HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

LAVORO INTERMITTENTE ED INTERPELLO N. 10/2016: LAVORO DISCONTINUO

Lavoro intermittente ed interpello n. 10/2016: lavoro discontinuo

Lavoro intermittente o a chiamata: il ministero chiarisce in un interpello le attività a carattere discontinuo cui si puo applicare

ll contratto di lavoro intermittente (o a chiamata), introdotto dagli articoli da 33 a 40 del D.Lgs. 276/2003, è stato abrogato dall’articolo 1, comma 45, della L. 247/2007 e successivamente ha riacquistato efficacia con il D.L. 112/2008 (articolo 39, comma 10). Successivamente, l'articolo 1, comma 21, della L. 92/2012 ha modificato il campo di applicazione del lavoro intermittente eliminando la possibilità  di ricorrervi nei c.d. periodi predeterminati  dal D.Lgs. 276/2003 (ovvero durante il fine settimana, nei periodi estivi, o di vacanze natalizie e pasquali) e in relazione alle prestazioni rese da soggetti con meno di 25 anni di età ovvero da lavoratori con più di 45 anni di età, anche pensionati. 

L'articolo continua dopo la pubblicità

L'articolo integrale (con la normativa completa) è disponibile ne LA CIRCOLARE DEL LAVORO N. 13 del 1.4.2016 Vedi  l'indice.

1) Lavoro intermittente: disciplina previgente e D.Lgs. 81/2015

Il contratto di lavoro intermittente attualmente può essere concluso:

  • per lo svolgimento di prestazioni di carattere discontinuo e saltuario secondo le esigenze individuate dai contratti collettivi stipulati da associazioni dei datori e dei prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale o territoriale ovvero per periodi predeterminati nell'arco della settimana, del mese o dell'anno (articolo 34, comma 1, D.Lgs. 276/2003);
  • con soggetti con più di 55 anni di età e con soggetti con meno di 24 anni di età, fermo restando che le prestazioni contrattuali devono essere svolte entro il venticinquesimo anno di età (articolo 34, comma 2, D.Lgs. 276/2003). In relazione a tale causale, la L. 92/2012 ha delimitato diversamente, rispetto alla previgente disciplina, anche la causale soggettiva che consente il ricorso al lavoro intermittente. Infatti ora è previsto, ai fini della stipulazione del contratto, che il lavoratore non abbia compiuto i 24 anni (quindi abbia al massimo 23 anni e 364 giorni); oppure abbia più di 55 anni (quindi almeno 55 anni e quindi possono essere anche pensionati).

In ogni caso, è stabilito un limite di 400 giornate annue di lavoro effettivo nell’arco di 3 anni solari, riferito a ciascun lavoratore con il medesimo datore di lavoro, superato il quale il rapporto si trasforma in un rapporto di lavoro a tempo pieno e indeterminato, ma restano esclusi da tale limite i settori del turismo, dei pubblici esercizi e dello spettacolo. Sul punto, la circolare del Ministero del lavoro n. 35/2013 ha evidenziato che l'instaurazione del rapporto di lavoro intermittente rimane soggetto ai limiti di carattere oggettivo o soggettivo già individuati dagli articoli. 34 e 40 del D.Lgs. 276/2003, precisando altresì che il conteggio delle prestazioni deve essere effettuato, a partire dal giorno in cui si chiede la prestazione, a ritroso di 3 anni, tenendo conto, tuttavia (ai sensi dell'articolo 7, comma 3, del D.L. 76/2013), solo delle giornate di effettivo lavoro prestate successivamente all'entrata in vigore della disposizione stessa e, quindi, successivamente al 28 giugno 2013 (data di entrata in vigore del D.L. 76/2013).

Infine, gli artt. da 13 a 18 del d.lgs. 81/2015, c.d. jobs act, sostituiscono la normativa in materia di contratto intermittente. Nello specifico l’art. 13 del d.lgs. 81/2015 individua tre tipologie di contratto intermittente:

contratto intermittente per ragioni oggettive (art. 13, comma 1, prima parte, del d.lgs. 81/2015): si tratta di contratto di lavoro intermittente, il cui svolgimento della prestazione lavorativa può essere svolto in modo discontinuo o intermittente secondo le esigenze individuate dai contratti collettivi, anche con riferimento alla possibilita' di svolgere le prestazioni in periodi predeterminati nell'arco della settimana, del mese o dell'anno. In mancanza di contratto collettivo, i casi di utilizzo del lavoro intermittente sono individuati con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali. In mancanza di contratto collettivo, i casi di utilizzo del lavoro intermittente sono individuati con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali;

contratto intermittente per ragioni temporali (art. 13, comma 1, seconda parte, del d.lgs. 81/2015): si tratta di contratto di lavoro intermittente svolto secondo le esigenze individuate dai contratti collettivi, con la possibilità di svolgere le prestazioni in periodi predeterminati nell'arco della settimana, del mese o dell'anno;

contratto intermittente per ragioni soggettive (art. 13, comma 2, del d.lgs. 81/2015): il contratto di lavoro intermittente può in ogni caso essere concluso con soggetti con meno di 24 anni di età, purché le prestazioni lavorative siano svolte entro il venticinquesimo anno, e con più di 55 anni.

Infine, l’art. 13 del d.lgs. 81/2015 stabilisce che  per i settori del turismo, dei pubblici esercizi e dello spettacolo, il contratto di lavoro intermittente e' ammesso, per ciascun lavoratore con il medesimo datore di lavoro, per un periodo complessivamente non superiore a quattrocento giornate di effettivo lavoro nell'arco di tre anni solari. In caso di superamento del predetto periodo il relativo rapporto si trasforma in un rapporto di lavoro a tempo pieno e indeterminato.(...)

2) Lavoro intermittente per requisiti oggettivi ed interpello n. 10 del 2016

Sull’argomento,  di recente, la Federalberghi ha inviato un quesito alla Direzione Generale per l’Attività Ispettiva, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in merito alla corretta interpretazione dell’art. 13, comma 1, D. Lgs. n. 81/2015, concernente la disciplina del contratto di lavoro intermittente; in particolare si chiedeva se, in virtù di quanto disposto dal Legislatore del 2015 all’art. 55, comma 3 – ai sensi del quale “sino all’emanazione dei decreti richiamati dalle disposizioni del presente decreto legislativo, trovano applicazione le regolamentazioni vigenti” – sia ancora possibile, in relazione alla possibilità di ricorrere a prestazioni di lavoro intermittenti, riferirsi a quanto declinato dalla tabella allegata al R.D. n. 2657 del 1923, recante l’elenco delle attività a carattere discontinuo.

La Direzione Generale per l’Attività Ispettiva, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con interpello 21 marzo 2016, n. 10, ritiene che il R.D. 2657 del 1923 è da considerarsi ancora vigente proprio in forza della disposizione di cui all’art. 55, comma 3, del D. Lgs. n. 81/2015 e, di conseguenza, è evidentemente possibile rifarsi alle ipotesi indicate dal R.D. n. 2657 del 1923 al fine di attivare prestazioni di lavoro intermittente. Tale soluzione, peraltro, risulta coerente con quanto già precisato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con circolare n. 20/2012, nonché da diversi interpelli .

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

ASSEGNI FAMILIARI E AMMORTIZZATORI SOCIALI · 30/11/2021 Cassa in deroga: le istruzioni per le crisi aziendali

Domande e pagamento diretto della CIG in deroga per crisi aziendali: nella Circolare INPS n. 179 2021 le istruzioni a Regioni /Province e datori di lavoro

Cassa in deroga: le istruzioni per le crisi aziendali

Domande e pagamento diretto della CIG in deroga per crisi aziendali: nella Circolare INPS n. 179 2021 le istruzioni a Regioni /Province e datori di lavoro

Anticipo Naspi:  le istruzioni INPS per l'esenzione fiscale

Le istruzioni per l'esenzione fiscale degli importi di Naspi anticipata per chi sottoscrive una quota in cooperativa di lavoro e per la rioccupazione con altro datore di lavoro

Ingresso in Italia, nuove regole per gli arrivi dall'Africa

Regole aggiornate per entrare in Italia dall'estero in vigore dal 26 ottobre al 15 dicembre 2021. Novità variante Omicron Le destinazioni vietate.Ordinanze Ministero della Salute

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.