HOME

/

DIRITTO

/

PRIVACY 2022

/

I SITI SICURI ED IL RISCHIO PHISHING

I siti sicuri ed il rischio phishing

Il phishing consiste in una tecnica finalizzata ad acquisire fraudolentemente dati e/o informazioni e/o codici e/o carte di credito e/o password

Lo scorso 19 settembre 2016 abbiamo pubblicato un articolo dal titolo “La sicurezza informatica passa anche attraverso l’uso di un sito sicuro: il protocollo https://”, nel quale si riportava la iniziativa di Google tesa a scoraggiare la presenza di siti con estensione “http” stabilendo che questi siti sarebbero andati a finire agli ultimi posti nella indicizzazione delle ricerche e che ad inizio dell’anno in corso (il 2017) tali siti sarebbero stati banditi dal proprio motore di ricerca, in quanto ritenuti insicuri.
La estensione “https”, infatti, fornisce l’autenticazione del sito web e del server associato come sicuro in quanto in grado di garantire i seguenti ambiti di sicurezza:

  • cifratura del traffico
  • verifica di integrità del traffico
  • autenticazione del server
  • autenticazione dell’utente.

1) Il phishing è utilizzato per attività criminali e si nasconde dietro falsi Https

Gli hacker si sono “attrezzati” per riuscire ad indurre in errore gli utenti che accedono ai siti che hanno una estensione che finisce con la “s” e lo hanno fatto partendo dalla considerazione che l’utente medio per valutare l’attendibilità del sito (intesa in termini di sicurezza) si limita a leggere se in alto a sinistra della pagina compare la estensione https:// preceduta dal simbolo del lucchetto chiuso.
Per cui tramite il ricorso ad operazioni di phishing riescono ad eludere le tecnologie impiegate dalle aziende per proteggere i loro sistemi.
Il phishing consiste in una tecnica finalizzata ad acquisire dati e/o informazioni e/o codici di accesso e/o carte di credito e/o password, ecc, inducendo la vittima designata in errore tramite l’invio di messaggi fraudolenti.
Solitamente i tentativi di phishing  sembrano progettati per uno scopo legittimo, ma in realtà sono destinati a essere utilizzati per attività criminali, questo è il motivo per cui individuarli richiede una particolare attenzione unita anche a conoscenze tecniche.
Tale tecnica fraudolenta consiste, in buona sostanza, nell’invio di e-mail illegittime ed ha un costo irrisorio.
La richiesta contenuta in queste email è spesso motivata da guasti ai sistemi informatici oppure da attività di verifica e riscontro dati.

Il destinatario è invitato a collegarsi tramite un link, presente nel messaggio, ad un sito Internet, in apparenza simile a quello ufficiale (es. azienda di credito, ente locale, asl, ecc.) e ad inserirvi le informazioni riservate.
L’email può inoltre utilizzare toni “intimidatori”, come le minacce di sospensione del servizio in caso di mancata risposta. Le pagine web e le email di phishing spesso contengono errori ortografici e grammaticali e fanno un utilizzo scorretto della lingua italiana, indice di una traduzione automatica dei messaggi.
Nel caso che interessa il phishing viene realizzato creando un sito simile quasi in tutto con quello ufficiale e dotato in alto a sinistra sia dell’icona con il lucchetto chiuso che della estensione htpps.
Accade, purtroppo, che l’utente che accede al sito si limita, come detto e nella migliore delle ipotesi, ad accertarsi della presenza dei suddetti due elementi senza fare attenzione a possibili differenze  tra il sito che si visita e quello ufficiale.
Su questa disattenzione si basano gli hacker per farsi rilasciare i dati da parte degli utenti.

2) Come evitare di cadere in mano agli hacker

Al fine di evitare di incorrere in truffe tramite phishing l’utente deve:

1) andare a leggere il certificato utilizzato dal sito web; ciò avverrà andando a cliccare sull’icona del lucchetto;

2) una volta aperta la pagina dedicata va effettuato uno scrutinio finalizzato ad accertare due aspetti:

- se il certificato digitale è stato effettivamente rilasciato per quello specifico dominio

- se è in corso di validità.

Il Garante per la protezione dei dati personali si è occupato dell’argomento attraverso la realizzazione di una infografica che – tra le altre cose – invita l’utente a valutare criticamente i messaggi che arrivano: uno di questi attiene alla correttezza del linguaggio utilizzato (spesso sono presenti errori grammaticali evidenti, oppure il nome del mittente è strano o eccentrico, oppure ancora contengono richieste di informazioni personali paventando in assenza di risposta la chiusura del conto, e così via).
L’Autorità di controllo, per questi motivi, invita ad installare ed aggiornare un programma antivirus in grado di proteggere dal phishing.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

PRIVACY 2022 · 27/06/2022 Trattamento dati nell'utilizzo del servizio di Google Analytics

I rischi in capo ai Titolari del trattamento dei dati personali collegati all’utilizzo del servizio di Google Analytics

Trattamento dati nell'utilizzo del servizio di Google Analytics

I rischi in capo ai Titolari del trattamento dei dati personali collegati all’utilizzo del servizio di Google Analytics

Cybersicurezza: le raccomandazioni dell'ANC sui prodotti legati alla Russia

Agenzia Nazionale Cybersicurezza: le raccomandazione della Circolare 4336/2021 sui prodotti legati al territorio russo

Come bloccare le chiamate indesiderate: in arrivo il nuovo Registro delle opposizioni

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il nuovo Dpr sul nuovo Registro pubblico delle opposizioni: dal 31 luglio sarà possibile opporsi al telemarketing selvaggio anche da cellulare

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.