cultura

Speciale Pubblicato il 20/06/2018

Bonus cultura: proroga a rischio per il 2018-2019

di Gesuato Elisabetta

Sembra tuttavia nelle intenzioni del governo non solo prorogare il bonus cultura per il 2018-2019 ma anche estenderlo agli adolescenti

Il bonus cultura, introdotto con la legge di stabilità 2016, è una carta elettronica del valore di 500 Euro, a favore dei diciottenni, da spendere per l'acquisto di libri, biglietti cinema e altri servizi culturali.

Per utilizzare la carta i giovani devono prima registrarsi presso la piattaforma elettronica 18app.

L'agevolazione, introdotta inizialmente per coloro che compivano 18 anni nel 2016 (quindi i nati del 1998), è stata prorogata dalla Legge di Bilancio 2017 anche per i nati del 1999.

Per un problema tecnico-normativo il bonus cultura non è stato normativamente prorogato anche per i nati del 2000. Nella legge di Bilancio 2018, infatti, è stata prevista solo l'estensione dei fondi per il bonus nella tabella allegata alla legge che contiene lo stato di previsione del ministero dei Beni culturali. Manca però una fonte di rango primario, tanto che il Consiglio di Stato ha "dovuto" per questo motivo bloccare il decreto di proroga che avrebbe esteso il bonus ai nati del 2000-2001. Il problema, tuttavia, sembra essere solo di natura tecnica, in quanto sembra essere nelle intenzioni del Governo non solo rinnovare il bonus ma addirittura estenderlo anche agli adolescenti, e introdurre dei correttivi che tengano conto delle diverse situazioni economiche delle famiglie. Per fare ciò occorrerà però prevedere una disposizione di legge che estenda ufficialmente il bonus per il 2018-2019, e poi un decreto attuativo per stabilire le nuove regole di attuazione.

Nel frattempo un riepilogo del bonus attualmente in vigore per i nati del 1999.

 

Segui sempre il nostro Dossier dedicato alla Legge di stabilità 2017. Troverai tanti aggiornamenti e approfondimenti!

Potrebbe interessarti le seguenti Circolari nelle quali sono analizzati tutti i provvedimenti il Decreto Fiscale 2016-2017: Analisi punto per punto e Disegno di Legge Bilancio 2017 .

 

Bonus cultura 18 anni: cos'è, chi può usarlo e come

Per promuovere lo sviluppo della cultura e la conoscenza del patrimonio culturale, la Legge di Stabilità 2016 ha previsto l'assegnazione di una Carta elettronica del valore di 500 Euro, realizzata in forma di applicazione informatica, utilizzabile tramite accesso ad Internet.

I beneficiari della Carta sono:

  • residenti nel territorio nazionale, in possesso - ove previsto - di permesso di soggiorno in corso di validità;
  • che compiono 18 anni d'età nel 2016 (ossia ai nati del 1998). Poi il bonus è stato esteso anche a coloro che compiono 18 anni nel 2017 (quindi i nati del 1999), grazie alla proroga stabilita con la Legge di Bilancio 2017. Si è al momento in attesa di sapere il destino per i nati del 2000-2001 (ovvero che compiono 18 anni nel 2018-2019).

Per poter beneficiare del bonus è necessario registrarsi presso la piattaforma elettronica 18app, usando le credenziali generate in sede di attribuzione dell’identità digitale tramite il Sistema Pubblico per la gestione dell’Identità Digitale di cittadini e imprese (SPID).

Una volta registrati è possibile generare il buono spesa desiderato, ricordando che ciascun buono è individuale e nominativo e può essere speso solo dal beneficiario registrato. Una volta generato il buono sarà possibile salvarlo sullo smartphone o stamparlo e utilizzarlo presso gli esercenti fisici e online aderenti all'iniziativa.

 

La Carta elettronica, infatti, è utilizzabile presso:

  • imprese/esercizi commerciali;
  • sale cinematografiche/da concerto/teatrali,
  • istituti e luoghi della cultura parchi naturali;
  • altre strutture ove si svolgono eventi culturali/spettacoli dal vivo.

che si sono registrati sulla piattaforma informatica dedicata e che pertanto sono inseriti, a cura del MIBCAT, in un apposito elenco consultabile sulla piattaforma informatica app18.

La registrazione da parte dell'esercente avviene tramite l’utilizzo delle credenziali fornite dall’Agenzia delle Entrate e prevede l’indicazione dei seguenti elementi:

  • partita IVA;
  • codice ATECO dell’attività svolta;
  • denominazione e luoghi di esercizio dell’attività;
  • tipologia dei beni / servizi;
  • dichiarazione che i buoni spesa saranno accettati esclusivamente per i predetti acquisti.

Una volta avvenuta la registrazione, per tali soggetti è obbligatoria l'accettazione dei buoni spesa. Accettato il buono, al soggetto accreditato è riconosciuto un credito di pari importo, riscontrabile sulla piattaforma dedicata. Il soggetto ottiene l'accredito di un importo pari a quello del credito maturato in seguito all'emissione della fattura elettronica.

A tal fine la Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici (CONSAP), tramite l’acquisizione dei dati dall’area disponibile sulla piattaforma elettronica, nonché dalla piattaforma di fatturazione elettronica della PA, provvede al riscontro delle fatture e alla liquidazione delle stesse.

Bonus cultura 18 anni: spese fino al 31.12.2018 per i nati del 1999

 

Al momento chi può usufruire del bonus cultura? I nati del 1999, che hanno compiuto 18 anni nel 2017.

Dal 19.09.2017 fino al 31.12.2018 i soggetti che hanno compiuto 18 anni nel 2017 (i nati nel 1999), potranno utilizzare il bonus di 500,00 euro per l'acquisto di:

·         biglietti per rappresentazioni teatrali e cinematografiche e spettacoli dal vivo;

·         libri;

·         titoli di accesso a musei, mostre ed eventi culturali, monumenti, gallerie, aree archeologiche, parchi naturali;

·         musica registrata;

·         corsi di musica;

·         corsi di teatro;

·         corsi di lingua straniera

I nati nel 1999 per poter usufruire del bonus, dovranno provvedere all'iscrizione sull'apposita piattaforma 18App entro il 30 giugno 2018 .

Si ricorda, invece, che per i ragazzi nati nel 1998 era possibile spendere i buoni fino al 31 dicembre 2017 e limitatamente a:

  • biglietti per rappresentazioni teatrali e cinematografiche e spettacoli dal vivo;
  • libri;
  • titolo di accesso a musei, mostre ed eventi culturali, monumenti, gallerie, aree archeologiche, parchi naturali.

 






Commenti

Nessuno ve lo ha chiesto il bonus.piuttosto aiutate i barboni che dormono sotto i portici di ogni città'.altro che teatro!il voto volete.

Commento di Salvatore (20:38 del 25/10/2016)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)