HOME

/

DIRITTO

/

PRIVACY 2022

/

MODIFICHE AL FUNZIONAMENTO DEL REGISTRO DELLE OPPOSIZIONI. SARÀ LA VOLTA BUONA?

Modifiche al funzionamento del Registro delle opposizioni. Sarà la volta buona?

Importanti novità riguardati l'iscrizione e il funzionamento del registro pubblico delle opposizioni: In vigore le nuove regole dal 4 febbraio 2018

Con il Decreto del Presidente della Repubblica 7 settembre 2010, n. 178, Regolamento recante istituzione e gestione del registro pubblico degli abbonati che si oppongono all'utilizzo del proprio numero telefonico per vendite o promozioni commerciali, era stato istituito il  registro pubblico delle opposizioni che permetteva agli interessati le cui numerazioni venivano riportate negli elenchi di abbonati di iscriversi al registro al fine di opporsi al trattamento delle medesime numerazioni per fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta, ovvero per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale effettuate mediante l'impiego del telefono.

Tale norma ha costituito il passaggio da un sistema basato sul “silenzio-diniego” (non puoi contattarmi a meno che io non ti dia il permesso esplicito) ad un sistema basato sul “silenzio-assenso” (sei libero di contattarmi a meno che io non te lo vieti esplicitamente).

Il principio di riferimento è stato quello dell’opt out: le aziende interessate sono legittimate a contattare chiunque non abbia preventivamente presentato la propria opposizione, attraverso l’iscrizione ad un apposito registro.

Questo intervento normativo, però, nel corso degli anni non ha sortito gli effetti sperati in quanto non ha funzionato come argine all’invadenza degli operatori telefonici, per cui il Legislatore ha inteso correre ai ripari attraverso la Legge 11 gennaio 2018, n. 5 - Nuove disposizioni in materia di iscrizione e funzionamento del registro delle opposizioni e istituzione di prefissi nazionali per le chiamate telefoniche a scopo statistico, promozionale e di ricerche di mercato -(GU n.28 del 3-2-2018) entrata in vigore lo scorso 04/02/2018, la quale stabilisce una serie di importanti novità a favore dell’utente che intenda avvalersi di tale diritto.

La violazione delle regole richiamate al precedente capoverso comporta l’applicazione della sanzione amministrativa di cui all'articolo 162, comma 2-bis, del codice in materia di protezione dei dati personali. In caso di reiterazione delle suddette violazioni, su segnalazione del Garante per la protezione dei dati personali, le autorità competenti possono altresì disporre la sospensione o, nelle ipotesi più gravi, la revoca dell'autorizzazione all'esercizio dell'attività.

La norma disciplina, altresì, la fattispecie riguardante la cessione a terzi di dati relativi alle numerazioni telefoniche, rispetto alla quale il titolare del trattamento è tenuto a comunicare agli interessati gli estremi identificativi del soggetto a cui i medesimi dati sono trasferiti.

Il Legislatore ha inteso coinvolgere in prima persona il titolare del trattamento dei dati personali rendendolo responsabile in solido delle violazioni delle disposizioni della presente legge anche nel caso di affidamento a terzi di attività di call center per l'effettuazione delle chiamate telefoniche.

È stabilito in maniera esplicita l’obbligo, in capo agli operatori che utilizzano i sistemi di pubblicità e vendita telefonica o che compiono ricerche di mercato o comunicazioni commerciali telefoniche, di consultare mensilmente e comunque precedentemente all'inizio di ogni campagna promozionale il registro pubblico delle opposizioni e di provvedere all'aggiornamento delle proprie liste.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Per aiutarti nell'adempimenti pronto il Software Privacy in divere configurazioni. Trattamenti illimitati a partire da 129 euro + iva

Puo interessarti il Pacchetto contenente tre e-book:  Tutela della Privacy disponibili anche in vendita singola:

Segui anche il Dossier gratuito dedicato alla Privacy

1) Come iscriversi al registro delle opposizioni

L’iscrizione al registro avviene dietro specifica richiesta dell’utente e può riguardare sia le utenze di telefonia fisse che quelle mobili. Tutti gli interessati che vogliano opporsi al trattamento delle proprie numerazioni telefoniche effettuato mediante operatore, con l'impiego del telefono per fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta, ovvero per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale, potranno avvalersi di tale legge.

Gli operatori telefonici, da loro canto, dovranno notificare al gestore del registro anche le numerazioni fisse non pubblicate negli elenchi di abbonati, con la stessa periodicità di aggiornamento prevista per la base di dati unica.

L’iscrizione al registro delle opposizioni produce come effetto la revoca di tutti i consensi precedentemente espressi, con qualsiasi forma o mezzo e a qualsiasi soggetto, che autorizzano il trattamento delle proprie numerazioni telefoniche fisse o mobili effettuato mediante operatore con l'impiego del telefono per fini di pubblicità o di vendita ovvero per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Tale preclusione, per le medesime finalità, si estende all'uso delle numerazioni telefoniche cedute a terzi dal titolare del trattamento sulla base dei consensi precedentemente rilasciati.

Restano esclusi, però, i consensi prestati nell'ambito di specifici rapporti contrattuali in essere, ovvero cessati da non più di trenta giorni, aventi ad oggetto la fornitura di beni o servizi, per i quali è comunque assicurata, con procedure semplificate, la facoltà di revoca.

Così come resta valido il consenso al trattamento dei dati personali prestato dall'interessato, ai titolari da questo indicati, successivamente all'iscrizione nel registro.
A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge (cioè dal 04/02/2018), sono vietati, con qualsiasi forma o mezzo, la comunicazione a terzi, il trasferimento e la diffusione di dati personali degli interessati iscritti al registro delle opposizioni, da parte del titolare del trattamento, per fini di pubblicità o di vendita ovvero per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale non riferibili alle attività, ai prodotti o ai servizi offerti dal titolare del trattamento.

2) Sanzione per chi non rispetta il registro delle opposizioni

La violazione delle regole richiamate al precedente capoverso comporta l’applicazione della sanzione amministrativa di cui all'articolo 162, comma 2-bis, del codice in materia di protezione dei dati personali. In caso di reiterazione delle suddette violazioni, su segnalazione del Garante per la protezione dei dati personali, le autorità competenti possono altresì disporre la sospensione o, nelle ipotesi più gravi, la revoca dell'autorizzazione all'esercizio dell'attività.

La norma disciplina, altresì, la fattispecie riguardante la cessione a terzi di dati relativi alle numerazioni telefoniche, rispetto alla quale il titolare del trattamento è tenuto a comunicare agli interessati gli estremi identificativi del soggetto a cui i medesimi dati sono trasferiti.

Il Legislatore ha inteso coinvolgere in prima persona il titolare del trattamento dei dati personali rendendolo responsabile in solido delle violazioni delle disposizioni della presente legge anche nel caso di affidamento a terzi di attività di call center per l'effettuazione delle chiamate telefoniche.

È stabilito in maniera esplicita l’obbligo, in capo agli operatori che utilizzano i sistemi di pubblicità e vendita telefonica o che compiono ricerche di mercato o comunicazioni commerciali telefoniche, di consultare mensilmente e comunque precedentemente all'inizio di ogni campagna promozionale il registro pubblico delle opposizioni e di provvedere all'aggiornamento delle proprie liste

3) La consultazione del registro delle opposizioni è a pagamento

Poiché in passato la consultazione del registro delle opposizioni, da parte dei gestori, comportava il dovere sostenere dei costi la legge ha stabilito che il Ministro dello sviluppo economico, sentiti il gestore del registro, se diverso dal Ministero dello sviluppo economico, gli operatori e le associazioni di categoria maggiormente rappresentative, con proprio decreto emanerà entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge (dal 04/02/2018) i criteri generali per l'aggiornamento periodico delle tariffe.

Suddetto regolamento dovrà conformarsi ai seguenti criteri: 

  1. promuovere l'adozione da parte del gestore del registro e degli operatori di forme tecniche, anche mediante l'utilizzo di tecnologie avanzate, con il fine di contenere il costo delle tariffe di consultazione preliminare del registro; 
  2. prevedere modelli tariffari agevolati anche con forme di abbonamento temporale per gli operatori a cui non siano state comminate, negli ultimi cinque anni, le sanzioni di cui all'articolo 162, comma 2-quater, del codice di cui al decreto legislativo n. 196 del 2003; 
  3. prevedere comunque, nella determinazione delle tariffe, l'integrale copertura dei costi di tenuta del registro.

4) L'operatore del call center deve identificarsi

È fatto carico agli operatori che svolgono attività di call center rivolte a numerazioni nazionali fisse o mobili dover garantire la piena attuazione dell'obbligo di presentazione dell'identificazione della linea chiamante. A tale proposito entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni individuerà due codici o prefissi specifici, atti a identificare e distinguere in modo univoco le chiamate telefoniche finalizzate ad attività statistiche da quelle finalizzate al compimento di ricerche di mercato e ad attività di pubblicità, vendita e comunicazione commerciale.

Gli operatori esercenti l'attività di call center provvederanno ad adeguare tutte le numerazioni telefoniche utilizzate per i servizi di call center, anche delocalizzati, facendo richiesta di assegnazione delle relative numerazioni entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore del provvedimento dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni previsto al periodo precedente, oppure presentano l'identità della linea a cui possono essere contattati.

Allegato

Legge 11 gennaio 2018 n.5 Registro opposizioni
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

IDENTITÀ DIGITALE · 12/05/2022 Cybersicurezza: le raccomandazioni dell'ANC sui prodotti legati alla Russia

Agenzia Nazionale Cybersicurezza: le raccomandazione della Circolare 4336/2021 sui prodotti legati al territorio russo

Cybersicurezza: le raccomandazioni dell'ANC sui prodotti legati alla Russia

Agenzia Nazionale Cybersicurezza: le raccomandazione della Circolare 4336/2021 sui prodotti legati al territorio russo

Come bloccare le chiamate indesiderate: in arrivo il nuovo Registro delle opposizioni

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il nuovo Dpr sul nuovo Registro pubblico delle opposizioni: dal 31 luglio sarà possibile opporsi al telemarketing selvaggio anche da cellulare

Registro pubblico oppositori: le regole in vigore dal 14.04

In GU n 74 del 29.03.2022 pubblicate le regole istituzione e funzionamento del registro pubblico oppositori all'utilizzo di numeri telefonici e dati per fini commerciali

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.