Speciale Pubblicato il 18/12/2019

Startup Innovative: domande per agevolazioni dal 20 gennaio 2020

di Dott.ssa De Stefanis Cinzia

smart e start

Al via la presentazione delle domande per l’accesso ai 90 milioni di euro per la nascita e la crescita delle start up su tutto il territorio nazionale

Sulla rampa di lancio il nuovo Smart&Start Italia che sostiene la nascita e la crescita delle startup innovative su tutto il territorio nazionale.

A partire dal dal 20 gennaio sarà possibile presentare le domande di agevolazione all’Invitalia.  Molte le novità per la misura Smart&Start Italia : la semplificazione dei criteri di valutazione e di rendicontazione; l’introduzione di nuove premialità, l’incremento del finanziamento agevolato fino al 90%; fondo perduto fino al 30% per le imprese del Sud e un periodo di ammortamento più lungo.

Ti potrebbe interessare sull'argomento: Start up innovative (eBook 2019)



Criteri e modalità di presentazione delle domande

E’ con la circolare Mise del 16 dicembre 2019 n. 439196 della Direzione generale per gli incentivi alle imprese che vengono definiti i nuovi criteri e le modalità di presentazione delle domande per richiedere l’agevolazione prevista dalla misura Smart&Start Italia, che ha l’obiettivo di sostenere la nascita e lo sviluppo, su tutto il territorio nazionale, di startup innovative.

Le domande già presentate prima della pubblicazione della nuova circolare, per le quali non vi siano provvedimenti già adottati, potranno essere riformulate entro 60 giorni dalla data del 20 gennaio 2020. Sarà mantenuta inalterata la data di presentazione ai fini dell’ammissibilità delle spese e dell’accertamento dei requisiti. Sarà comunque possibile presentare una nuova domanda anche oltre questo termine.

Le risorse a disposizione di Smart&Start Italia

Smart&Start Italia ha a disposizione circa 90 milioni di euro di risorse per finanziare piani d’impresa, di importo compreso tra 100 mila euro e 1,5 milioni di euro, finalizzati alla produzione di beni e l’erogazione di servizi ad alto contenuto tecnologico e innovativo.

Questi piani d’impresa potranno essere realizzati anche in collaborazione con organismi di ricerca, incubatori e acceleratori d’impresa, Digital Innovation Hub.

Le principali novità introdotte, sulla base del decreto del Ministero dello Sviluppo Economico riguardano:

• la semplificazione dei criteri di valutazione per la concessione delle agevolazioni e l’introduzione di nuove premialità in caso di collaborazione con organismi di ricerca, incubatori e acceleratori d’impresa, compresi i Digital Innovation Hub, e di realizzazione di piani di impresa al sud da parte di start up già operative al centro-nord;
• una nuova definizione dei piani di impresa e delle spese ammissibili, ivi incluso il riconoscimento di una quota di finanziamento per la copertura delle esigenze di capitale circolante per il periodo di realizzazione del piano;
• l’incremento del finanziamento agevolato fino all’80% delle spese ammissibili e al 90% nel caso di società costituite da sole donne, da under 36 oppure se un socio ha il titolo di dottore di ricerca;
• l’aumento del fondo perduto per le imprese localizzate al Sud Italia fino al 30% dell’importo concesso per gli investimenti;
• modalità di rendicontazione più semplici, con la possibilità di ottenere le erogazioni per stati di avanzamento con fatture non quietanzate (i cui pagamenti possono dimostrati, entro sei mesi, al successivo stato di avanzamento) e contestuale erogazione della quota proporzionale di finanziamento inerente il capitale circolante; rendicontazione dei costi di personale con la modalità dei costi standard;
• estensione temporale del periodo di ammortamento per la restituzione del finanziamento fino a 10 anni.






Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)