HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

ASSEGNO DI INVALIDITÀ CIVILE E REQUISITI

Assegno di invalidità civile e requisiti

Un riepilogo dei requisiti e limiti reddituali per l'assegno di invalidità civile oltre il 74%- Recenti pronunce di Cassazione

L’assegno mensile di assistenza o di invalidità ,  regolato dall’ art. 13 della L. 118/1971 ,  sostituito integralmente dall’art. 1, comma 35, della L. 247/2007,   spetta agli invalidi civili di età compresa fra il diciottesimo e il sessantacinquesimo anno e 3 mesi (dal 2013 al 2015) ,  nei cui confronti sia accertata una riduzione della capacità lavorativa, nella misura pari o superiore al 74% , che non svolgono attività lavorativa .
Per il tempo in cui tale condizione sussiste, è concesso, a carico dello Stato ed erogato dall’INPS, un assegno mensile di assistenza o di invalidità per tredici mensilità:

  • con le stesse condizioni e modalità previste per l’assegnazione della pensione di inabilità, 
  • se il richiedente/invalido non superi determinati limiti di reddito personale.

Il requisito economico e il requisito  di "non svolgimento dell’attività lavorativa",  costituiscono,  al pari del requisito sanitario, un elemento costitutivo della pretesa, la cui prova è a carico del soggetto richiedente/invalido la prestazione.

Va ricordato inoltre che  l’assegno di assistenza o di invalidità non è cumulabile con prestazioni concesse a seguito di invalidità contratte per cause di guerra, di lavoro o di servizio e con prestazioni Inail (rendita diretta, assegno per l'assistenza personale continuativa, assegno di incollocabilità, assegno continuativo mensile).

Invece, è compatibile con il diritto alla pensione anticipata di vecchiaia.  riconosciuto dall'art. 1, comma 8, del d.lgs. 30 dicembre 1992, n. 503, in favore dei soggetti con un'invalidità pari almeno all'80%, trattandosi di prestazioni che possono coesistere, in quanto quest'ultima norma non contempla una pensione diretta di invalidità, e consente, piuttosto, soltanto una deroga ai limiti di età rispetto ai normali tempi di perfezionamento del diritto al trattamento di vecchiaia .

L’art. 3 della l. 407 del 1990 precisa che in caso di incompatibilità con altre prestazioni, l’invalido ha la facoltà di optare non fra due diverse prestazioni di previdenza ed assistenza, ma per il trattamento economico più favorevole, sicché, per poter esercitare la detta opzione, è sufficiente  la titolarità dei due diversi diritti, che può, conseguentemente, essere accertata in giudizio.

Il reddito da considerare come limite per l’erogazione della prestazione e l’assegno mensile è fissato da apposito decreto;le tipologie e le fasce di reddito sono riassunte nella tabella che segue:

INVALIDI CIVILI PARZIALI ED ASSEGNO MENSILE DI ASSISTENZA O ASSEGNO DI INVALIDITA’

FASCIA

TIPOLOGIA

34

invalidi parziali, non ricoverati, con solo assegno

35

invalidi parziali, ricoverati, con solo assegno

36

invalidi parziali, non ricoverati titolari di altro reddito, con solo assegno

40

invalidi parziali, ricoverati titolari di altro reddito, con solo assegno

ANNO

LIMITI DI REDDITO

IMPORTO MENSILE

1 gennaio 2011

4.470,70

260,27

1 gennaio 2012 

4.600,57

267,83

1 gennaio 2013

4.738,63

275,87

1 gennaio 2014

4.790,76

278,91

1 gennaio 2015

4.805,19

279,47

1 gennaio 2016

4.800,38

279,47

1 gennaio 2017

4.800,38

279,47

L'articolo continua dopo la pubblicità

Vedi il commento completo "Assegno invalidità: requisiti"

Sulla differenza di requisito reddituale tra assegno e pensione di inabilità , vedi il commento "Pensione di inabilità  e reddito coniuge "

Ti può interessare  anche l'abbonamento ai COMMENTI ALLA GIURISPRUDENZA FISCALE E DEL LAVORO:

I nostri esperti legali commentano settimanalmente le pronunce piu interessanti con analisi normative, orientamenti giurisprudenziali e  testo integrale delle sentenze. Guarda qui l'indice delle ultime uscite!

1) Ordinanza cassazione lavoro n. 4368 2017

La Corte di appello confermava la decisione del primo giudice che aveva riconosciuto il diritto del Signor A. all’assegno di invalidità ex art. 13 della L. 118/1971 a decorrere dal 1° luglio 2008 e condannava l’INPS al pagamento dei relativi ratei oltre ad accessori come per legge.
L’Inps pone ricorso in cassazione, che è stato rigettato, sulla base dell’orientamento giurisprudenziale, secondo cui “nei giudizi volti al riconoscimento del diritto a pensione o ad assegno di invalidità civile, il requisito reddituale - al pari dei requisiti sanitario e socio-economico, cosiddetto della incollocazione al lavoro - costituisce elemento costitutivo del diritto, la cui sussistenza va verificata anche d'ufficio ed è preclusa solo dalla relativa non contestazione, ove la situazione reddituale sia stata specificamente dedotta, nonché dal giudicato, nel caso in cui non sia stato proposto sul punto specifico motivo di appello”.

L’onere della prova  circa il possesso del requisito reddituale,  grava sulla parte che agisce per ottenerne il riconoscimento - secondo la giurisprudenza della Cass. civ., n. 5167/2003 delle sezioni unite  ma  in caso di inottermperanza  il possesso dello stesso requisito reddituale -puo validamente risultare anche dalle prove acquisite al processo.

2) Assegno e pensione di inabilità: Sentenza Cassazione lavoro n. 26483-2017

Sull'argomento del reddito di riferimento per  l'accesso all'assegno di invalidità ,  la Cassazione nella sentenza n. 26483 dell'8 novembre 2017 si esprime,  anche se per differenza con il tema della causa, relativa alla pensione  di inabilità totale ,  affermando che :

" Con la l. 33/1980,[si ] aggiunse la disposizione dell'art. 14 septies, con la quale, mentre vennero ancor più elevati i limiti di reddito di cui all’art. 8 del d.l. 30/1974,  contestualmente (comma 5) venne stabilito che, per l'assegno mensile in favore dei mutilati e invalidi civili di cui agli artt. 13 e 17 della l. 118/1971, il limite di reddito da considerare era fissato nell'importo di L. 2.500.000 annue, "da calcolare con esclusione del reddito percepito da altri componenti del nucleo familiare di cui il soggetto interessato fa parte".

L'intervento attuato dal legislatore è chiaramente inteso ad equilibrare le posizioni a seguito dell'innalzamento del limite reddituale previsto - ma esclusivamente per gli invalidi civili assoluti - dalla l. 29/1977; significativo di tale intento è che per l'attribuzione dell'assegno è,  preso a riferimento il solo reddito individuale dell'assistito, ma l'importo da non superare per la pensione di inabilità corrisponde, al tempo,  a più del doppio di quello stabilito per l'assegno .

Attualmente la divaricazione si è notevolmente ampliata in quanto, secondo le tabelle Inps, il limite reddituale stabilito per la pensione agli invalidi civili totali è quasi tre volte superiore a quello indicato per l'assegno mensile agli invalidi civili parziali a parità di importo mensile della prestazione.

La norma, inoltre, rappresenta una deroga all'orientamento generale della legislazione in tema di pensioni di invalidità e di pensione sociale, in base al quale il limite reddituale va determinato tenendosi conto del cumulo del reddito dei coniugi .

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

pasquale - 14/06/2021

nel caso di redditi da terreni agricoli esenti da IRPEF, questi devono essere presi in considerazione?

Brizi Leonilde - 25/04/2017

Io ho una rendita inail x infortunio sul lavoro ma non superò le 4,800 euro all'anno prendendo io 12 mensilità da 350€poi ho il 75%di invalidità inps e nn me la vogliono pagare io ho dovuto smettere di lavorare perché l'ultimo di 9 interventi è stata la schiena ho problemi di deambulazione una neuropatia mi curo con oppio e anti depressivi ora mi devo rioperare alla schiena mi tolgono i dischi e mi mettono la Cage come il 1 intervento possibile che ho 61 anni sono ridotta così e l'Inps non mi debba pagare?ora ho fatto un ricorso amministrativo. Voglio sapere da voi mi spetta o no l'assegno di invalidita?

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA RUBRICA DEL LAVORO · 06/12/2022 Fondo Amianto INAIL: istruzioni per le domande 2021-22

Le domande per le prestazioni del Fondo vittime amianto operazioni portuali vanno presentate entro il 16 gennaio 2023. Le istruzioni nella circolare INAIL 43-2022.

Fondo Amianto INAIL: istruzioni per le domande 2021-22

Le domande per le prestazioni del Fondo vittime amianto operazioni portuali vanno presentate entro il 16 gennaio 2023. Le istruzioni nella circolare INAIL 43-2022.

Bonus dipendenti statali in legge di bilancio 2023

Nuovo bonus mensile per il 2023 ai dipendenti delle amministrazioni statali. La bozza di finanziaria stanzia un miliardo di euro. Ecco i dettagli

Guide turistiche: in arrivo la legge di riforma della professione

Audizione al ministero del Turismo di 7 associazioni delle guide turistiche per il progetto di riforma dell'accesso all'abilitazione professionale

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.