HOME

/

NORME

/

GIURISPRUDENZA

/

LICENZIAMENTO: MALATTIA E SECONDO LAVORO

Licenziamento: malattia e secondo lavoro

Sentenza Cassazione n. 5809 del 8 marzo 2013: illegittimo il licenziamento del lavoratore occupato in una seconda attività se svolge mansioni compatibili con la malattia e che non ritardano la guarigione

Nel caso di prestazione, da parte del dipendente assente per malattia, di attività lavorativa a favore di terzi, va presa in considerazione la possibilità che tale attività non costituisca giusta causa di licenziamento. Ma spetta comunque allo stesso lavoratore, e non al datore di lavoro, secondo il principio di distribuzione dell'onere della prova, dimostrare la compatibilità della suddetta attività con la malattia impeditiva della prestazione lavorativa.
IL CASO
Una lavoratrice in malattia per infortunio veniva licenziata per aver espletato durante il periodi di assenza dal lavoro mansioni di cassiera nel bar di proprietà di una azienda terza di cui era socia. Ricorreva quindi Tribunale del lavoro chiedendo di considerare illegittimo il licenziamento e che la società venisse condannata a reintegrarla nel suo posto di lavoro presso un'autogrill e a corrisponderle la retribuzione dal licenziamento alla reintegra.
Il Giudice del Tribunale respingeva il ricorso e la lavoratrice proponeva appello ribadendo che per assolvere l'onere di motivazione del licenziamento il datore avrebbe dovuto indicare le norme legali o contrattuali violate e non limitarsi ad enunciare il fatto. Nel merito sosteneva che il Giudice aveva male interpretato le risultanze istruttorie dalle quali possibile evincere che l'attività da lei prestata durante il periodo di malattia non era assolutamente tale da mettere in pericolo la sua pronta guarigione e quindi la ripresa della attività lavorativa.
La Corte d'Appello dichiarava illegittimo il licenziamento, ordinava alla società di reintegrare la lavoratrice nel suo posto di lavoro e di corrisponderle le retribuzioni dal giorno del licenziamento alla reintegra, con gli accessori, oltre alla rifusione della spese del doppio grado.
La società ha effettuato ricorso per cassazione, che è stato però respinto.
La corte ha ribadito infatti, riprendendo altre pronuncie nella propria giurisprudenza ,che "lo svolgimento di altra attivita' lavorativa da parte del dipendente assente per malattia puo' giustificare il recesso del datore di lavoro, in relazione alla violazione dei doveri generali di correttezza e buona fede e degli specifici obblighi contrattuali di diligenza e fedelta', oltre che nell'ipotesi in cui tale attivita' esterna sia per se' sufficiente a far presumere l'inesistenza della malattia, dimostrando, quindi, una fraudolenta simulazione o anche nel caso in cui la medesima attivita', possa pregiudicare o ritardare la guarigione e il rientro in servizio, Peraltro "nell'ipotesi in cui il dipendente assente per malattia venga sorpreso a svolgere attivita' lavorativa presso terzi, grava su di lui l'onere di provare la compatibilita' dell'attivita' svolta con la malattia impeditiva della prestazione lavorativa, e percio' l'inidoneita' di tale attivita' a pregiudicare il recupero delle normali energie lavorative".

Ti potrebbero  interessare:

Visita la sezione dedicata agli E-book Lavoro e la Collana dei Pratici fiscali

1) Leggi il Commento completo ed il testo integrale della sentenza:

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA RUBRICA DEL LAVORO · 08/04/2022 Reversibilità pensione al nipote a carico: Corte Cost. n. 88-2022

Sentenza della Corte costituzionale: pensione di reversibilità anche al nipote maggiorenne inabile, come già previsto per i nipoti minori a carico

Reversibilità pensione al nipote a carico: Corte Cost. n. 88-2022

Sentenza della Corte costituzionale: pensione di reversibilità anche al nipote maggiorenne inabile, come già previsto per i nipoti minori a carico

Lavoratore inidoneo: obbligo di altre mansioni, con riserva, per la Corte UE

Il lavoratore disabile in tirocinio, va destinato ad altro posto in caso di inidoneità alle mansioni a meno che ciò non imponga un onere eccessivo al datore di lavoro

Responsabilità contribuente per mancata presentazione dichiarazione dal commercialista

Dichiarazioni fiscali omesse per condotta infedele del commercialista? Il contribuente non è sanzionabile

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.