HOME

/

PMI

/

AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

/

GARANZIE SACE E CONTRIBUTI FONDO PERDUTO IMPRESE DANNEGGIATE DAL CONFLITTO IN UCRAINA

Garanzie SACE e contributi fondo perduto imprese danneggiate dal conflitto in Ucraina

Il Temporary framework “Ucraina” e le misure per fronteggiare la crisi di liquidità delle imprese nazionali in vigore fino al 31 dicembre 2022

Per attenuare l’impatto economico negativo del conflitto russo-ucraino e sostenere i settori e le imprese maggiormente colpiti dalla crisi la Commissione Europea ha istituito uno specifico regime di aiuti denominato “Quadro temporaneo di crisi per misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia a seguito dell’aggressione della Russia contro l’Ucraina” che sarà in vigore fino al 31 dicembre 2022. In tale ambito sono previste diverse misure volte a facilitare l’accesso alla liquidità per le imprese nazionali tra cui spiccano, senz’altro, le garanzie sui finanziamenti prestate da SACE (che possono arrivare sino al 90%) e i contributi a fondo perduto per le PMI che hanno subiti cali della produzione o incrementi dei costi di acquisto.

1) Il Temporary framework “Ucraina”

In risposta all’emergenza economica legata alla crisi in Ucraina la Commissione Europea ha adottato un Temporary framework “straordinario” (Com. Comm. C(2022) 1890 del 23 marzo 2022 recentemente integrato ed esteso dalla Com 2022/C 280/01, pubblicata in GUUE il 21 luglio 2022) che concede agli Stati Membri la possibilità di erogare alle imprese contributi fino ad un importo massimo di 400.000 euro. A tal fine è richiesto che gli aiuti erogati siano concessi a imprese colpite dalla crisi, sulla base di un regime con budget previsionale, entro e non oltre il 31 dicembre 2022.

Nell’ambito del summenzionato regime di favore il Ministero dello Sviluppo Economico ha istituito per l'anno 2022 un fondo con dotazione di 130 milioni di euro necessario a calmierare le ripercussioni economiche negative per le imprese nazionali derivanti dalla crisi internazionale, che si sono tradotte in perdite di fatturato derivanti dalla contrazione della domanda, dall'interruzione di contratti e progetti esistenti e dalla crisi nelle catene di approvvigionamento.

Più nel dettaglio, nell’ambito delle novità introdotte dal D.L. n. 50/2022 (c.d. “Decreto Aiuti”) all’esito della conversione nella Legge 15 luglio 2022 n. 91 sono previste:

  • specifiche garanzie prestate da SACE per il sostegno alla liquidità delle imprese (artt. 15 e 15-ter);
  • contributi a fondo perduto per il sostegno alle imprese danneggiate dalla crisi Ucraina (art. 18).

Ma procediamo con ordine. 

2) Le garanzie prestate da SACE

La disposizione contenuta nell’art. 15 del D.L. n. 50/2022, parzialmente modificata in sede di conversione, prevede il riconoscimento di alcune garanzie per consentire alle imprese con sede in Italia di sopperire alla crisi di liquidità riconducibile alle conseguenze economiche negative derivanti:

  • dal conflitto russo-ucraino;
  • dalle sanzioni imposte dall'Unione europea e dai partner internazionali nei confronti della Russia e della Bielorussia;
  • dalle eventuali misure ritorsive adottate dalla Russia.

Operativamente SACE concede, fino al 31 dicembre 2022, garanzie in favore di banche, istituzioni finanziarie nazionali e internazionali e altri soggetti abilitati all'esercizio del credito in Italia, per finanziamenti sotto qualsiasi forma in favore delle imprese, ivi inclusa l'apertura di credito documentaria finalizzata a sostenere le importazioni verso l'Italia di materie prime o fattori di produzione la cui catena di approvvigionamento sia stata interrotta o abbia subito rincari per effetto della crisi attuale.

Si noti che l’art. 15-ter, introdotto in sede di conversione in legge, ha allargato il sistema delle garanzie anche alle imprese che effettuano lo stoccaggio di gas naturale, sempre nel rispetto dei criteri e delle condizioni previste dalla normativa Ue per gli Aiuti di Stato.

Per beneficiare delle garanzie l'impresa deve dimostrare alternativamente che:

  • la crisi in atto comporta dirette ripercussioni economiche negative sull'attività d'impresa in termini di contrazione della produzione o della domanda dovute a perturbazioni nelle catene di approvvigionamento dei fattori produttivi,
  • che l'attività d'impresa è limitata o interrotta quale conseguenza immediata e diretta dei rincari dei costi per energia e gas riconducibili alla crisi in atto e che le esigenze di liquidità sono conseguenza di tali circostanze.

Beneficiarie della garanzia sono le imprese:

  • che alla data del 31 gennaio 2022 non si trovavano in situazione di difficoltà ai sensi del regolamento (UE) n. 651/2014 e del regolamento (UE) n. 1388/2014;
  • in difficoltà alla data del 31 gennaio 2022, purché siano state ammesse alla procedura del concordato con continuità aziendale (art. 186-bis del R.D. n. 267/1942), o abbiano stipulato accordi di ristrutturazione dei debiti (art. 182-bis del R.D. n. 267/1942) o abbiano presentato un piano ai sensi dell'articolo 67 del medesimo R.D. n. 267/1942, a condizione che alla data di presentazione della domanda le loro esposizioni non siano classificabili come esposizioni deteriorate, non presentino importi in arretrato e il soggetto finanziatore, sulla base dell'analisi della situazione finanziaria del debitore, possa ragionevolmente presumere il rimborso integrale dell'esposizione alla scadenza ex art. 47-bis, par. 6, c. 1, lett. a) e c), del regolamento (UE) n. 575/2013.

Le garanzie operano per finanziamenti:

  • di durata non superiore a 6 anni (estensibile fino a 8), con la possibilità per le imprese di avvalersi di un preammortamento di durata non superiore a 36 mesi. Non saranno ammessi preammortamenti di durata rappresentata da frazione di anno ma solo per multipli di 3 mesi;
  • di importo non superiore al maggiore tra:
  1. il 15% del fatturato annuo totale medio degli ultimi 3 esercizi conclusi come risultante dai relativi bilanci o dalle dichiarazioni fiscali (se l'impresa ha iniziato la propria attività dopo il 31.12.2019, si fa riferimento al fatturato annuo totale medio degli esercizi effettivamente conclusi) e
  2. il 50% dei costi sostenuti per fonti energetiche nei 12 mesi precedenti il mese della richiesta di finanziamento.

Il finanziamento coperto dalla garanzia, inoltre, deve essere destinato a sostenere costi del personale, canoni di locazione o di affitto di ramo d'azienda, investimenti o capitale circolante impiegati in stabilimenti produttivi e attività imprenditoriali che siano localizzati in Italia e le medesime imprese devono impegnarsi a non delocalizzare le produzioni.

La copertura della garanzia è la seguente:

Misura garanzia

Requisiti dimensionali impresa

90%

Dipendenti in Italia ≤ 5.000

Fatturato ≤ 1,5 miliardi di euro

80%

Dipendenti in Italia > 5.000

Fatturato tra 1,5 e 5 miliardi di euro

70%

Fatturato > 5 miliardi di euro

 

ll costo complessivo per il richiedente è ottenuto come somma del costo di finanziamento specifico - tasso di interesse incluso margine - definito da ciascun soggetto finanziatore, e del costo della garanzia

Per espressa previsione normativa il costo dei finanziamenti coperti dalla garanzia deve essere inferiore al costo che sarebbe stato richiesto dal soggetto o dai soggetti eroganti per operazioni con le medesime caratteristiche ma prive della garanzia. Il costo della garanzia - concessa a condizioni agevolate rispetto alla normale operatività - per i finanziamenti di durata fino a 6 anni è invece calcolato come di seguito:

Tipo di destinatario

Margine per il rischio di credito per il 1° anno

Margine per il rischio di credito per il 2° - 3° anno

Margine per il rischio di credito per il 4° - 6° anno

PMI

25 punti base

50 punti base

100 punti base

Grandi imprese

50 punti base

100 punti base

200 punti base

 

Per i finanziamenti fino a 8 anni il premio e la percentuale di garanzia sono determinati in conformità alla decisione della Commissione europea.

Il processo per l’ottenimento della garanzia SACE si compone di diverse fasi, al termine delle quali l’impresa riceve il finanziamento o la linea di credito richiesta. Le modalità operative da seguire sono distinte a seconda della classe di fatturato dell’impresa e del numero dei dipendenti in Italia.

Procedura semplificata

Riservata a imprese con fatturato individuale fino a 1,5 miliardi di euro o con non più di 5.000 dipendenti in Italia o, comunque, per finanziamenti di importo massimo garantito fino a 375 milioni di euro

Procedura ordinaria

Per imprese con fatturato individuale superiore a 1,5 miliardi di euro o con numero di dipendenti in Italia superiore a 5.000 o per finanziamenti di importo massimo garantito superiore a 375 milioni di euro

 

3) I contributi a fondo perduto per il sostegno alle imprese colpite dalla crisi Ucraina

L’art. 18 del D.L. n. 50/2022 ha istituito un fondo con dotazione di 130 milioni di euro per far fronte, mediante erogazione di contributi a fondo perduto, alle ripercussioni economiche negative per le imprese nazionali derivanti dalla crisi internazionale in Ucraina, tradottesi in perdite di fatturato e crisi delle filiere di approvvigionamento.

Sotto il profilo soggettivo, beneficiarie dell’agevolazione sono le piccole e medie imprese (diverse da quelle agricole) che rispettano cumulativamente i seguenti requisiti: 

1

Effettivo coinvolgimento (diretto o indiretto) negli ultimi 2 anni in operazioni commerciali con l'Ucraina, la Federazione russa e la Repubblica di Bielorussia, pari almeno al 20% del fatturato aziendale totale

2

Hanno subito nel corso dell'ultimo trimestre antecedente la data di entrata in vigore del decreto un incrementato del costo di acquisto medio per materie prime e semilavorati di almeno il 30% rispetto al costo di acquisto medio dello stesso periodo del 2019*

3

Hanno registrato nel corso del trimestre antecedente la data di entrata in vigore del decreto un calo di fatturato di almeno il 30% rispetto all'analogo periodo del 2019

* per le imprese costituite dall'1.1.2020 il calcolo deve essere effettuato rispetto al costo di acquisto medio del corrispondente periodo dell'anno 2021

 

Le risorse del fondo sono ripartite tra le imprese aventi diritto, riconoscendo a ciascuna un importo calcolato applicando una percentuale pari alla differenza tra l'ammontare medio dei ricavi relativi all'ultimo trimestre anteriore alla data di entrata in vigore del decreto Aiuti e l'ammontare dei medesimi ricavi riferiti al corrispondente trimestre del 2019, determinata come segue:

  • 60%, per i soggetti con ricavi relativi al periodo d'imposta 2019 non superiori a 5 milioni di euro;
  • 40%, per i soggetti con ricavi relativi al periodo d'imposta 2019 compresi tra 5 milioni di euro e 50 milioni di euro.

I contributi erogati non possono in ogni caso superare il tetto massimo di euro 400.000 per singolo beneficiario e sono attribuiti nel rispetto dei limiti e delle condizioni previsti dalla Comunicazione della Commissione europea 2022/C131 I/01, recante il Temporary framework “Ucraina”. 

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE · 04/10/2022 Credito d'imposta investimenti beni strumentali 4.0: la compilazione del Quadro RU

Come si compila il Quadro RU della dichiarazione dei redditi per acquisto di bene strumentale nuovo "transizione 4.0" entrato in funzione nel 2021 e interconnesso nel 2022?

Credito d'imposta investimenti beni strumentali 4.0: la compilazione del Quadro RU

Come si compila il Quadro RU della dichiarazione dei redditi per acquisto di bene strumentale nuovo "transizione 4.0" entrato in funzione nel 2021 e interconnesso nel 2022?

Fondo di Garanzia PMI Turismo: dal 10 ottobre domande di agevolazioni

Alberghi, stabilimenti balneari, parchi tematici e altri del comparto turismo potranno richiedere dal 10 ottobre garanzie dello Stato per finanziamenti per il rilancio del settore

Imprese economia sociale: le domande dal 13 ottobre

Economia sociale: incentivi per le imprese artistiche, creative e con occupazione di soggetti svantaggiati. Beneficiari e spese agevolabili. Dal 13 ottobre 2022 le domande

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.