente Codice dei contratti pubblici (Decreto Legislativo n. 50/2016): ed infatti, è stato affermato che il contratto di avvalimento è un contratto tipicamente oneroso[1].

Tuttavia, sempre la giurisprudenza ha ammesso la validità di un contratto di avvalimento senza corrispettivo in favore dell'ausiliaria a condizione che emergesse dal testo contrattuale un interesse - di carattere direttamente o indirettamente patrimoniale - che abbia indotto l'ausiliaria ad assumere senza corrispettivo gli obblighi derivanti dal contratto di avvalimento e le connesse responsabilità[2]

Per superare il controllo di "meritevolezza" ex art. 1322, comma 2[3], c.c., il contratto di avvalimento deve essere necessariamente caratterizzato dalla ricerca di una qualche forma di utilità economico-patrimoniale da parte dell'ausiliaria, utilità che può manifestarsi tanto nella previsione di un corrispettivo a suo beneficio, quanto nella sussistenza in capo a questo di un diverso interesse economico-patrimoniale, diretto o indiretto, alla conclusione dell'accordo[4]. L’esistenza di un simile interesse può anche emergere dal tenore complessivo del regolamento contrattuale, sicché la mancata previsione di un corrispettivo non importa "ex se" l'illegittimità del contratto di avvalimento[5].

Ad esempio, è stato ritenuto valido un contratto di avvalimento senza previsione di un espresso compenso ma nel quale l’ausiliaria era indicata anche quale subappaltatrice nell’ambito del medesimo appalto, ovvero quando il contratto di avvalimento prevedeva l’obbligo dell’ausiliata di stipulare contratti di noleggio delle attrezzature e dei macchinari con l’ausiliaria[6].

Ti potrebbero interessare anche gli aggiornatissimi libri di carta:

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com 

2) Contratto di avvalimento e appalti: assenza di un interesse da parte dell’ausiliaria

Diversamente, la nullità del contratto di avvalimento per mancanza del requisito dell’onerosità potrà dichiararsi allorquando non sia ravvisabile una “ragione pratica giustificativa” del contratto o un interesse meritevole di tutela ad esso sotteso; ad esempio, sono stati ritenuti sostanzialmente gratuiti e privi di un interesse reale dell’ausiliari

  • un contratto di avvalimento in cui l’ausiliaria metteva a disposizione dell’ausiliata una consistente flotta di mezzi e di risorse umane di cui la seconda è pacificamente priva[7], oltre all’assunzione di responsabilità solidale con l’ausiliata nei confronti della stazione appaltante, a fronte di un corrispettivo modestissimo di € 4.000 per l’intero biennio in cui si espletava l’appalto[8];
  • un contratto di avvalimento con un corrispettivo mensile a favore dell’ausiliario di soli € 59 a fronte dell’utilizzo di 8 scuolabus[9].

In altre parole, in tali casi, la concreta struttura economica dell’accordo faceva configurare il contratto come pressoché gratuito, o simbolicamente oneroso, tenuto conto dell’enorme sproporzione fra le prestazioni contemplate a carico delle due parti.

Abbonati ad Appalti&Contratti e rimani aggiornato sulle ultime novità normative

Ascolta su Spreaker i podcast:

può interessarti L’avvalimento nel nuovo Codice dei contratti pubblici libro di carta

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com 

3) Contratto di avvalimento e appalti: la natura dell’interesse dell’ausiliaria

Non sarà sfuggito ai lettori che il nuovo art. 104 del Codice dei contratti pubblici richiede l’esistenza di un “interesse” dell’ausiliaria, senza precisare che lo stesso debba essere di natura economica: ebbene, posto che di norma l’interesse avrà una valenza di natura economico-patrimoniale, è possibile ritenere che anche un interesse di natura diverso sia ritenuto sufficiente alla validità del contratto? 

Secondo noi tale opzione non può escludersi a priori, sebbene riscontrabile in ipotesi eccezionali e sporadiche e considerato il contesto complessivo dell’appalto: si pensi, ad esempio, all’ipotesi in cui la collaborazione con l’ausiliato in una gara di appalto particolarmente importante (in ragione del tipo di opera o della natura del committente) possa rappresentare un elemento di prestigio nel curriculum professionale dell’ausiliario.

Ti potrebbero interessare anche gli aggiornatissimi libri di carta:

4) Contratto di avvalimento e appalti: note

[1] Consiglio di Stato, sez. V, sent. 12 luglio 2023, n. 6826.

[2] Consiglio di Stato, sez. V, sent. 27 maggio 2018, n. 2953; sent. 12 luglio 2023, n. 6826.

[3]Le parti possono anche concludere contratti che non appartengano ai tipi aventi una disciplina particolare, purché siano diretti a realizzare interessi meritevoli di tutela secondo l'ordinamento giuridico.

[4] TAR Campania, Salerno, sez. II, sent. 29 ottobre 2020, n. 1577.

[5] TAR Lazio, Roma, sez. III, sent. 6 dicembre 2019, n. 14019; sent. 16 novembre 2016, n. 11382; Cons. giust. amm. Sicilia, sez. giurisd., sent. 19 febbraio 2016, n. 52.

[6] TAR Abruzzo, L’Aquila, sez. I, sent. 7 dicembre 2022, n. 432; Consiglio di Stato, sez. V, sent. 21 dicembre 2021, n. 8486.

[7] Nello specifico: n. 15 lavapavimenti; n. 8 aspiratori; n. 5 idropulitrici, n. 20 carrelli multiuso, n. 25 lavavetri, n. 1 elevatore, n. 35 scope elettriche, n. 1 tecnico specialista, n. 1 supervisore, n. 1 squadra di pronto intervento con automezzo attrezzato.

[8] TAR Sicilia, Catania, sez. IV, sent. 13 luglio 2021, n. 2276.

[9] Consiglio di Stato, sez. V, sent. 28 novembre 2023, n. 10207.

Ti potrebbero interessare anche gli aggiornatissimi libri di carta:

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com 

Fonte immagine: Foto di Peggy und Marco Lachmann-Anke da Pixabay
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI · 28/02/2024 La valutazione economico finanziaria della concessione in valorizzazione

La concessione di valorizzazione come strumento di partenariato pubblico-privato per riqualificare il patrimonio immobiliare pubblico. Ecco i principali modelli di valutazione

La valutazione economico finanziaria della concessione in valorizzazione

La concessione di valorizzazione come strumento di partenariato pubblico-privato per riqualificare il patrimonio immobiliare pubblico. Ecco i principali modelli di valutazione

Sicurezza sul lavoro:  le nuove misure del Governo

Dopo i gravi casi di incidenti sul lavoro inserite nel DL PNRR BIS, le misure contro gli infortuni: piu controlli , Patente a punti per le imprese virtuose e 700 nuovi ispettori

Illegittima l’esclusione dalla gara fondata su vecchio Codice contratti pubblici

È illegittima l’esclusione dalla gara fondata sulle norme del vecchio Codice dei contratti pubblici. Data del primo luglio come spartiacque tra vecchia e nuova disciplina

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.