HOME

/

DIRITTO

/

CORSI ACCREDITATI PER COMMERCIALISTI E REVISORI LEGALI 2022

/

LA RIFORMA FISCALE O DELLA RISCOSSIONE CHE POTREBBE COLPIRE I COMMERCIALISTI

La riforma fiscale o della riscossione che potrebbe colpire i commercialisti

Insieme per lo sviluppo, documento programmatico predisposto da alcuni sindacati commercialisti da sottoporre al MEF: ma quale sarà il ruolo del commercialista nel prossimo futuro?

È notizia di oggi che alcuni dei sindacati dei commercialisti hanno predisposto un documento programmatico chiamato “Insieme per lo sviluppo”, suddiviso in 11 punti analitici, da sottoporre al MEF e alla base dei commercialisti. Non stupirà nessuno sapere che questo documento non è stato sottoscritto da tutti i sindacati di categoria.

Il documento nasce dall’ipotesi di concertare una ipotesi di cosiddetta “riforma fiscale” con i commercialisti, da cui è nata una commissione di esperti presieduta dal presidente del CNDCEC e coordinata dadirettore dell’Osservatorio conti pubblici italiani. 

Tuttavia, ricordando le recenti esperienze degli Stati generali dell’economia e della cosiddetta Commissione Colao, che nessun impatto di ordine pratico hanno avuto (rappresentanddi fatto soltanto una vetrina), molte perplessità permangono sull’effettiva utilità di questa concertazione.

1) Le ipotesi di riforma fiscale

Molto si è già parlato su come potrebbe essere strutturata l’ipotetica riforma fiscale, anche se, in molti casi, più che vere ipotesi sembrano piuttosto suggerimenti, che possibilmente resteranno inascoltati. Ad oggi quel che appare più certo è che la riforma si baserà sulla rimodulazione degli scaglioni Irpef, che indubbiamente presentano delle rigidità facilmente superabili.

Come da tradizione italiana, per ogni riforma c’è un modello estero da adottare, e in questo caso piace molto la progressività continua alla tedesca che permetterebbe di superare il sistema degli scaglioni di imposta. Importanti economisti hanno fatto notare, però, quanto questo sistema sia opaco, in quanto non permette una immediata identificazione dell’aliquota reale, e come, in un sistema che presenta una fascia di detassazione alla base, la progressività venga concretamente realizzata anche da una sola aliquota. 

Quel che risulta più importante notare è il fatto che la rimodulazione delle aliquote o degli scaglioni di una imposta progressiva non rappresenta una riforma fiscale, in quanto non modifica l’imposta nel suo funzionamento specifico e neanche nell’impatto generale che questa ha sul sistema fiscale. A cambiare sarebbe piuttosto la quantizzazione dell’imposta da riscuotere.

Una riforma fiscale che non tocca le questioni più sensibili e con maggior impatto sull’efficienza del sistema fiscale, è dubbio che possa legittimamente dirsi “riforma fiscale”. 

Non è un caso se il presidente di Confindustria, nei primi giorni di ottobre,  ha espresso perplessità sull’efficacia di una rimodulazione dell’Irpef senza una contestuale riforma complessiva del sistema fiscale. Il dubbio condivisibile è che questa rappresenti una occasione per migliorare la capacità di riscossione delle imposte e non per riformare e migliorare l’efficienza sistemica.

2) La riforma della riscossione

A bene vedere, l’ipotesi che quella in corso sia fondamentalmente una riforma della riscossione piuttosto che una riforma fiscale, non è infondata.

Sotto l’indirizzo dell’Agenzia delle Entrate, ormai da molti anni assistiamo a una progressivo ma radicale cambiamento del modo di utilizzare le informazioni fiscali che sta modificando il sistema della riscossione in profondità.

Abbiamo visto nascere l’obbligo della trasmissiontelematica delle certificazioni uniche, le fatture elettroniche, i corrispettivi telematici, abbiamo visto nascere il 730 precompilato, e vedremo la Dichiarazione IVA precompilata e probabilmente altro. 

Di recente i vertici dell’agenzia hanno proposto di superare il meccanismo del saldo e dell’acconto delle imposte per gli autonomi attraverso una ipotesi di versamento mensile delle imposteattuabile grazie alla trasmigrazione ad un sistema di cassa pura.

A guardare il quadro nel suo complesso, l’idea che si ha è che l’amministrazione finanziaria dello stato abbia in programma di predisporre le dichiarazione dei redditi a tuttcontribuenti persone fisiche, anche imprenditori.

3) Il ruolo dei commercialisti


I commercialisti, che tradizionalmente soffrono per un fronte poco compatto della categoria, nell’ultimo decennio hanno rappresentato un importante ingranaggio di questo sistema, permettendo di fatto all’Agenzia delle Entrate, come intermediari, di acquisire una sempre maggiore quantità di informazioni, senza richiedere però un adeguato tornaconto.

Si ci chiede quale sarà il futuro di questa categoria professionale, in un contesto in cui gli adempimenti fiscali delle persone fisiche risulteranno predisposte dall’Agenzia delle Entrate, il soggetto incaricato alla riscossione delle imposte.

Indubbiamente per i grandi studi professionali, che si dedicano a società e a consulenza settoriale, l’impatto non sarà rilevante; molto diversa potrebbero essere le prospettive, invece, per i tantissimi piccoli studi, spesso composti dal solo professionista in modo individuale, e per i giovani che iniziano la professione, che tradizionalmente trovano nel data entry e nella consulenza fiscale alle persone fisiche una parte considerevole del loro lavoro.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

CORSI ACCREDITATI PER COMMERCIALISTI E REVISORI LEGALI 2022 · 08/08/2022 Omessa comunicazione domicilio digitale: il commercialista sospeso e la sua cancellazione

Chiarimenti sulla sospensione del commercialista per omessa comunicazione del domicilio digitale e richiesta da parte dello stesso di cancellazione dall'albo

Omessa comunicazione domicilio digitale: il commercialista sospeso e la sua cancellazione

Chiarimenti sulla sospensione del commercialista per omessa comunicazione del domicilio digitale e richiesta da parte dello stesso di cancellazione dall'albo

Magistrato tributario: ok anche per i laureati in economia

Riforma della giustizia tributaria: approvata l'apertura del concorso per i magistrati tributari anche ai laureati in economia. Soddisfazione del Consiglio dei Commercialisti

Accertamenti commercialisti in base alle dichiarazioni: polemiche con le Entrate

Accertamenti sui commercialisti applicando la tariffa alle dichiarazioni trasmesse. Le proteste dell'Associazione Nazionale Commercialisti

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.