euro_uomo_affari_168x126

Speciale Pubblicato il 11/07/2017

VIES, regole di iscrizione e cancellazione

di Gesuato Elisabetta

Determinati controlli effettuati nei confronti dei titolari di partita Iva possono portare all'esclusione d'ufficio dal Vies.

Con il provvedimento del 12.06.2017 l'Agenzia delle Entrate ha stabilito le modalità e i criteri con cui vengono effettuati i controlli nei confronti dei titolari di partita Iva, finalizzati a riscontrare eventuali irregolarità nei dati forniti per la loro identificazione ai fini Iva. A seguito di tali controlli l'Agenzia delle Entrate può emanare un provvedimento di cessazione della partita Iva e di esclusione della stessa dalla banca dati Vies. Al contribuente resta sempre ferma la possibilità di chiedere nuovamente l'inclusione nella banca dati.

 

VIES: modalità di iscrizione

L'obbligo di iscrizione al VIES è stato introdotto dall'art. 27 del decreto legge n. 78/2010, per adeguare il nostro ordinamento a quanto previsto in sede comunitaria.

I soggetti che intendono effettuare operazioni intracomunitarie devono ottenere una preventiva autorizzazione da parte dell’Agenzia delle Entrate con successiva iscrizione nell’archivio informatico dei soggetti Iva operanti in ambito comunitario (VIES = Vat Information Exchange System), se in possesso dei requisiti richiesti. L’obbligo riguarda tutti i soggetti che esercitano attività impresa, arte o professione, nel territorio dello Stato, o vi istituiscono una stabile organizzazione.
 
Per iscriversi al VIES vi sono due modalità diverse a seconda che il soggetto passivo Iva inizi l’attività e debba pertanto presentare la dichiarazione di inizio attività, o sia già attivo.
I soggetti che iniziano un'attività devono compilare il campo “Operazioni Intracomunitarie” del quadro I dei modelli:
  • AA7 per i soggetti diversi dalle persone fisiche;
  • AA9 per le imprese individuali e i lavoratori autonomi.
I soggetti che sono già in attività devono utilizzare le apposite funzioni rese disponibili nei servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, direttamente (se abilitati ad Entratel/Fisconline) ovvero tramite un intermediario abilitato. Questa modalità di iscrizione era stata annunciata con il comunicato stampa del 26.03.2014 (vedi a tal proposito lo speciale del 9.4.2014 "Al Vies è possibile iscriversi anche online"), e poi è stata confermata con il Provvedimento del 15.12.2014.
Non è più possibile chiedere l’iscrizione al VIES con la presentazione dell’apposita istanza ad un qualsiasi Ufficio dell’Agenzia delle Entrate direttamente, a mezzo raccomandata o mediante PEC.
 
Qualsiasi sia la modalità adottata, l’opzione ha effetto immediato, a partire dal momento della richiesta della partita IVA ovvero della ricezione telematica della richiesta di iscrizione al VIES. L'avvenuta inclusione può essere riscontrata (e si consiglia agli operatori di effettuare tale verifica), a partire dalla stessa data, sul sito internet dell'Agenzia delle Entrate mediante i sistemi di interrogazione telematica delle partite IVA comunitarie.
 
 

VIES: l'iscrizione è gratis

Con il comunicato stampa del 9 gennaio 2015 l'Agenzia delle Entrate ha precisato che l'iscrizione al VIES è gratuita, e che nessuna somma viene richiesta per accedere in banca dati né per ottenere la pubblicazione del numero di partita Iva.
 
La precisazione si è resa necessaria dopo le diverse segnalazioni giunte all'Agenzia delle Entrate, relative a società che offrono il servizio a pagamento.
 
 

VIES: cancellazione

La cancellazione dal VIES può avvenire:

  • per volontà del soggetto interessato, che intende pertanto di retrocedere dall’opzione prima espressa. In questo caso bisogna effettuare apposita comunicazione utilizzando i servizi telematici, direttamente o tramite un intermediario abilitato. L’Ufficio provvederà all’esclusione dal VIES al momento della ricezione della comunicazione di recesso;
  • ovvero d’ufficio, a seguito:
  • dell’esito negativo dell’attività di controllo circa la correttezza e completezza dei dati forniti;
  • della mancata presentazione dei modd. Intra per 4 trimestri consecutivi.

In quest'ultimo caso (mancata presentazione dei modd. Intra per 4 trimestri consecutivi) la norma presume che non si intenda più effettuare operazioni intracomunitarie e, pertanto, l’Ufficio, previo invio di apposita comunicazione all’interessato, procede all’esclusione della relativa partita IVA dal VIES. La cancellazione dal VIES ha effetto dal 60° giorno successivo dalla comunicazione da parte dell’Ufficio competente.

Nel periodo intercorrente tra il ricevimento della comunicazione e la cancellazione, il soggetto interessato può rivolgersi all'Ufficio competente per superare questa presunzione, e mantenere l'iscrizione al VIES. In alternativa il contribuente potrà manifestare l'intenzione di effettuare operazioni intracomunitarie.

La verifica della mancata presentazione dei modelli Intra per 4 trimestri consecutivi si applica dal 13.12.2014 (data di entrata in vigore del comma 7-bis dell'art. 35 del DPR 633/72), come chiarito con la Circolare 31/E/2014. Pertanto i trimestri antecedenti l'entrata in vigore del decreto non contano.

 

VIES: i controlli che fanno scattare l'esclusione

L'amministrazione finanziaria è tenuta ad effettuare dei controlli nei confronti dei titolari di partita Iva, sull'esattezza e completezza dei dati da loro forniti relativi alla loro identificazione Iva (secondo quanto previsto dagli artt. 22 e 23 del Regolamento UE n. 904/2010 e dell'art. 35 comma 15-bis del DPR 633/72).

Tali controlli sono effettuati sulla base di una valutazione del rischio, svolta attraverso procedure automatizzate.

Una volta individuati i soggetti, su di essi vengono effettuati controlli periodici, anche attraverso accessi nel luogo di esercizio dell'attività. Si tratta, in particolare, di controlli tesi a riscontrare la veridicità dei dati dichiarati dal contribuente al momento della richiesta di attribuzione della partita Iva/inclusione nella banca dati VIES.

I riscontri e i controlli sono effettuati entro 6 mesi dalla data di attribuzione della partita Iva/inclusione nella banca dati VIES, e possono essere ripetuti ogni volta in cui si verificano mutamenti relativi agli elementi di rischio considerati, o si manifestino incoerenze tra i dati dichiarati dal contribuente e quelli che risultano all'Agenzia delle Entrate dalle sue fonti.

Se, in base a questi controlli, si constata che il soggetto titolare di partita Iva è privo dei requisiti soggettivi e/o oggettivi, l'Ufficio può notificare al contribuente interessato un provvedimento di cessazione di partita Iva, che comporta automaticamente l'esclusione dalla banca dati VIES. La cessazione ha effetto dalla data di registrazione in Anagrafe Tributaria della notifica del provvedimento.

Se, invece, in base ai controlli effettuati, si constata che il soggetto titolare di partita Iva, pur in possesso dei requisiti soggettivi e/o oggettivi, ha consapevolmente effettuato operazioni intracomunitarie in un contesto di frode Iva, l'Ufficio può notificare al contribuente interessato un provvedimento di esclusione dalla banca dati VIES, rendendo invalida la partita Iva. L'esclusione ha effetto dalla data di registrazione in Anagrafe Tributaria della notifica del provvedimento.

Il contribuente escluso dalla banca dati VIES può presentare una specifica istanza di inclusione (direttamente o mediate Pec) all'Ufficio che ha emanato il provvedimento di esclusione il quale, valutate le motivazioni del contribuente, e verificato che siano state rimosse le irregolarità che avevano portato l'esclusione dalla banca dati, può procedere ad una nuova inclusione.

 



Commenti

Buongiorno, non ho fatto la comunicazione al vies, però ho fatto operazioni intracomunitari con la comunicazioni fuori termine dei modelli intra quasi ugni trimestre, ho registrato regolarmente le fatture emesse e ho ricevuto regolarmente i pagamenti con bonifici bancari. A cosa vado incontro per la mancata comunicazione e dei modelli intra in ritardo? Grazie a coloro che possono darmi dei chiarimenti in merito-.

Commento di Francesco Citraro (16:59 del 27/06/2015)

Dovrei iscrivere, come intermediario, una ditta già essitente, all'elenco VIES. Mi sono quindi collegato al sito dell'Agenzia delle Entrate, ho fatto il login coi miei dati e mi sono collegato alla pagina Comunicazione opzione archivio VIES: a questo punto mi viene richiesto il Pincode (immagino quello datomi anni fa quando ne feci richiesta come studio...): ora, non è che inserendo questo pincode iscrivo il mio studio e non la ditta interessata?!?!

Grazie mille

rag. Pagani

Commento di lorenzo (14:47 del 23/03/2016)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)