IN PRIMO PIANO:

Speciale Pubblicato il 10/08/2020

Decreto agosto: cassa integrazione, come sarà

di Staff di Fiscoetasse

Tempo di lettura: 6 minuti
redditi da lavoro

A chi spetta, come si richiede , addizionali e scadenze per la nuova Cig, assegni ordinari FIS, cassa in deroga,CISOA, cassa integrazione sportivi professionisti COVID

Commenta Stampa

Il principale capitolo del cd. Decreto agosto (approvato dal Consiglio dei ministri venerdi 7 agosto ma ancora in fase di revisione , fino alla pubblicazione in gazzetta prevista entro Ferragosto)   riguarda le misure di sostegno all’occupazione nelle imprese in difficolta per l'emergenza COVID 19,    che comprendono:

  •  nuovi fondi per la cassa integrazione 
  • proroga del blocco licenziamenti 
  • sgravi contributivi per chi non utilizza la cassa integrazione e per le nuove assunzioni
  • possibilità di contratti a termine senza causali fino a fine anno
  • proroga delle indennità di disoccupazione NASPI e DISCOLL per ulteriori due mesi . 

Vediamo qui di seguito  in particolare il primo aspetto, già ampiamente annunciato nelle scorse settimane ovvero i Nuovi trattamenti di Cassa integrazione ordinaria, Assegno ordinario e Cassa integrazione in deroga , CISOA e nuova cassa integrazione in deroga per gli sportivi professionisti ,  per i quali sono stanziati  complessivamente circa 8,3  miliardi di euro, a cui si aggiungono eventuali residui delle risorse stanziate dal Decreto Rilancio 34-2020 

La materia è trattata agli articoli 1 e 2 della bozza di decreto attualmente disponibile ma che non dovrebbe vedere ulteriori modifiche stando alle indiscrezioni.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Ti possono interessare sul tema :

l' e-book  Cassa integrazione guadagni e contratti di solidarietà a cura di P. Stern

l'e book : Decreto Rilancio misure per il lavoro e fiscali di R. staiano e F. Silla

il tool gratuito  per calcolare l'importo degli ammortizzatori sociali: COVID 19 Calcolo cassa integrazione ordinaria e straordinaria

1) Cassa integrazione ordinaria e in deroga , Assegno Ordinario nel decreto Agosto

I datori di lavoro che, nell'anno 2020, sospendono o riducono l'attività lavorativa per eventi riconducibili  all'emergenza epidemiologica da COVID-19, possono presentare domanda di concessione dei trattamenti di

  • Cassa integrazione ordinaria, 
  • Assegno ordinario e 
  • Cassa integrazione in deroga ,

 come  già previsto  dal decreto Cura italia per una durata massima di complessive diciotto settimane da utilizzare  nel periodo ricompreso tra il 13 luglio 2020 e il 31 dicembre 2020. I periodi di integrazione precedentemente richiesti e autorizzati ai sensi del decreto legge  17 marzo 2020, n. 18  collocati, anche parzialmente, in periodi successivi al 12 luglio 2020  saranno conteggiati nel nuovo stanziamento .

Le 18 settimane sono suddivise in due periodi di 9 settimane, il secondo periodo viene riconosciuto esclusivamente se interamente autorizzato e decorso il primo periodo di nove settimane, 

Per il II  periodo di  9 settimane di cassa  integrazione  le aziende devono versare  un contributo addizionale determinato sulla base del   raffronto tra il fatturato aziendale del primo semestre 2020 e quello del corrispondente semestre 2019,  che sarà pari:

  • al 9% della retribuzione globale che sarebbe spettata al lavoratore per le ore di lavoro non prestate durante  la sospensione o riduzione dell’attività, per i datori di lavoro che hanno avuto una riduzione del fatturato inferiore al venti per cento;
  • al 18% della retribuzione per i datori di lavoro che non hanno avuto alcuna riduzione del fatturato.

NON è dovuto il contributo addizionale  :

  • se è presente una riduzione del fatturato pari o superiore al venti per cento 
  • per le imprese che hanno avviato l’attività nel  2019.

Il secondo periodo di 9 settimane prevede la richiesta all'Inps  con autocertificazione dell’eventuale riduzione

del fatturato. L'Inps autorizza i trattamenti e, sulla base della autocertificazione individua l’aliquota del contributo addizionale che il datore di lavoro è tenuto a versare a partire dal periodo di paga successivo al provvedimento di concessione  dell’integrazione salariale:

 In mancanza di autocertificazione, si applica l’aliquota del 18%

L’inps procedera comunque alle  verifiche sui requisiti, ai fini delle  quali l’Inps e l’Agenzia delle Entrate sono autorizzati a scambiarsi i dati.

Le  domande andranno inoltrate all’Inps, a pena di  decadenza, entro la fine del mese successivo a quello in cui ha avuto inizio il periodo di sospensione o di  riduzione dell’attività lavorativa. In prima applicazione, il termine  è fissato entro la fine del mese successivo a quello di entrata in vigore del decreto legge (quindi entro il 30 settembre 2020).

In caso di pagamento diretto delle prestazioni di cassa integrazione da parte dell'Inps, il datore di  lavoro è tenuto ad inviare all'Istituto tutti i dati necessari entro la fine del mese successivo a quello in cui è collocato il periodo di integrazione ovvero, se posteriore, entro il termine di trenta giorni dall'adozione del provvedimento di concessione. In  sede di prima applicazione, i termini sono spostati al trentesimo giorno successivo  all'entrata in vigore del decreto se tale ultima data è posteriore a quella sopracitata .

2) Assegno ordinario COVID dai fondi bilaterali di solidarieta’

Per i Fondi bilaterali che erogano l’assegno ordinario , le modalità restano le stesse di quelle sopradescritte per la cassa integrazione  . Lo stato concorre nel limite massimo di 1.600 milioni di euro per l'anno 2020  . Le risorse saranno suddivise e trasferite  ai singoli Fondi con decreti del ministero del lavoro, di concerto con quello dell'Economia,  previo monitoraggio  sui costi da parte dei Fondi stessi .

3) Cassa integrazione salariale operai agricoli (CISOA) - decreto Agosto

Riguardo il trattamento di cassa integrazione salariale operai agricoli (CISOA), per eventi riconducibili all’emergenza epidemiologica da COVID-19,  si conferma la deroga ai limiti di fruizione vigenti  riferiti al singolo lavoratore e al numero di giornate lavorative  nella  la stessa azienda (legge 8 agosto 1972, n. 457).

La durata massima è di 90 giorni da fruire tra  il 13 luglio al 31 dicembre 2020. 

La domanda di CISOA deve essere presentata, a pena di decadenza, entro la fine del mese successivo a quello in cui ha avuto inizio il periodo di sospensione dell’attività lavorativa. I periodi di integrazione precedentemente richiesti e autorizzati collocati, anche parzialmente, in periodi successivi al 12 luglio 2020 sono  imputati ai 90 giorni stabiliti dal presente comma. In fase di prima applicazione, il termine di decadenza di cui al presente comma è fissato entro la fine del mese successivo a quello di entrata in vigore del decreto (con ogni probabilità 30 settembre 2020). I periodi di integrazione autorizzati sono computati ai fini del raggiungimento del requisito delle 181  giornate di effettivo lavoro (legge 457/1972).

4) Differimento termini domande e invio dati cassa integrazione

Uno specifico comma dell'art. 1  deceto Agosto prevede che iI termini decadenziali di invio delle domande di accesso ai trattamenti e di trasmissione dei dati

per il pagamento differiti in via amministrativa  per il susseguirsi delle previsioni normative e dei  decreti interministeriali 9 e 10 2020 2020, sono fatti salvi fino alla data di entrata in vigore del decreto legge.    I termini che si collocano entro il 31 agosto 2020 sono differiti al 30 settembre 2020.

5) Cassa integrazione COVID iscritti al Fondo Pensione Sportivi Professionisti

L’art. 22 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18  sulla cassa integrazione speciale per gli sportivi professionisti viene integrato  con un nuovo comma che abroga  il comma 7 e così recita:  

1-bis. I lavoratori dipendenti iscritti al Fondo Pensione Sportivi Professionisti che, nella stagione sportiva 2019-2020, hanno percepito retribuzioni contrattuali lorde non superiori a 50.000 euro possono accedere al  trattamento di integrazione salariale limitatamente ad un periodo massimo complessivo di 9 settimane. Le domande di cassa integrazione in deroga per gli sportivi, dovranno essere  presentate dai datori di lavoro all’INPS, secondo le modalità che saranno indicate dall’Istituto con una circolare specifica.

Sono considerate valide le domande già presentate alle Regioni o Province autonome, che provvederanno ad  autorizzarle nei limiti delle risorse loro assegnate. Per ogni singola associazione sportiva non potranno essere autorizzate più di 9 settimane complessive; esclusivamente per le associazioni aventi sede nelle regioni  dell’ex zona rossa le Regioni potranno autorizzare periodi fino a 13 settimane, nei limiti delle risorse ivi previste.

 La retribuzione contrattuale utile per l’accesso alla misura viene dichiarata dal datore di lavoro. 

Le federazioni sportive e l’INPS, attraverso la stipula di apposite convenzioni, possono scambiarsi i dati,  sul requisito retributivo e sui periodi ed importi di cig in deroga.

 


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

La significativita' di revisione (Excel)
In PROMOZIONE a 12,90 € + IVA invece di 16,90 € + IVA fino al 2020-12-15
Calcolo Credito imposta Ricerca e Sviluppo 2020 (excel)
In PROMOZIONE a 54,90 € + IVA invece di 64,90 € + IVA fino al 2020-12-15
Partita Doppia 1: Scritture di esercizio
Scaricalo a 14,90 € + IVA

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE