HOME

/

FISCO

/

EMERGENZA CORONAVIRUS- GREEN PASS

/

DEPENALIZZAZIONE DELLE SANZIONI IN MATERIA DI LAVORO

Depenalizzazione delle sanzioni in materia di lavoro

Le nuove sanzioni amministrative previste dai decreti legislativi nn. 7 e 8 sulla depenalizzazione in materia di lavoro e legislazione sociale

Con i decreti legislativi nn. 7 e 8 del 15 gennaio 2016 viene data esecuzione all’art. 2 della legge 28 aprile 2014, n. 67, che ha conferito delega al Governo per la “Riforma della disciplina sanzionatoria” di reati; inoltre,

  • nel comma 2 e nel comma 3, lettera b), dell’art. 2 della legge delega sono contenuti i criteri e i principi direttivi per la trasformazione di reati in illeciti amministrativi,
  • mentre le restanti disposizioni del comma 3 contengono criteri e principi direttivi per l’abrogazione di alcuni reati, con contestuale previsione, per i fatti corrispondenti, di sanzioni pecuniarie civili aggiuntive rispetto al risarcimento del danno.

In particolare, nel d.lgs. 8/2016, entrato in vigore il 6 febbraio 2016, l’ambito applicativo della depenalizzazione è individuato dalla legge delega in base a due diversi criteri di selezione: uno di carattere formale, legato al tipo di trattamento sanzionatorio; l’altro di carattere sostanziale, dipendente dal riconoscimento che determinati comportamenti, pur mantenendo il carattere illecito, non sono più tuttavia ritenuti meritevoli di pena, potendo essere sanzionati in via amministrativa.

Il primo criterio è esplicitato nella lettera a) del comma 2 dell’articolo 2 della legge delega che, riferendosi a tutti i reati per i quali è prevista la sola pena della multa o dell’ammenda, costituisce una clausola generale di depenalizzazione cd. “cieca”: il decreto legislativo n. 8/2016 dà attuazione al criterio attraverso l’art. 1, comma 1, che prevede, appunto, che “Non costituiscono reato e sono soggette alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma di denaro tutte le violazioni per le quali è prevista la sola pena della multa o dell’ammenda”.

Il secondo criterio, contenuto nelle lettere b), c) e d) del comma 2 dell’articolo 2 della delega, opera invece una depenalizzazione cd. “nominativa”, indicando specificamente le fattispecie su cui intervenire: il decreto legislativo in commento attua tale previsione attraverso gli artt. 2 (Depenalizzazione dei reati del codice penale) e 3 (Altri casi di depenalizzazione).

L'articolo continua dopo la pubblicità

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO IN :  "LA CIRCOLARE SETTIMANALE DEL LAVORO N. 6 DEL 12.2.2016"

1) Quali sono le nuove sanzioni?

Il D. Lgs. 8/2016 trasforma in illeciti amministrativi i reati in materia di lavoro e previdenza obbligatoria puniti con la sola pena della multa o dell’ammenda, salvo le materie espressamente escluse dalla depenalizzazione (salute e sicurezza sul lavoro e immigrazione). Le materie prese in considerazione sono nello specifico : la mediazione e la somministrazione di lavoro , la discriminazione dei luoghi di lavoro e in materia previdenziale , l'omesso versamento di ritenutese idi importo totale non superiore a 10mila euro, la frode per prestazioni economiche assistenziali o previdenziali

Vediamo di seguito le nuove sanzioni previste per gli illeciti sulla discriminazione nell'accesso al lavoro previsti  descritti dal D. LGS. 198/2006 e ora modificati:

Decreto Legislativo n. 8/2016

 

SANZIONI FINO AL 6 FEBBRAIO 2016

SANZIONI DOPO IL 6 FEBBRAIO 2016

E vietata qualsiasi discriminazione per quanto riguarda l'accesso al lavoro, in forma subordinata, autonoma o in qualsiasi altra forma, compresi i criteri di selezione e le condizioni di assunzione, nonché la promozione, indipendentemente dalle modalità di assunzione e qualunque sia il settore o il ramo di attività, a tutti i livelli della gerarchia professionale anche per quanto riguarda la creazione, la fornitura di attrezzature o l’ampliamento di un'impresa o l’avvio o l’ampliamento di ogni altra forma di attività autonoma.

Art. 41, comma 2, D. Lgs. 198/2006:

l'inosservanza delle disposizioni contenute nell’art. 27, comma 1, del D. Lgs. 198/2006, è punita con l'ammenda da 250 a 1.500 euro.

Art. 1, commi 1 e 5, lett. a) del D. Lgs. 8/2016:

sanzione amministrativa da euro 5.000 a euro 10.000

Non diffidabile

La discriminazione di cui al comma 1 dello stesso articolo è vietata anche se attuata attraverso il riferimento allo stato matrimoniale o di famiglia o di gravidanza nonché di maternità o paternità, anche adottive (comma 1: è vietata qualsiasi discriminazione per quanto riguarda l’accesso al lavoro, in forma subordinata, autonoma o in qualsiasi altra forma, compresi i criteri di selezione e le condizioni di assunzione, nonché la promozione, indipendentemente dalle modalità di assunzione e qualunque sia il settore o il ramo di attività, a tutti i livelli della gerarchia professionale).

Art. 41, comma 2, D. Lgs. 198/2006:

l'inosservanza delle disposizioni contenute nell’art. 27, comma2, lett. a), del D. Lgs. 198/2006, è punita con l'ammenda da 250 a 1.500 euro.

Art. 1, commi 1 e 5, lett. a) del D. Lgs. 8/2016:

sanzione amministrativa da euro 5.000 a euro 10.000

Non diffidabile

La discriminazione di cui al comma 1 dello stesso articolo è vietata anche se attuata in modo indiretto, attraverso meccanismi di preselezione ovvero a mezzo stampa o con qualsiasi altra forma pubblicitaria che indichi come requisito professionale l'appartenenza all’uno o all'altro sesso (comma 1: E' vietata qualsiasi discriminazione per quanto riguarda l'accesso al lavoro, in forma subordinata, autonoma o in qualsiasi altra forma, compresi i criteri di selezione e le condizioni dì assunzione, nonché la promozione, indipendentemente dalle modalità di assunzione e qualunque sia il settore o il ramo di attività, a tutti i livelli della gerarchia professionale).

Art. 41, comma 2, D. Lgs. 198/2006:

l'inosservanza delle disposizioni contenute nell’art. 27, comma2, lett. b), del D. Lgs. 198/2006, è punita con l'ammenda da 250 a 1.500 euro.

Art. 1, commi 1 e 5, lett. a) del D. Lgs. 8/2016:

sanzione amministrativa da euro 5.000 a euro 10.000

Non diffidabile

Il divieto di cui ai commi 1 e 2 dello stesso articolo si applica anche alle iniziative in materia di orientamento, formazione, perfezionamento aggiornamento e riqualificazione professionale, inclusi i tirocini formativi e di orientamento, per quanto concerne sia l'accesso sia i contenuti, nonché al l’affiliazione e all'attività in un'organizzazione di lavoratori o datori di lavoro, o in qualunque organizzazione i cui membri esercitino una particolare professione, e alle prestazioni erogate da tali organizzazioni (comma 1: E' vietata qualsiasi discriminazione per quanto riguarda l'accesso al lavoro, in forma subordinata, autonoma o in qualsiasi altra forma, compresi i criteri di selezione e le condizioni di assunzione, nonché la promozione, indipendentemente dalle modalità di assunzione e qualunque sia il settore o il ramo di attività, a tutti i livelli della gerarchia professionale. Comma 2: La discriminazione di cui al comma 1 è vietata anche se attuata: a) attraverso il riferimento allo stato matrimoniale o di famiglia o di gravidanza, nonché di maternità o paternità, anche adottive; b) in modo indiretto, attraverso meccanismi di preselezione ovvero a mezzo stampa o con qualsiasi altra forma pubblicitaria che indichi come requisito professionale l'appartenenza all’uno o all'altro sesso).

Art. 41, comma 2, D. Lgs. 198/2006:

l'inosservanza delle disposizioni contenute nell’art. 27, comma3, è punita con l'ammenda da 250 a 1.500 euro.

Art. 1, commi 1 e 5, lett. a) del D. Lgs. 8/2016:

sanzione amministrativa da euro 5.000 a euro 10.000

Non diffidabile

E vietata qualsiasi discriminazione, diretta e indiretta, concernente un qualunque aspetto o condizione delle retribuzioni, per quanto riguarda uno stesso lavoro o un lavoro al quale è attribuito un valore uguale.

Art. 41, comma 2, D. Lgs. 198/2006:

l'inosservanza delle disposizioni contenute nell’art. 28, comma 1, è punita con l'ammenda da 250 a 1.500 euro.

Art. 1, commi 1 e 5, lett. a) del D. Lgs. 8/2016:

sanzione amministrativa da euro 5.000 a euro 10.000

Non diffidabile

I sistemi di classificazione professionale ai fini della determinazione delle retribuzioni debbono adottare criteri comuni per uomini e donne ed essere elaborati in modo da eliminare le discriminazioni.

Art. 41, comma 2, D. Lgs. 198/2006:

l'inosservanza delle disposizioni contenute nell’art. 28, comma 2, è punita con l'ammenda da 250 a 1.500 euro.

Art. 1, commi 1 e 5, lett. a) del D. Lgs. 8/2016:

sanzione amministrativa da euro 5.000 a euro 10.000

Non diffidabile

È vietata qualsiasi discriminazione fra uomini e donne per quanto riguarda l'attribuzione delle qualifiche, delle mansioni e la progressione nella carriera.

Art. 41, comma 2, D. Lgs. 198/2006:

l'inosservanza delle disposizioni contenute nell’art. 29 è punita con l'ammenda da 250 a 1.500 euro.

Art. 1, commi 1 e 5, lett. a) del D. Lgs. 8/2016:

sanzione amministrativa da euro 5.000 a euro 10.000

Non diffidabile

Le lavoratrici in possesso dei requisiti per aver diritto alla pensione di vecchiaia hanno diritto di proseguire il rapporto di lavoro fino agli stessi limiti di età previsti per gli uomini da disposizioni legislative, regolamentari e contrattuali.

Art. 41, comma 2, D. Lgs. 198/2006:

l'inosservanza delle disposizioni contenute nell’art. 30, comma 1, è punita con l'ammenda da 250 a 1.500 euro.

Art. 1, commi 1 e 5, lett. a) del D. Lgs. 8/2016:

sanzione amministrativa da euro 5.000 a euro 10.000

Non diffidabile

Gli assegni familiari, le aggiunte di famiglia e le maggiorazioni delle pensioni per familiari a carico possono essere corrisposti, in alternativa, alla donna lavoratrice o pensionata alle stesse condizioni e con gli stessi limiti previsti per il lavoratore o pensionato. Nel caso di richiesta di entrambi i genitori gli assegni familiari, le aggiunte di famiglia e le maggiorazioni delle pensioni per familiari a carico debbono essere corrisposti al genitore con il quale il figlio convive.

Art. 41, comma 2, D. Lgs. 198/2006:

l'inosservanza delle disposizioni contenute nell’art. 30, comma 3, è punita con l'ammenda da 250 a 1.500 euro.

Art. 1, commi 1 e 5, lett. a) del D. Lgs. 8/2016:

sanzione amministrativa da euro 5.000 a euro 10.000

Non diffidabile

Le prestazioni ai superstiti, erogate dall'assicurazione generale obbligatoria, per l'invalidità, la vecchiaia ed i superstiti, gestita dal Fondo pensioni per i lavoratori dipendenti, sono estese, alle stesse condizioni previste per la moglie dell'assicurato o del pensionato, al marito dell'assicurata o della pensionata.

Art. 41, comma 2, D. Lgs. 198/2006:

l'inosservanza delle disposizioni contenute nell’art. 30, comma 4, è punita con l'ammenda da 250 a 1.500 euro.

Art. 1, commi 1 e 5, lett. a) del D. Lgs. 8/2016:

sanzione amministrativa da euro 5.000 a euro 10.000

Non diffidabile

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

EMERGENZA CORONAVIRUS- GREEN PASS · 30/11/2021 Obbligo vaccinale: le novità e le categorie interessate

Cosa prevede il nuovo decreto 172/2021 su terza dose e nuove categorie di lavoratori obbligati al vaccino, dopo sanitari e operatori delle RSA. Bloccato l'accesso agli Ordini

Obbligo vaccinale: le novità e le categorie interessate

Cosa prevede il nuovo decreto 172/2021 su terza dose e nuove categorie di lavoratori obbligati al vaccino, dopo sanitari e operatori delle RSA. Bloccato l'accesso agli Ordini

Ingresso in Italia, nuove regole per gli arrivi dall'Africa

Regole aggiornate per entrare in Italia dall'estero in vigore dal 26 ottobre al 15 dicembre 2021. Novità variante Omicron Le destinazioni vietate.Ordinanze Ministero della Salute

Zona gialla: dal 29.11 il Friuli Venezia Giulia diventa gialla

Il Friuli è giallo. Vediamo il riepilogo delle regole della zona gialla.

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.