HOME

/

FISCO

/

NUOVA IMU 2022

/

I CONIUGI CON RESIDENZE DIVERSE: IL PUNTO IN VISTA DELL'ACCONTO IMU DEL 16 GIUGNO 2022

I coniugi con residenze diverse: il punto in vista dell'acconto IMU del 16 giugno 2022

I coniugi residenti in abitazioni diverse scelgono quale non deve pagare IMU e lo comunicano al Comune con la Dichiarazione IMU. La norma si applica dal 1 gennaio 2022

La normativa, come indicato nella lettera b) del comma 741, prevede poi che ai fini IMU sia possibile avere una sola prima casa per ciascun nucleo familiare. Per questo nel caso in cui i diversi componenti abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati nel territorio comunale, le agevolazioni per l'abitazione principale e per le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile. 

Per approfondire ti consigliamo l'aggiornatissimo e-book  IMU 2022: tutte le novità per il versamento dell'IMU per il 2022


1) Dal 1 gennaio 2022 spetta l'agevolazione per un solo immobile

Il testo originario è stato modificato dalla legge 215/2021 per chiarire che  spetta un'unica esenzione anche quando i coniugi hanno residenze in comuni diversi.

Il nuovo testo, in vigore dal 1° gennaio 2022 stabilisce infatti che:   "Nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati nel territorio comunale o in comuni diversi, le agevolazioni per l'abitazione principale e per le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile, scelto dai componenti del nucleo familiare". 

Per approfondire ti consigliamo l'aggiornatissimo e-book  IMU 2022: tutte le novità per il versamento dell'IMU per il 2022

Di fatto in questo modo si risolve una questione annosa affrontata nel corso degli anni da diverse sentenze della Cassazione. 

Secondo la Corte, infatti, alla luce della normativa previgente non era ammesso  il beneficio dell'esenzione a due  coniugi con residenze in Comuni diversi ((sentenze nn. 4166/2020, 4170/2020, 20130/2020, 2194/2021, 17408/2021).  

In sostanza la Corte aveva sempre  ribadito che nel caso di residenze e dimore distinte, nessuno dei due fabbricati può essere considerato abitazione principale (e, quindi, nessuno dei due meritevole di esenzione IMU) se i Comuni delle abitazioni sono diversi, dando quindi ragione ai Comuni che rilevando comportamenti elusivi avevano avviato azioni di recupero nei confronti di queste situazioni. La scelta dell'immobile da considerare come prima casa va comunque comunicata al Comune con la Dichiarazione IMU.

In base al vincolo relativo all'abitazione del nucleo familiare, nel caso di coniugi anagraficamente residenti in comuni diversi veniva dato per scontato che, qualora l'ente accertasse – ad esempio attraverso una verifica dei consumi - che lo “spacchettamento” del nucleo familiare è avvenuto al solo scopo di evitare l'IMU, ad esempio su una seconda casa di vacanza, avrebbe il diritto di recuperare le imposte non versate. Alla luce delle nuove norme è stata presentata una interrogazione parlamentare al Ministro dell'economia relativa alla possibilità di presentare ricorso contro questi accertamenti. Il Ministro ha però chiarito che   l'art 1 comma 741 della legge n. 160 del 2019 (come modificato dall'art 5-decies del decreto-legge n. 146 del 2021) non ha natura interpretativa e, quindi, retroattiva, ma al contrario innovativa e, pertanto, può trovare applicazione solo per l'avvenire. Infatti la disposizione di cui al decreto-legge n. 146 del 2021 è stata introdotta proprio per escludere, per il futuro, l'incertezza interpretativa ingenerata negli anni pregressi dalla norma originaria e che la portata applicativa della nuova definizione di abitazione principale; con riferimento al periodo pregresso 2017-2021, trova applicazione la disciplina previgente, secondo cui alla luce dell'orientamento ormai consolidato della Corte di cassazione, «nel caso in cui non è unico il riferimento alla residenza anagrafica e alla dimora abituale del  nucleo familiare, l'esenzione non spetta in nessun caso».

Potrebbe interessarti anche Dichiarazione IMU 2022: novità in arrivo sulla modulistica

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

[email protected] - 30/05/2022

Buongiorno, sono comproprietaria al 50% con mio figlio di un UNICO immobile. Il figlio ha trasferito la propria residenza in altro comune. Si richiede se ci sono i presupposti per lo sconto 50% . Grazie

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

NUOVA IMU 2022 · 30/06/2022 Credito d'imposta IMU: arriva l'autorizzazione europea per il settore Turismo

Turismo: in arrivo il credito di imposta per la seconda rata IMU 2021 a certe condizioni. Vediamo i requisiti per averlo. Dubbi sui gestori degli immobili

Credito d'imposta IMU: arriva l'autorizzazione europea per il settore Turismo

Turismo: in arrivo il credito di imposta per la seconda rata IMU 2021 a certe condizioni. Vediamo i requisiti per averlo. Dubbi sui gestori degli immobili

Dichiarazione IMU 2022: prorogata al 31 dicembre

Il nuovo Dl semplificazioni fisco porta novità sulla dichiarazione IMU 2022: approvato ieri 15 dicembre con proroga della dichiarazione IMU

Acconto IMU 2022: le sanzioni per i pagamenti errati o in ritardo

Cosa fare da oggi per i pagamenti errati o effettuati in ritardo dell'acconto IMU 2022

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.