HOME

/

PMI

/

REGIME FORFETTARIO 2020

/

L’OBBLIGO CONTRIBUTIVO DEI FAMILIARI COADIUTORI

L’obbligo contributivo dei familiari coadiutori

Il versamento dei contributi alla Gestione Commercianti per i coadiutori familiari

L’art. 1 della legge 22 luglio 1966, n. 613, istitutiva della Gestione Commercianti, identifica i soggetti obbligati iscriversi a tale gestione previdenziale: “l’assicurazio­ne obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia ed i superstiti è estesa agli esercenti piccole imprese commerciali iscritti negli elenchi degli aventi diritto all’assicurazio­ne obbligatoria contro le malattie istituita con legge 27 novembre 1960, n.1397, agli ausiliari del commercio ed agli altri lavoratori autonomi iscritti nei predetti elenchi, nonché ai loro familiari coadiutori, indicati nell’articolo seguente”.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Questo articolo è estratto dal libro "Il contenzioso contributivo con l'INPS" di Paolo Maria Gangi, Giuseppe Miceli, Roberto Sarra, edito da Maggioli Editore

1) Definizione di Familiare coadiutore

L’art. 2 della me­desima legge stabilisce la nozione di familiare coadiutore: “agli effetti della presente legge, si considerano familiari coadiutori:

  • il coniuge, 
  • i figli legittimi o legittimati ed i nipoti in linea diretta, 
  • gli ascendenti, 
  • i fratelli e le sorelle, 

che partecipano al lavoro aziendale con carattere di abitualità e prevalenza, sempreché per tale attività non siano soggetti all’assicurazione generale obbligatoria in qualità di lavoratori di­pendenti o di apprendisti”. 

 Infine, l’art. 10, comma 3, della legge 22 luglio 1966, n. 613, stabilisce che “il titolare dell’impresa commerciale è tenuto al pagamento dei contributi anche per i familiari coadiutori assicurati, salvo il diritto di rivalsa nei loro confronti”. 

La sentenza della Corte di Cassazione del 24 dicembre 2019, n. 34458, specifica come debba essere interpretato l’art. 2 della n. 613 del 1966: “questa Corte, infatti, ha già avuto modo di chiarire che la L. n. 613 del 1966, art. 2, […] va interpretato nel senso che l’obbligo di iscrizione per il familiare coadiutore sussiste allorché la sua prestazione lavorativa sia abituale, in quanto svolta con continuità e stabilmente e non in via straordinaria od eccezionale (ancorché non sia necessaria la presenza quotidiana e ininterrotta sul luogo di lavoro, essendo sufficiente escluderne l’occa­sionalità, la transitorietà o la saltuarietà) e prevalente, in quanto resa, sotto il profilo temporale, per un tempo maggiore rispetto ad altre occupazioni del lavoratore (così Cass. n. 9873 del 2014), restando conseguentemente esclusa ogni valutazione con­cernente la prevalenza del suo apporto rispetto agli altri occupati nell’azienda, siano essi lavoratori autonomi o dipendenti”.

2) Orientamento della giurisprudenza

La giurisprudenza di legittimità, con un orientamento ormai consolidato, elabora­to a partire dal caso dei coadiutori familiari dei farmacisti, i quali ultimi non sono iscritti alla Gestione Commercianti ma alla propria cassa previdenziale di categoria, facendo valere l’argomento dell’iscrizione “virtuale” del titolare dell’impresa, ha ritenuto che non sia ostativo alla configurabilità dell’obbligo d’iscrizione del coadiu­tore familiare il fatto che il titolare dell’impresa non sia iscritto presso la Gestione Commercianti.

 La giurisprudenza di legittimità ha elaborato una serie di regole di diritto con riferi­mento alle condizioni in base alle quali il coadiutore familiare debba iscriversi alla Gestione Commercianti nel caso delle imprese esercitate in forma societaria: 

  • innanzitutto, si può essere familiari coadiutori di uno o più soci di una società ma non di una società: pertanto, il legame familiare che deve necessariamente inter­correre tra coadiutore e titolare dell’impresa, nel caso delle società, va ricostruito sempre con riferimento alla figura di ciascun socio
  • con riferimento alla società in nome collettivo o in accomandita semplice, re­sponsabile del contributo del pagamento dei contributi del coadiutore familia­re è il socio iscritto alla Gestione Commercianti e, nel caso di “molteplicità di soci aventi identico rapporto di parentela con il coadiutore, l’individuazione del soggetto obbligato al pagamento dei contributi è conseguenza di una scelta del soggetto denunciante il rapporto assicurativo, non dell’INPS, cui certo non reca vantaggio l’esclusione di altri soggetti che sarebbero obbligati in solido”3; 
  • la sentenza della Corte di Cassazione del 29 novembre 2019, n. 31286, a partire dal summenzionato principio dell’iscrizione “virtuale” del titolare dell’impresa, ha ritenuto che “il socio di una società a responsabilità limitata, anche se non attivo dal punto di vista della gestione personale dell’attività d’impresa commer­ciale, è tenuto a versare i contributi dovuti presso la gestione previdenziale com­mercianti, di cui alla L. n. 613 del 1996, per il familiare (in questo caso la madre) che partecipi personalmente al lavoro aziendale con carattere al abitualità e pre­valenza e sia, nel contempo, in possesso delle licenze ed autorizzazioni richieste dalla legge o dai regolamenti per l’espletamento della stessa attività lavorativa”; in tal modo, la sentenza n. 31286 ha esteso, per la prima volta, il principio dell’i­scrizione virtuale del titolare d’impresa alle SRL.

Questo articolo è estratto dal libro "Il contenzioso contributivo con l'INPS" di Paolo Maria Gangi, Giuseppe Miceli, Roberto Sarra, edito da Maggioli Editore

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA RUBRICA DEL LAVORO · 12/10/2021 Forfettari: il problema dei contributi previdenziali volontari

Le eccedenze di versamento di contributi previdenziali e quelli versati volontariamente sono deducibili solo dal reddito complessivo ai fini Irpef

Forfettari: il problema dei contributi previdenziali volontari

Le eccedenze di versamento di contributi previdenziali e quelli versati volontariamente sono deducibili solo dal reddito complessivo ai fini Irpef

Co.co.co: regime fiscale dei compensi erogati a medici in regime forfetario

Le Entrate chiariscono che per i medici in regime forfetario con co. co.co con il Ministero non occorre versare la ritenuta d'acconto.

Regime forfettario e commercio elettronico: novità dal primo luglio 2021

Breve guida alle nuove regole IVA per operazioni Intra ed Extra CEE legate al commercio elettronico per i contribuenti forfettari

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.