HOME

/

FISCO

/

ISA - INDICI SINTETICI DI AFFIDABILITÀ

/

LE CAUSE DI ESCLUSIONE ISA 2021

Le cause di esclusione ISA 2021

I casi in cui il contribuente è esonerato dall’applicazione degli ISA sono definiti dal Legislatore, il quale, per l’anno fiscale 2020, prevede anche delle esenzioni causa pandemia

L’articolo 9-bis del DL numero 50 del 24 aprile 2017 (così come convertito dalla Legge numero 96 del 21 giugno 2017) regola il funzionamento degli ISA, acronimo di Indici Sintetici di Affidabilità fiscale.

Il comma 6 del sopra indicato articolo 9-bis stabilisce i casi in cui, come regola generale, per il periodo di imposta interessato, gli indici non si applicano:

  • inizio dell’attività;
  • cessazione dell’attività;
  • non normale svolgimento dell’attività;
  • superamento del limite dei ricavi previsto.

Il successivo comma 7, del medesimo articolo 9-bis del DL 50/2017, ci dice anche che “con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze possono essere previste ulteriori ipotesi di esclusione dell'applicabilità degli indici per determinate tipologie di contribuenti”.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Ti potrebbe interessare la circolare del giorno  Le cause di esclusione ISA 2021

il foglio di calcolo Elementi contabili ISA 2021 (Excel)

Visita il Focus dedicato ai Dichiarativi


1) Inizio e cessazione dell’attività

Il modello ISA 2021 comunica ai contribuenti “che hanno iniziato l’attività nel corso del periodo d’imposta” di essere esclusi dalla sua applicazione.

L’espressione, tuttavia, è passibile di molteplici interpretazioni, in quanto l’inizio dell’attività, per una impresa italiana, può essere rappresentativa di momenti diversi: ogni possibile equivoco è stato risolto dall’Agenzia delle Entrate con la Risposta a interpello numero 479 del 11 novembre 2019, con la quale si chiarisce che la causa di esclusione ISA relativa all’inizio dell’attività si applica al periodo di imposta in cui il contribuente ha aperto la partita IVA, a prescindere dall’effettivo inizio dell’attività aziendale e dall’attivazione dell’impresa in CCIAA.

Nella fattispecie il contribuente esporrà la causa di esclusione con codice 1 sul modello Redditi 2021 e non compilerà il modello ISA 2021.

Per il contribuente individuale l’individuazione del periodo di cessazione dell’attività è quello in cui questi chiude la propria posizione IVA. Il periodo d’imposta in cui questo evento avviene sarà escluso dall’applicazione degli ISA esponendo il codice 2 sul modello Redditi 2021 e non sarà necessario compilare il modello ISA 2021.

Per una società soggetta a liquidazione, in conseguenza della quale avviene la scissione del periodo d’imposta, la questione è più articolata, presentando diverse cause di esclusione a seconda della qualità del periodo di riferimento. A riguardo si rimanda all’articolo ISA: esclusione per le società in liquidazione.

2) Non normale svolgimento dell’attività.

L’espressione periodo di non normale svolgimento dell’attività, a causa della sua genericità, rappresenta delle inevitabili linee di ambiguità. La normalità è un concetto subordinato a un certo livello di soggettività, fatto che può facilmente attrarre all’opinabilità questa causa di esclusione.

Le situazioni attratte alla fattispecie sono:

  • il periodo di imposta in cui la società si trova in stato di liquidazione ordinaria, di liquidazione coatta amministrativa, di fallimento;
  • il periodo d’imposta in cui l’impresa non ha ancora iniziato l’attività prevista dall’oggetto sociale: le istruzioni del modello ISA esemplificano alcune ipotesi, ma queste rappresentano solo degli esempi che non devono vincolare il contribuente in modo eccessivamente rigido;
  • il periodo di imposta in cui l’attività non è stata esercitata per ristrutturazione dei locali dell’azienda;
  • il periodo di imposta in cui l’imprenditore (sia questi persona fisica o società) cede in affitto l’unica azienda;
  • il periodo di imposta in cui il contribuente sospende l’attività aziendale e ne da pubblicità in favore dei terzi attraverso comunicazione in CCIAA;
  • la modifica in corso d’anno dell’attività esercitata, sempre che le due attività non siano ricomprese nel medesimo indice;
  • per i professionisti, il periodo di imposta in cui l’attività è stata interrotta per la maggior parte dell’anno a causa di provvedimenti disciplinari;
  • il periodo di imposta in cui sono avvenuti eventi sismici.

In tutti questi casi sarà possibile utilizzare il codice di esclusione 4, da esporre sul modello Redditi 2021, e non si compilerà il modello ISA 2021.

3) Emergenza sanitaria Covid-19

Il Decreto Ministeriale MEF del 2 febbraio 2021 istituisce nuove e specifiche cause di esclusione dagli ISA funzionali al contesto pandemico, appositamente dedicate al periodo di imposta che si chiude al 31 dicembre 2020. Queste, recepite dalle istruzioni dei modelli Redditi e ISA, sono dedicate ai contribuenti che:

  • hanno avuto una diminuzione dei ricavi o dei compensi (a seconda della natura del contribuente) di almeno il 33% nel 2020 rispetto all’anno fiscale precedente: causa di esclusione codice 15;
  • hanno aperto la partita IVA nel 2019: causa di esclusione codice 16;
  • esercitano, come attività prevalente, una delle attività economiche elencate nella Tabella 2 in allegato alle istruzioni della parte generale del modello ISA: causa di esclusione codice 17.

Le fattispecie indicate sono di chiara identificazione e non lasciano spazio a perplessità. In tutti questi casi sarà possibile utilizzare il codice di esclusione specifico, da esporre sul modello Redditi 2021 per essere esclusi dall’applicazione degli indici, ma il modello ISA, in questi casi, dovrà essere ugualmente compilato e allegato al modello Redditi 2021.

Per l’elenco dei codici ATECO indicati in “Tabella 2 – elenco dei codici attività esclusi per il periodo di imposta 2020”, esclusi dall’applicazione degli indici, si rimanda all’articolo ISA 2021: le nuove cause di esclusione Covid pubblicate con decreto in GU.

4) Multiattività e superamento limite di ricavi o compensi

Sono escluse dall’applicazione degli ISA le imprese che esercitano due o più attività quando queste non rientrino tutte nel medesimo ISA, e, contestualmente, l’ammontare dei ricavi o dei compensi (a seconda della natura dell’attività) delle attività che non rientrano nel modello ISA dell’attività prevalente superi il 30 per cento del totale dei ricavi o dei compensi dell’impresa.

In questo caso sarà possibile utilizzare il codice di esclusione 7, da esporre sul modello Redditi 2021, per esentare l’impresa dall’applicazione degli ISA, ma il modello, in questo caso, dovrà essere ugualmente compilato e allegato al modello Redditi 2021, insieme al cosiddetto prospetto multiattività, con finalità di acquisizione dei dati.

La normativa ISA, come visto, prevede espressamente che i contribuenti che superino un determinato limite di ricavi o di compensi non siano sottoposti all’obbligo di compilazione e trasmissione del modello ISA.

In base alle istruzioni dei modelli Redditi 2021, il limite di ricavi o compensi oltre il quale il contribuente non è sottoposto all’obbligo in oggetto è di 5.164.569 di euro.

Nella fattispecie in esame, il contribuente sarà escluso dall’applicazione degli ISA esponendo il codice 3 sul modello Redditi 2021 e non compilerà il modello ISA 2021.

5) Determinazione del reddito con criteri forfetari e altre cause di esclusione

I contribuenti che adottano il regime forfetario di determinazione del reddito, istituito dalla Legge 190/2014 e più volte successivamente modificato, così come quelli in regime dei minimi, oggi attivi fino ad esaurimento, non sono soggetti agli ISA; ma, in questi casi, non è stato individuato uno specifico codice di esclusione, in quanto questi contribuenti, per dichiarare i propri redditi, utilizzano il quadro LM del Modello Redditi PF 2021, il quale non prevede la compilazione del modello ISA in nessun caso.

Le altre tipologie di contribuenti che determinano il reddito con criteri forfettari saranno egualmente esclusi dall’applicazione degli ISA esponendo il codice 5 sul modello Redditi 2021 e non compileranno il modello ISA 2021.

Accanto alle fattispecie generiche, il Legislatore prevede alcuni casi specifici di esclusione che interessano specifiche tipologie di contribuenti, di cui, per semplicità, analiticità e facilità di lettura si darà esposizione attraverso la tabella che segue.


Fattispecie

Codice

Modello ISA

Contribuenti con categoria reddituale diversa da quella prevista dal quadro degli elementi contabili del modello ISA approvato per l’attività esercitata


6


non compilare

Contribuente partecipante a un gruppo IVA

14

compilare

Cooperative e consorzi che operano esclusivamente a favore dei soci

11

non compilare

Cooperative che esercitano attività di trasporto taxi o di noleggio con conducente

12

non compilare

Corporazioni dei piloti di porto

13

non compilare

Enti del terzo settore non commerciali che optano per la determinazione forfetaria del reddito di impresa ai sensi dell’articolo 80 del D.Lgs. 117/2017


8


non compilare

Organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale che applicano il regime forfetario di cui all’articolo 86 del DL 117/2017


9


non compilare

Imprese sociali

10

non compilare


Si precisa che le cause di esclusione indicate dai numeri 8, 9 e 10 sono subordinate al positivo perfezionamento del procedimento di autorizzazione da parte della Commissione Europea.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

ISA - INDICI SINTETICI DI AFFIDABILITÀ · 22/07/2021 Anomalie ISA: in arrivo le comunicazioni delle Entrate. Possibile fare correzioni

Cosa fare per fornire chiarimenti sulle anomalie sugli ISA da parte dei contribuenti che hanno ricevuto le relative comunicazioni? Nuovo provvedimento delle Entrate

Anomalie ISA: in arrivo le comunicazioni delle Entrate. Possibile fare correzioni

Cosa fare per fornire chiarimenti sulle anomalie sugli ISA da parte dei contribuenti che hanno ricevuto le relative comunicazioni? Nuovo provvedimento delle Entrate

ISA 2021: guida ai correttivi Covid

ISA:ecco i correttivi che sono stati modificati per il COVID 19. Modifica negli indicatori elementari di affidabilità e di anomalia

ISA 2021: nuove regole, cause di esclusione e correttivi

Indici sintetici di affidabilità: pubblicate le regole per il periodo d'imposta 2020 nella nuova circolare dell'Agenzia delle Entrate

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.