HOME

/

FISCO

/

PACE FISCALE 2023

/

LEGGE DI BILANCIO 2023: DEFINIZIONE AGEVOLATA AVVISI BONARI

Legge di bilancio 2023: definizione agevolata avvisi bonari

Definizione agevolata avvisi bonari: sanzioni dovute al 3% (in luogo del 10%), senza riduzione sulle imposte residue non versate o versate in ritardo

Ascolta la versione audio dell'articolo

Dalla Legge di Bilancio 2023 emerge un’importante novità in tema di definizione agevolata degli avvisi bonari (ex art. 36 bis D.p.r. n. 600/1973 e 54bis D.p.r. n. 633/1972). 

Vediamo il dettaglio.

1) Definizione agevolata avvisi bonari: le novità 2023 in arrivo

In particolare, il DDL di Bilancio 2023 in bozza, si prevede che le somme dovute in seguito al controllo automatizzato delle dichiarazioni:

  • relative ai periodi di imposta in corso:
    • al 31 dicembre 2019 
    • al 31 dicembre 2020 
    • al 31 dicembre 2021 (cioè per gli anni d’imposta 2019, 2020 e 2021),
  • per le quali il termine di pagamento integrale non è ancora scaduto o in caso di pagamento rateale, è ancora in corso,
  • potranno essere definite con il pagamento del debito residuo a titolo di imposte e contributi previdenziali, interessi e somme aggiuntive. 

La novità è costituita dal fatto che le sanzioni saranno dovute nella misura del 3% (in luogo del 10%), senza alcuna riduzione sulle imposte residue non versate o versate in ritardo.

Tale norma si applica agli avvisi bonari (per le annualità sopra indicate), ma che non siano già scaduti al momento dell’entrata in vigore della Legge di Stabilità (01 gennaio 2023).

Quindi, nel caso siano stati notificati gli avvisi bonari nei mesi di settembre, ottobre e novembre 2022 potrebbe essere utile chiedere la dilazione degli importi dovuti, al fine di iniziare l’anno con un avviso bonario rateizzato e non decaduto.

In buona sostanza potranno essere definiti gli avvisi bonari il cui termine di pagamento non è ancora scaduto oppure quelli già rateizzati, il cui pagamento rateale (art. 3-bis, D.Lgs. n. 462/1997) è ancora in corso alla data di entrata in vigore della norma. 

La definizione comporterà quindi che venga corrisposto:

  • il 100% di imposta (importo residuo, in caso di rateazione in corso), interessi e somme aggiuntive;
  •  il 3% delle sanzioni.

Non si applicherà alcuna riduzione sulle imposte residue non versate o versate in ritardo.

Ulteriore novità è costituta dal fatto che le dilazioni di pagamento saranno concesse con 20 rate trimestrali e non più con 8 rate per importi inferiori ad €5.000,00. 

Unica conseguenza è costituita dall’aumento dei termini decadenziali previsti per la notifica delle cartelle di pagamento e contenuti nell’art. 25, comma 1, lettera a), D.P.R. n. 602/1973; i termini saranno prorogati di un anno, in deroga all’art. 3 dello Statuto dei diritti del contribuente.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

PACE FISCALE 2023 · 22/02/2024 Rottamazione quater: entro il 15 marzo il pagamento delle prime tre rate

Riaprono i termini per chi ha saltato I e II rata della Rottamazione quater e per chi deve ancora pagare la terza

Rottamazione quater: entro il 15 marzo il pagamento delle prime tre rate

Riaprono i termini per chi ha saltato I e II rata della Rottamazione quater e per chi deve ancora pagare la terza

Riforma Accertamento e Concordato Biennale

Le principali novità del decreto sull'accertamento che riguardano il concordato biennale, ma non solo: l'ebook tratta tutte le novità in maniera chiara e precisa

Rottamazione quater: decade chi l'ha richiesta per precedente dilazione decaduta

Le Entrate durante Telefisco 2024 chiariscono tra l'altro quando si decade dalla rottamazione quater

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.