HOME

/

CONTABILITÀ

/

IL BILANCIO D'ESERCIZIO 2021

/

VALUTAZIONE DI BILANCIO: DAL FUNZIONAMENTO ALLA LIQUIDAZIONE

Valutazione di bilancio: dal funzionamento alla liquidazione

La valutazione del bilancio quando viene meno il postulato going concern: dal “funzionamento” alla “liquidazione”

Il venir meno della validità del postulato del going concern dell’azienda - come complesso funzionante e destinato a continuare a funzionare almeno per i dodici mesi successivi alla data di riferimento del bilancio[1] - si concretizza alla data del passaggio dalla gestione degli amministratori a quella dei liquidatori[2]

In particolare, la cessazione dell’attività produttiva comporta l’abbandono dei criteri di iscrizione e valutazione di funzionamento e l’adozione dei criteri di liquidazione[3]

A fronte di ciò, si pongono due problemi di rilevante importanza pratica, che sono strettamente collegati con quelli della formazione dei bilanci di liquidazione: 

a) se e con quali modalità si debba tener conto dello stato di liquidazione nella redazione del bilancio del precedente esercizio, quando l’inizio della liquidazione è vicino alla data di chiusura dell’esercizio; 

b) se, in ipotesi del venir meno della validità del postulato del going concern nel corso dell’esercizio, si possano abbandonare i criteri di funzionamento e passare ai criteri di liquidazione nella redazione del bilancio (o, prima ancora, di eventuali bilanci infrannuali, come ad esempio la situazione patrimoniale ex artt. 2446 e 2447) a prescindere dalla formale messa in liquidazione della società.

1) Il passaggio dal bilancio di “funzionamento” a quello di “liquidazione”.

Con riferimento al punto a), si può affermare senza ombra di dubbio che, fino al momento della data di chiusura del bilancio dell’esercizio precedente, non è lecito abbandonare i criteri di iscrizione e valutazione di funzionamento, ma è necessario applicarli nella prospettiva della cessazione dell’attività e della liquidazione dell’impresa. 

Tanto è vero che, l’art. 2486, 1° comma, recita: “fino alla data di pubblicazione della nomina dei liquidatori, gli amministratori “conservano il potere di gestire la società sia pure ai fini della conservazione dell’integrità e del valore del patrimonio sociale”. Ciò significa che non vi è cessazione dell’attività dell’impresa se non si è verificato il presupposto di trasformazione economica per il passaggio dai criteri di funzionamento ai criteri di liquidazione.

2) Le cause di cessazione del going concern

Non tutte le cause di scioglimento della società si verificano in conseguenza del venir meno del postulato del going concern, e dunque non sempre alla data di effetto dello scioglimento l’impresa ha già cessato o sta per cessare la sua attività produttiva. 

Di conseguenza, a chiarimento del punto b) si deve necessariamente fare un passaggio sulla norma di cui all’art. 2484, 1° comma, c.c. che individua ai punti ai nn. 1, 2, 3, 5 e 6, le cause di scioglimento che di fatto non incidono sulla funzionalità dell’impresa come organismo produttivo e non pregiudicano il suo equilibrio economico e finanziario. 

L’elencazione prevede: 

  • il decorso del termine di durata (senza che sia stata deliberata la proroga), perché ciò non comporta necessariamente la cessazione dell’attività; 
  • il conseguimento dell’oggetto sociale o sopravvenuta impossibilità di conseguirlo (a meno che le due ipotesi non comportino l’arresto dell’attività produttiva);
  • l’impossibilità di funzionamento o continuata inattività dell’assemblea, che non comportano la cessazione dell’attività produttiva, anche perché le disfunzioni amministrative possono essere superate con idonei provvedimenti previsti dalla legge;
  • l’impossibilità di liquidazione della quota del socio recedente, perché l’attività produttiva continua fino a che l’assemblea non deliberi lo scioglimento anticipato;
  • la deliberazione di anticipato scioglimento al di fuori delle ipotesi di riduzione del capitale per perdite (ad esempio, per divergenze tra i soci sull’opportunità di continuare a svolgere una determinata attività. Tutte ipotesi in cui fino alle consegne ai liquidatori, esiste pur sempre un complesso produttivo funzionante).

A ben vedere, si può affermare la regola che, solo nell’ipotesi del verificarsi di perdite tali da ridurre il capitale al di sotto del minimo di legge (o addirittura da comportare l’intera perdita del capitale e l’emersione di un deficit netto) ed in mancanza di adeguata ricapitalizzazione, che indubbiamente si realizza sia uno squilibrio economico-patrimoniale che uno squilibrio finanziario, e quindi l’accertamento dello stato di insolvenza, tali da comportare, anche se non immediatamente, la cessazione a breve dell’attività produttiva e, probabilmente. (Nelle altre cinque ipotesi elencate dalla norma del codice civile, la cessazione dell’attività produttiva si verifica non alla data di effetto della causa di scioglimento, bensì alla data di inizio della gestione di liquidazione).

3) Gli effetti del venir meno del goigng concern

Invero, il going concern, a prescindere dallo scioglimento e messa in liquidazione della società, può verificarsi in un momento qualunque dell’esercizio, senza che vi sia alcuna relazione con la messa in liquidazione della società (che non è neanche prevista, se non sono verificate una delle cause di scioglimento). 

Un elenco di eventi e circostanze che, singolarmente o nel loro complesso, possono far sorgere significativi dubbi sulla permanenza di validità del postulato è contenuto nel par. 8 del documento dei principi di revisione nazionale n. 570 “Continuità Aziendale[4]

(raccomandato dalla CONSOB).

Di fatto il principio di revisione citato, individua un elenco preciso di indicatori atti a segnalare il venir meno del going concern

i. Indicatori finanziari

  • situazione di deficit patrimoniale o di capitale circolante netto negativo;
  • prestiti a scadenza fissa e prossimi alla scadenza senza che vi siano prospettive verosimili di
  • rinnovo o di rimborso; oppure eccessiva dipendenza da prestiti a breve termine per finanziare attività a lungo termine;
  • indicazioni di cessazione del sostegno finanziario da parte dei finanziatori e altri creditori;
  • bilanci storici o prospettici che mostrano cash flow negativi;
  • principali indici economico-finanziari negativi;
  • consistenti perdite operative o significative perdite di valore delle attività che generano cash flow;
  • mancanza o discontinuità nella distribuzione dei dividendi;
  • incapacità di saldare i debiti alla scadenza;
  • incapacità nel rispettare le clausole contrattuali dei prestiti;
  • cambiamento delle forme di pagamento concesse dai fornitori dalla condizione “a credito” alla condizione “pagamento alla consegna”;
  • incapacità di ottenere finanziamenti per lo sviluppo di nuovi prodotti ovvero per altri investimenti necessari. 

ii. Indicatori gestionali:

  • perdita di amministratori o di dirigenti chiave senza riuscire a sostituirli; 
  • perdita di mercati fondamentali, di contratti di distribuzione, di concessioni o di fornitori importanti;
  • difficoltà nell’organico del personale o difficoltà nel mantenere il normale flusso di approvvigionamento da importanti fornitori.

iii. Altri indicatori: 

  • capitale ridotto al di sotto dei limiti legali o non conformità ad altre norme di legge;
  • contenziosi legali e fiscali che, in caso di soccombenza, potrebbero comportare obblighi di risarcimento che l’impresa non è in grado di rispettare;
  • modifiche legislative o politiche governative dalle quali si attendono effetti sfavorevoli all’impresa.
  • situazioni di crisi pandemica (come il COVID 19) che producono e fanno attendere effetti sfavorevoli all’impresa.

In tutte le ipotesi elencate sopra, è bene considerare agli effetti del going concern:

a) che in conseguenza del verificarsi di un evento interno o esterno all’impresa si produca una cessazione pressoché immediata dell’attività produttiva; 

b) che l’evento in questione consenta pur sempre uno svolgimento ridotto dell’attività per qualche mese[5] e l’avvio di una normale procedura liquidatoria con le fasi previste dalla norma e nella prassi. 

4) Conclusioni

Si ricorda che, il riferimento al postulato del going concern dimostra la sua rilevanza non solo nel passaggio dal funzionamento alla liquidazione dell’impresa, ma ancor prima laddove l’art. 2086 del C.c., esplicita il dovere degli amministratori di mantenere gli adeguati assetti societari (tanto più nel recente Decreto dirigenziale della composizione negoziata).

Di conseguenza, il revisore deve essere vigile a circoscrivere in modo attendibile il venir meno del postulato assumendo gli adeguati livelli probativi[6] a supporto delle stime operate dai liquidatori, specificando il particolare contesto caratterizzato da significative incertezze. 

Per un aggiornamento sulle novità del bilancio ti consigliamo un webinar che si terrà il 6 aprile 2022 dalle 15 alle 17 Relatore dott. Ernesto Gatto. Il webinar sarà disponibile anche in differita.

Ti segnaliamo:

5) Note


[1] Cfr. “Principio della continuità aziendale “, principio contabile nazionale OIC 11.


[2] Cfr. par 7, OIC 5: “…a meno che l’assemblea dei soci, in sede di nomina dei liquidatori, non abbia disposto la continuazione dell’attività, ossia l’“esercizio provvisorio dell’impresa” per un periodo di tempo determinato in attesa della vendita in blocco dell’azienda”

[3] Cfr. Par 2, OIC 5

[5] Si consideri che, in ambedue le ipotesi, l’elemento della cessazione dell’attività produttiva o, almeno, deve diagnosticarsi come afferma lo IASB nella “significativa riduzione del livello della propria operatività”, Framework IASB, par. 23. 

[6] Si veda anche Peta M., “responsabilità del revisore gli elementi probativi, Fisco e Tasse, La revisione Legale, 25 ottobre 2021. /www.fiscoetasse.com/approfondimenti/14375-responsabilita-del-revisore-gli-elementi-probativi.html

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

REDDITI SOCIETA' DI CAPITALI 2022 · 13/05/2022 Deposito bilancio società quotate: cambia il formato ESEF per i bilanci 2021

Aggiornate le istruzioni per il deposito del bilancio ESEF 2022. Il manuale operativo di Unioncamere e le risposte a FAQ di xBRL

Deposito bilancio società quotate: cambia il formato  ESEF per i bilanci 2021

Aggiornate le istruzioni per il deposito del bilancio ESEF 2022. Il manuale operativo di Unioncamere e le risposte a FAQ di xBRL

L'incarico di revisione: esempi con il software Revisal

L’accettazione e il mantenimento dell’incarico di revisione: la valutazione dei rischi, l’indipendenza e l’ obiettività. Esempi redatti attraverso il software cloud revisal

Le scadenze fiscali di maggio 2022: dal deposito Bilancio alle rate della Rottamazione

Le principali scadenze fiscali del mese di maggio dal deposito del Bilancio presso il Registro delle Imprese alla messa disposizione della Dichiarazione 730/2022 precompilata

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.