HOME

/

DIRITTO

/

LA RIFORMA DELLO SPORT

/

GLI SPORTIVI PROFESSIONISTI E IL REGIME DEI LAVORATORI IMPATRIATI

Gli sportivi professionisti e il regime dei lavoratori impatriati

L'applicazione delle ritenute ai redditi di lavoro dipendente da parte delle società sportive nei confronti dei lavoratori impatriati

Come ci si comporta con le ritenute alla fonte nel caso di professionisti in ambito sportivo rientranti nel regime speciale dei lavoratori impatriati?  Domanda a cui è necessario dare risposta nel momento in cui ci si occupa di elaborazione dei cedolini da lavoro dipendente per società sportive che operano nel settore professionistico che impiegano nelle loro maestranze dei lavoratori impatriati, cioè soggetti che , per causa o a causa di scelte di vita, hanno  vissuto fuori dal territorio italiano per un certo periodo di tempo e ora vogliono tornare a lavorare in Italia.

Ti consigliamo:

Segui il Dossier Riforma dello Sport per rimanere sempre aggiornato su tutte le novità nel mondo delle Associazioni e Società sportive dilettantistiche

1) La tassazione agevolata e i chiarimenti dell'Agenzia

Sono previste delle agevolazioni sul conteggio e il versamento delle ritenute  derivanti dal disposto dell’articolo 16 del Decreto Legislativo 147/2015  che prevede esplicitamente  vi sia possibilità di operare usufruendo di una tassazione agevolata sussistendo l’esistenza di due presupposti : 

  • il lavoratore non è stato residente in Italia nei due periodi d’imposta precedenti il trasferimento e si impegna a risiedervi per almeno due anni
  • l’attività lavorativa è svolta prevalentemente nel territorio italiano.

Con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 3 marzo 2021 viene stabilito che per usufruire di tale regime agevolato  si debba procedere a  versare , senza possibilità di compensazione, un importo   pari al 5% o al 10 % dei redditi percepiti nell’annualità precedente tranne che per i lavoratori sportivi professionistici  il cui reddito è detassato sempre nella misura del 50% e sempreché versino un contributo pari allo 0,5% dell’imponibile, destinato al potenziamento dei settori giovanili. Al proposito è stato istituito il codice tributo  1900” istituito con risoluzione n. 17/2021 , denominato  "Contributo sportivi professionisti impatriati - adesione al regime agevolato di cui all'articolo 16, comma 5-quater, del d.lgs. n. 147 del 2015" .

Con interpello 447/2021 l’Agenzia delle Entrate , il 25 giugno u.s, è tornata a porre chiarimenti in merito riguardo a una istanza proposta da una società relativamente a un atleta extraUe in merito all’applicabilità del primo o del secondo comma dell’articolo 16 del Decreto Legislativo 147/2015.

L’articolo 16 definisce sia i requisiti oggettivi che i requisiti soggettivi per potere accedere al regime speciale in trattazione. Sotto il profilo oggettivo sono agevolabili i redditi di lavoro dipendente e assimilati ed i redditi di lavoro autonomo svolte sia in forma individuale che associata ( prodotti nel territorio dello Stato mentre sotto il profilo soggettivo il regime agevolato si applica  al lavoratore che :

a) trasferisce la residenza nel territorio dello Stato, secondo quanto previsto 5 dal TUIR; 

b) non è stato residente in Italia nei due periodi d’imposta antecedenti al trasferimento e si impegna a risiedere in Italia per almeno due anni; 

c) svolge l’attività lavorativa prevalentemente nel territorio italiano.

Sulla nozione di residenza, differente da quella di domicilio   interviene la disciplina civilistica che definisce la residenza come il luogo di dimora abituale mentre il domicilio la sede principale di affari e interessi. 

L’istante chiede all’Agenzia delle Entrate  di conoscere se in relazione alla posizione del Calciatore debba applicarsi il disposto di cui al comma 1 dell'articolo 16 del decreto Internazionalizzazione, nel testo in vigore dal 1 maggio 2019, oppure la norma di cui al comma 2 del medesimo articolo, invariata a seguito delle modifiche normative in vigore dal 1 maggio 2019.

L’istante prospetta e ritiene che,  ai fini dell'accesso al Regime Impatriati da parte dei cittadini di Stati Extra-UE, sia sufficiente l'integrazione dei requisiti di cui al  primo comma dell'art. 16 del Decreto, non essendo, invece, necessario il soddisfacimento degli ulteriori requisiti previsti dal secondo comma del medesimo articolo. 

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta all’interpello 447 del 25 giugno 2021  interviene proprio per dirimere tale dubbio e indica che il lavoratore  che ha trasferito nel 2020 la propria residenza fiscale in Italia  possa  beneficiare dell'agevolazione fiscale prevista per i lavoratori impatriati  per i redditi di lavoro dipendente prodotti in Italia a decorrere dall'anno di imposta 2020 (  e per i quattro periodi successivi ) essendo  sufficiente il soddisfacimento dei requisiti previsti al primo comma dell’articolo 16 del decreto legislativo citato .

Allegato

Risposta a interpello del 25.06.2021 n. 447
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA RIFORMA DELLO SPORT · 11/07/2021 Gli aiuti allo Sport: una guida per orientarsi nella giungla normativa

Il punto normativo degli aiuti allo Sport: tutti i contributi a fondo perduto previsti per il 2020 e 2021 dal decreto Rilancio del 2020 al decreto Sostegni bis

Gli aiuti allo Sport: una guida per orientarsi nella giungla normativa

Il punto normativo degli aiuti allo Sport: tutti i contributi a fondo perduto previsti per il 2020 e 2021 dal decreto Rilancio del 2020 al decreto Sostegni bis

Gli sportivi professionisti e il regime dei lavoratori impatriati

L'applicazione delle ritenute ai redditi di lavoro dipendente da parte delle società sportive nei confronti dei lavoratori impatriati

Società sportive dilettantistiche e imprese sociali: profili di convergenza e divergenza

SSD e Impresa sociale tra Riforma dello sport e del Terzo settore. Normative a confronto

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.