HOME

/

DIRITTO

/

PRIVACY 2022

/

QUALI SONO LE CONDOTTE ON LINE CHE CONFIGURANO I REATI DI CYBERCRIME?

Quali sono le condotte on line che configurano i reati di cybercrime?

Attenzione all’uso poco responsabile dei social network: ecco le regole per il corretto utilizzo del Web e dei social network

Sophos – azienda che si occupa di sicurezza informatica - ha posto l’attenzione sul corretto utilizzo del Web e dei social network per evitare comportamenti inappropriati sul Web e sui social networks  dai quali potrebbero avere origine condotte penalmente rilevanti.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Segui tutti gli aggiornamenti nel dossier dedicato alla Privacy

Tutta la normativa aggiornata sulla Privacy nel Commento breve al Regolamento europeo per la privacy

1) Gli esempi dei comportamenti rischiosi sul Web e sui social network

1. Far finta di essere qualcun altro
Sostituirsi nell’identità di un’altra persona, usando la sua password, o la sua foto permette di porre in essere il cd phishing, che consiste in una truffa informatica effettuata inviando un'e-mail con il logo contraffatto di un istituto di credito o di una società di commercio elettronico, in cui si invita il destinatario a fornire dati riservati (numero di carta di credito, password di accesso al servizio di home banking, ecc.), motivando tale richiesta con ragioni di ordine tecnico. In questo modo si mira a  rubare informazioni, dati e denaro.
2. Creare un falso profilo
Il fake è’ una condotta che rientra, anch’essa, nel novero di quelle illecite sotto una pluralità di profili: in primo luogo rappresenta una violazione delle regole stabilite da Facebook oltre a rappresentare gli estremi del furto di identità e di proprietà intellettuale.
3. Cyber bullismo on line
Altra condotta penalmente rilevante è rappresentata dal cyber bullismo che si realizza allorquando si prende di mira un soggetto, creandogli un falso profilo e denigrandolo, con conseguenze che possono essere anche drammatiche, come – purtroppo – i recenti fatti di cronaca ci hanno testimoniato.
Nella vita virtuale può capitare di imbattersi in persone che usano Internet per esercitare la loro prepotenza.
Con il termine cyberbullismo si intende, pertanto, una qualsiasi comunicazione virtuale pubblicata o inviata a un minore avente lo scopo di impaurire, imbarazzare, infastidire o prendere di mira in altro modo un minore.
4. Revenge porn,
Consiste nella trasmissione in rete di immagini o di video di nudi senza il consenso della vittima.
Si tratta di una condotta dalla quale, a seconda dei casi, può scaturire l’accusa di molestie o il divieto delle leggi sul copyright.

2) Prevenzione e sensibilizzazione per combattere il cybercrime

Il MOIGE– Movimento Italiano Genitori e Samsung, con il patrocinio della Polizia di Stato, hanno promosso un progetto denominato “#OFF4aDAY” che ha l’obiettivo primario di sensibilizzare ragazzi e adulti sulla prevenzione al fenomeno del cyberbullismo online.
Per contrastare tale fenomeno sempre più diffuso e drammatico in Italia il legislatore sta cercando di approvare una legge ad hoc, (sul cui contenuto e sulle valutazioni critiche si rinvia al seguente link).
 

3) Il caso Facebook

Facebook è stata condannata ad una multa di 123 milioni di dollari per non avere rimosso, per diversi mesi, una pagina che condivideva questo materiale (revenge porn).
A Facebook, è stata contestata, quindi, l’aggravante di non essere intervenuto nella questione nemmeno dopo l'intervento della polizia.
Secondo gli avvocati che seguono il caso, infatti, Facebook non avrebbe preso in considerazione nessuna delle numerose richieste avanzate per la cancellazione di quel profilo, tanto da non prendere posizione nemmeno dopo l'intervento delle autorità, che ne hanno fatto richiesta alla società.
La richiesta di 123 milioni di dollari è stata conteggiata in 10 centesimi per ogni utente iscritto, potenzialmente fruitore di quei contenuti illegittimi.
Altri social come Instagram e Snapchat sono, invece, corse ai ripari creando diversi team che controllano in ogni momento le segnalazioni in modo da rimuovere le immagini il  prima possibile e darne segnalazione alle autorità, per poter loro consentire di risalire all'autore.
 

4) Consigli per l’uso: come navigare sicuri

1. massima prudenza nella navigazione.
Attenzione nella navigazione on line, per cui va sconsigliata la visitazione di siti sconosciuti e, comunque, non sicuri quali ad es. quelli che hanno come estensione http e non https.
Lo scaricare contenuti dalla rete dovrebbe essere subordinato all’accertamento preventivo della affidabilità del sito o della persona.
A tale proposito ESET (un'azienda che opera nel campo della sicurezza informatica) consiglia di posizionare il mouse sul link per vedere se questo è effettivamente il punto sul sito che è di interesse o se al contrario potrebbe indirizzare verso altre destinazioni.
2. porre attenzione alla lettura dei messaggi di posta elettronica.
Accertarsi, prima di aprire i messaggi, che il sito sia quello ufficiale e non un sito creato ad hoc per “fare abboccare” gli utenti. (solitamente i siti non ufficiali sono contraddistinti dal ricorso ad un linguaggio non corretto e/o ad icone/immagini non propriamente uguali a quelle presenti sul sito ufficiale)
3. diffidare dalle minacce.
Se arriva una minaccia con la quale veniamo indotti a compiere determinate operazioni (ad es., fornire credenziali, o gli estremi della carta di credito o il numero di conto corrente, ecc.) forse è il caso di avvertire immediatamente la polizia postale, in quanto le aziende, pubbliche e private, molto di rado inviano richieste di tale tenore.
4. controllare che il protocollo sia HTTPS.
Un sito web sicuro, per definizione, è quello contrassegnato dalla stringa HTPPS con l’icona del “lucchetto”. A tale proposito Google si sta attivando con una propria policy di sicurezza per la quale i siti che non avranno tale standard di sicurezza saranno progressivamente emarginati dal motore di ricerca e contrassegnati quali siti non sicuri.
Rif.
http://www.datamanager.it/2016/11/consigli-sophos-evitare-comportamenti-inappropriati-web-social-networks/ 
http://247.libero.it/focus/29926847/4/facebook-richiesti-123-milioni-di-dollari-per-falso-profilo/
http://www.wired.it/attualita/politica/2016/09/15/qualcuno-fermi-legge-cyberbullismo/

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

PRIVACY 2022 · 27/06/2022 Trattamento dati nell'utilizzo del servizio di Google Analytics

I rischi in capo ai Titolari del trattamento dei dati personali collegati all’utilizzo del servizio di Google Analytics

Trattamento dati nell'utilizzo del servizio di Google Analytics

I rischi in capo ai Titolari del trattamento dei dati personali collegati all’utilizzo del servizio di Google Analytics

Cybersicurezza: le raccomandazioni dell'ANC sui prodotti legati alla Russia

Agenzia Nazionale Cybersicurezza: le raccomandazione della Circolare 4336/2021 sui prodotti legati al territorio russo

Come bloccare le chiamate indesiderate: in arrivo il nuovo Registro delle opposizioni

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il nuovo Dpr sul nuovo Registro pubblico delle opposizioni: dal 31 luglio sarà possibile opporsi al telemarketing selvaggio anche da cellulare

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.