HOME

/

PMI

/

CONTROLLO DI GESTIONE E INDICI DI ALLERTA NELLE PMI

/

LA TRAPPOLA DELLA TECNICA NELLA GESTIONE DELLE PMI

La trappola della tecnica nella gestione delle PMI

Dal tecnicismo dell'imprenditore all'esigenza di competenze sempre più trasversali: il tessuto imprenditoriale italiano e i piccoli step da fare per evolversi

L’ecosistema imprenditoriale italiano è estremamente diverso da quello degli altri grandi paesi industrializzati del mondo.

Per rendersene conto è sufficiente guardare la definizione di PMI che viene data dalla raccomandazione europea[1] e confrontarla con quello che nel panorama nazionale sono le Piccole e Medie Imprese.

Difficilmente, infatti, potrebbe essere classificata come Media un’impresa che fattura fra i 10 e i 50 milioni di EURO e ha fra 50 e 250 dipendenti, oppure come piccola un’impresa con un fatturato fra i 10 e i 50 Milioni di EURO e un numero di dipendenti fra i 10 e i 50.

Altra peculiarità delle nostre aziende è l’estremo tecnicismo sul prodotto che caratterizza l’imprenditore, se da una parte questo comporta l’indubbio vantaggio di riuscire ad avere delle vere e proprie eccellenze in moltissimi campi produttivi, dall’altro possiamo ritrovarci in quella che possiamo definire la “trappola della tecnica”.

La “trappola della tecnica” è quel fenomeno per cui viene posta maggiore importanza nel proprio ambito di competenza tralasciando gli altri aspetti di un sistema. 

Questo avviene principalmente perché la propria competenza rappresenta anche la “comfort zone” in cui è facile sentirsi più tranquilli e sicuri e in cui risiede la possibilità di far valere l’importanza delle conoscenze acquisite.

Il tecnico, però, essendo immerso nel proprio ambito, spesso non riesce ad avere una visione d’insieme dell’azienda o, meglio, potrebbe non riuscire a valutarne sempre correttamente le priorità.

I rischi nei quali può incorrere l’imprenditore a causa della trappola della tecnica sono, da un lato, la prevalenza di un aspetto sugli altri, dall’altro il non riuscire a porsi degli obiettivi realmente sfidanti sia per carenza di competenze presenti nell’azienda negli altri ambiti sia perché l’eccesso di tecnicismo non permette di valutare correttamente gli ostacoli rischiando di considerarli insormontabili.


 

[1] Raccomandazione Commissione Europea 2003/361/CE recepita con decreto ministeriale 18.04.2005

Scopri Finalyst  il Software di Analisi Finanziaria e Corporate Performance Management - RICHIEDI DEMO GRATUITA 

 Finalyst     strumento online che consente a commercialisti, consulenti, imprenditori, CFO e altri professionisti del settore, di svolgere un'efficace sistema di pianificazione e controllo, anche attraverso il calcolo degli indici di allerta (Nuovo Codice della Crisi e dell’Insolvenza).

1) Il ruolo della tecnica nell’organizzazione aziendale

Le aziende sono un sistema complesso formato da diverse aree ognuna delle quali necessita di competenze, tecnica e supervisione.

Altri aspetti fondamentali sono sia l’equilibrio che deve sussistere fra le varie componenti, in modo che ogni area sia valorizzata nella giusta misura, che l’interazione fra le stesse per fare in modo che ogni area sia informata di quello che sta accadendo nell’azienda e sia coordinata e coerente con le altre.

Ogni azienda, per quanto piccola, ha al suo interno almeno quattro funzioni che poi, seguendo le dimensioni dell’impresa, possono essere ulteriormente suddivise.

Le quattro aree[1], volendo semplificare, sono:

  • Produzione
  • Commerciale
  • Finanziaria
  • Amministrativa

Molto spesso accade che, trattandosi di aziende di dimensioni ridotte, l’imprenditore[2] segua, o comunque supervisioni operativamente, tutte le funzioni lasciando ai dipendenti la mera funzione di esecuzione. 

Tale modus operandi può comportare, da una parte, un eccessivo accentramento nella figura dell’imprenditore, con conseguente deresponsabilizzazione dei collaboratori e rischio di imbuto decisionale, dall’altra, tornando al concetto di Trappola della tecnica, un’eccessiva focalizzazione nell’area di reale competenza dell’imprenditore.


 

[1] Se a prima vista tale suddivisione sembra essere applicabile solo alle aziende che operano in ambiti produttivi non possiamo scordare che anche le imprese di servizi hanno l’ambito di “Produzione del Servizio”, senza considerare le aziende di servizi “industriali” che, essendo Capital Intensive hanno una struttura dei costi che, in quanto rigida, è paragonabile a quella delle imprese di produzione.

 

[2] In questa sede parliamo sempre di imprenditore, ma lo stesso discorso è valido anche per quelle aziende la cui Governance è formata da un CdA le cui Best Practice sono particolarmente importanti per la corretta gestione aziendale

2) Il ruolo dell’imprenditore

In questo contesto Il ruolo dell’imprenditore è particolarmente delicato perché, tralasciando le imprese veramente micro che non hanno struttura organizzativa di alcun tipo, di pari passo con la crescita dell’azienda deve essere abbandonata la funzione operativa e uscire quindi dalla propria Comfort Zone.

Infatti l’imprenditore avrà in primis un ruolo da manager dovendo organizzare le risorse a disposizione ma, cosa ancora più importante, dovrà scegliere dei collaboratori che abbiano le capacità specifiche che non possiede direttamente

Al crescere delle dimensioni, come si diceva, dovrà fare un ulteriore passo lasciando il ruolo organizzativo a manager che sappiano utilizzare le tecnicalità di cui dispongono, passando ad avere sempre più un ruolo di supervisione generale e di strategia a lungo termine ponendo degli obiettivi di carattere più complessivo.

In questo modo si ha quello che viene definita la “rarefazione della tecnica” per cui, salendo sempre più dal medium management al top management fino al vertice aziendale, la tecnica si fa sempre meno specifica lasciando spazio a competenze meno specialistiche ma che permettono una visione più ampia oltre che una maggior capacità di controllo.

In tutto questo è fondamentale che all’interno delle aziende ci sia un costante accrescimento e circolazione di competenze e informazioni, per questo le aziende hanno la necessità di un decentramento della tecnica che permetta una sempre maggiore autonomia delle aree rimanendo comunque all’interno delle Linee Guida dettate dalla Governance.

 

3) Conclusioni

Quanto fin qui espresso non vuole significare che occorre abbandonare la tecnicalità del lavoro, che deve assolutamente essere presente nelle aziende e che ha permesso a molte imprese nazionali di essere delle eccellenze a livello mondiale.

È però vero che, se prima era sufficiente avere un prodotto di estrema qualità, ora non può essere l’unico focus dell’imprenditore.

Questo significa, quindi, che le capacità tecniche devono essere trasversali e non concentrate nella produzione, poiché ogni settore dell’azienda ha la sua specifica importanza essendo parte di un “organismo” complesso.

Occorre, allora, che l’imprenditore acquisisca competenze anche esternamente ed in maniera indiretta, ovvero ricercando quelle competenze per inserirle all’interno del proprio sistema[1] e, allo stesso tempo, che trasmetta ad altri la propria tecnicalità lasciando il ruolo operativo per avere quanto più possibile una visione d’insieme.

Aspetto fondamentale di questo processo è la capacità di delegare e la corretta gestione della delega, che deve riuscire a equilibrare l’autonomia del collaboratore con il controllo esercitato dall’imprenditore.

[1] Sempre in tema di Governance lo stesso discorso dovrebbe essere riproposto nel CdA che, nella sua composizione, dovrebbe procedere verso una “professionalizzazione” prevedendo al suo interno la presenza di Amministratori Delegati interni “tecnici”, consiglieri professionali e consiglieri indipendenti

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

CONTROLLO DI GESTIONE E INDICI DI ALLERTA NELLE PMI · 24/02/2022 Fattori ESG e valore dell’impresa

Fattori ESG: environment -social- governance come si applicano alla gestione dell'impresa. Sintesi di un documento della Fondazione nazionale commercialisti

Fattori ESG  e valore dell’impresa

Fattori ESG: environment -social- governance come si applicano alla gestione dell'impresa. Sintesi di un documento della Fondazione nazionale commercialisti

E.S.G. fattori sociali:  un’opportunità per  le P.M.I.

"ESG" sta per Environmental, Social e Governance: fattori sempre piu rilevanti nella gestione delle imprese anche di piccole dimensioni

Dichiarazione preventiva obbligatoria per la nomina degli amministratori: fac-simile

Gli amministratori di società di capitali, prima della nomina, devono presentare la dichiarazione preventiva di insussistenza delle cause di ineleggibilità: guida alla compilazione

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.