HOME

/

FISCO

/

DICHIARAZIONE IRAP

/

CANCELLAZIONE SALDO IRAP 2019 E ACCONTO 2020: ASPETTI CONTABILI

Cancellazione saldo Irap 2019 e acconto 2020: aspetti contabili

Come considerare sia contabilmente che fiscalmente l'annullamento del versamento del saldo 2019 e del primo acconto 2020 dell’IRAP

Secondo l’art. 24, DL 34/2020 per i soggetti con volume d’affari inferiore a 250 milioni di euro

  1. non è dovuto il versamento del saldo dell’Irap 2019 fermo restando il versamento dell'acconto dovuto per il medesimo periodo di imposta. 
  2. non è dovuto nemmeno il versamento della prima rata dell'acconto Irap 2020.
  3. fermo rimane il versamento della seconda rata di acconto Irap dovuta al 30/11/202 fatte salve le proroghe o le eventuali estensioni della disciplina del caso.

1) Premessa

Come è noto, il saldo Irap dovuto l’anno successivo è pari alla differenza fra l'Imposta netta e gli acconti versati l'anno precedente. 

Gli acconti per l’anno, 2020, sono pari al 90% o al 100% dell’imposta netta (sulla base delle dimensioni aziendali).

In aggiunta, la misura degli acconti, cioè il 90% o il 100% di cui sopra vanno versati in 2 rate, 

  • la prima unitamente al saldo, pari al 40% (del 90% o del 100%), 
  • la seconda a novembre pari al 60% del 90 o 100%. 

Volendo andare a chiarire con un esempio.

  • Alfa srl ha calcolato Irap pari a 10.000 euro per l’anno 2019,
  • il saldo era pari a 6.500 euro,
  • la prima rata di acconto da versare unitamente era pari a 4.000 euro,
  • la seconda rata di acconto prevista per il 30/11/2020 è pari a 6.000

Secondo le disposizioni previste dall’art. 24, DL 34/2020 l’importo di cui alle lettere (B) e (C) non verrà versato in quanto oggetto dello "sconto" disposto dalla norma per tamponare il momento di crisi pandemica.

2) Le scritture contabili "ordinarie"

Le scritture in normali condizioni, cioè in assenza delle disposizioni di cui all'art. 24, Dl 34/2020, sarebbero le seguenti. 

Rilevazione del debito tributario Irap a saldo per il 2019
Irap dell’esercizio (CE)
10.000
a
debiti tributari Irap (SP)
10.000
Storno degli acconti versati nell'anno 2019
debiti tributari Irap (SP)
3.500
a
acconti Irap (SP)
3.500

in normali condizioni il conto debiti tributari Irap presente nello Stato patrimoniale sarebbe aperto in avere per euro 6.500, cioè l'importo esattamente pari al saldo dovuto da dichiarazione Irap/2020, il che darebbe luogo alle seguenti scritture: 

Versamento del saldo Irap
debiti tributari Irap (SP)
6.500
a
Banca
6.500
Versamento dell'acconto Irap per l'anno 2020
Acconti Irap (SP)
4.000
a
Banca
4.000

Tali scritture in forza dell’art. 24, Dl 34/2020 non saranno state effettuate, pertanto il debito tributario Irap pari a 6.500 e l’importo della prima rata dell’acconto pari a 4.000 non verrebbero in sostanza registrate nella contabilità delle aziende.

3) Le scritture contabili "2019/2020"

In merito la Fondazione Nazionale dei Commercialisti, con un documento del 5 giugno 2020 ha espresso il proprio parere. 

L’eccezionalità della situazione delineata non può evidentemente essere esaminata in quanto tale dai principi contabili nazionali che, per propria natura, considerano le casistiche esistenti e/o ipotizzabili e che, mai, avrebbero potuto prevedere una circostanza quale quella che si configura attualmente per l’economia nazionale e mondiale. Difficile, quindi, ricercare una soluzione “perfetta” nelle specifiche norme dei vigenti principi contabili. Le interpretazioni applicative fondate sulla lettura delle previsioni in essere potrebbero, di fatto, portare l’utilizzatore a diverse soluzioni. 

Vero è che il legislatore nella stesura del citato art. 24 non si è posto il problema dell’imputazione della cancellazione del saldo IRAP, ma ha voluto fornire un sollievo immediato alle imprese italiane, per tale ragione si ritiene che non debba nemmeno essere considerata tassabile la minore somma “scontata”. 

A questo punto, ai fini della rilevazione del residuo debito tributario Irap, la scrittura potrebbe essere la seguente:

debiti tributari Irap (SP) 
6.500
a
sopravvenienza attiva non tassabile (CE)
6.500
Acconti Irap (SP)
4.000
a
sopravvenienza attiva non tassabile (CE) 
4.000

Relativamente all’acconto di 4.000 euro a valere sulle scritture del 2020, che non è dovuto ma va scomputato dal saldo da versare per il medesimo periodo d’imposta, la scrittura diverrà necessaria. 

4) Le indicazioni della Circ. 25/E/2020

Si ricorda, avvicinandosi il momento di invio telematico delle dichiarazioni, che nella dichiarazione Irap/2020 andrà indicato l’ammontare di quanto “cancellato” nel rigo apposito relativo agli aiuti di Stato. Infatti, come specificato nella risposta n. 1.1.2 della Circ. 25/E/2020 

l’articolo 24 prevede non un mero differimento dei pagamenti ma un contributo in termini di esclusione dal versamento del saldo dell’IRAP relativo al periodo d’imposta 2019 e della prima rata dell’acconto dovuto per la medesima imposta in relazione al periodo d’imposta 2020. … 

I contribuenti che fruiscono dell’esonero dal versamento del saldo IRAP 2019 (ai sensi dell’articolo 24), sono tenuti a compilare nel modello IRAP 2020 la sezione XVIII del quadro IS, avendo cura di indicare:

  • nella casella «Tipo aiuto», il codice 1; 
  • nella colonna 1 «Codice aiuto», il codice 999; 
  • nella colonna 3 «Quadro», il quadro IR; − nelle successive colonne 4 «Tipo norma», 5 «Anno», 6 «Numero» e 7 «Articolo», rispettivamente, «1», «2020», «34», «24»; 
  • nella colonna 26 «Tipologia costi», il codice 20;
  • nella colonna 29 «Importo aiuto spettante», l’importo del saldo IRAP relativo all’anno 2019 non versato per effetto dell’applicazione dell’art. 24 del DL Rilancio.
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

DICHIARAZIONE IRAP · 27/07/2022 Dichiarazione IRAP: semplificazioni per le deduzioni costi del personale

Dichiarazione IRAP 2022: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate sulle deduzioni dei costi del personale e la precisazione per le dichiarazioni anno di imposta 2021 già inviate

Dichiarazione IRAP: semplificazioni per le deduzioni costi del personale

Dichiarazione IRAP 2022: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate sulle deduzioni dei costi del personale e la precisazione per le dichiarazioni anno di imposta 2021 già inviate

Dichiarazione redditi persone fisiche 2022: rateazione delle imposte e date da ricordare

La rateizzazione delle imposte dovute a titolo di saldo 2021 e primo acconto 2022 derivanti dalla Dichiarazione dei redditi PF 2022: scadenze da ricordare e modalità di versamento

Dichiarazione IRAP 2022: ecco le specifiche tecniche per invio dati a Regioni e province

Le Entrate pubblicano provvedimento e specifiche tecniche per l'invio delle Dichiarazioni IRAP 2022 alle regioni e province autonome

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.