HOME

/

FISCO

/

ADEMPIMENTI IVA

/

CESSIONE INTEGRATORI ALIMENTARI: CHE ALIQUOTA IVA APPLICARE

Cessione integratori alimentari: che aliquota IVA applicare

Chiarimenti congiunti Dogane/Entrate sulle aliquote da applicare a: integratori per equilibrio e benessere intestinale, stimolo sistema immunitario, metabolismo energetico

Ascolta la versione audio dell'articolo

Con Risposta a interpello n 337 del 5 giugno le Entrate chiariscono che l'IVA da applicare alle cessioni di integratori alimentari va chiarita di caso in caso.

Viene fornita replica ad una società che produce integratori alimentari al fine di specificare la giusta applicazione dell'aliquota IVA nelle relative cessioni.
La società istante dichiara di essere una biotech­startup che opera nel settore sanitario.

La  Società ha sviluppato cinque preparazioni alimentari per:

  • contrastare i processi infiammatori e regolare l'equilibrio intestinale­; 
  • stimolare il sistema immunitario e contribuire al normale metabolismo energetico;
  • regolare il benessere intestinale; 
  • riequilibrare il benessere intestinale;
  • regolare il transito intestinale

Le caratteristiche generali dei prodotti e le loro composizioni chimiche sono state analizzate nei prescritti pareri di classificazione rilasciati dall'Agenzia delle dogane e dei monopoli (di seguito, ''ADM''), allegati all'istanza. 

La Società chiede chiarimenti in merito all'aliquota IVA applicabile alle cessioni delle preparazioni alimentari sopra indicate.

L'agenzia ricorda che più volte ha sottolienato che i cd. integratori alimentari non sono un prodotto che di per sé beneficia dell'aliquota IVA ridotta, in quanto questi beni non sono espressamente previsti in alcuna delle parti della Tabella A, allegata al Decreto IVA. 

L'eventuale applicazione agli stessi di un'aliquota IVA ridotta è stata riconosciuta caso per caso, in base al parere tecnico reso da ADM  che ne analizza la relativa composizione. 

In altri termini, la cessione degli integratori alimentari è stata ritenuta soggetta  a un'aliquota IVA ridotta solo nel caso in cui gli stessi fossero stati riconducibili ­ in base al parere dell'ADM ­ ai prodotti indicati nella citata Tabella A, parti II, II­bis o III,  allegate al Decreto IVA, che prevedono rispettivamente l'applicazione dell'aliquota IVA del 4, del 5 o del 10 per cento. 

Sulla base delle informazioni fornite dall'Istante, ADM ritiene che tutti e cinque i prodotti oggetto dell'interpello siano riconducibili al  Capitolo  21 «Preparazioni alimentari diverse» in  particolare alla voce 21069092. 

ADM, infatti, rappresenta che ''le preparazioni alimentari in questione devono essere classificate nel rispetto delle Regole Generali per l'interpretazione della nomenclatura combinata (in particolare Regole n. 1 e n. 6) nell'ambito del Capitolo 21, denominato ''Preparazioni alimentari diverse'', alla Voce 2106 ''Preparazioni alimentari non nominate né comprese altrove'' e, più specificamente, al codice NC 21069092 ... in quanto integratori alimentari, destinati a conservare l'organismo in buona salute ma che non possiedono le finalità profilattiche o terapeutiche per la prevenzione ed il trattamento di una malattia proprie dei prodotti del Capitolo 30''.

A supporto di questa classificazione ''riporta quanto specificato in merito dalle Note Esplicative del Sistema Armonizzato che indicano la collocazione nella voce 2106 di prodotti (anche a base di piante, semi, frutta) che dovrebbero alleviare certi disturbi o contribuire al buono stato generale ed al benessere salutare (punto 14).

Le stesse note indicano, inoltre, che sono classificate alla voce 2106 anche le preparazioni indicate spesso come ''complementi alimentari'', costituite a base di uno o più elementi come vitamine, estratti, aminoacidi, ecc..

Tali prodotti sono spesso confezionati in imballaggi su cui viene indicato che mantengono il corpo in buona salute o benessere generale, migliorando le prestazioni atletiche, prevengono possibili carenze nutrizionali o correggono livelli subottimali di nutrimenti (punto 16)''. 

Per quanto concerne il trattamento tributario ai fini dell'aliquota IVA applicabile, alla luce della classificazione effettuata da ADM, si ritiene che ai prodotti oggetto del presente interpello sia applicabile l'aliquota IVA del 10 per cento, ai sensi del più volte citato n. 80) della Tabella A, parte III, poiché la voce doganale 2107 della Tariffa in vigore fino al  31  dicembre  1987,  da questo richiamata, corrisponde oggi alla voce 21.06.90 della Nomenclatura Combinata vigente.

Allegato

Risposta AdE 337 del 05.06.2023 - Interpello

Tag: ADEMPIMENTI IVA ADEMPIMENTI IVA

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

RIFORMA FISCALE 2023-2024 · 12/07/2024 Indebita detrazione IVA: cosa cambia col decreto Sanzioni

Il Decreto Sanzioni risolve dubbi sulle sanzione per l'indebita compensazione dell'IVA. Vediamo il testo della norma in vigore dal 29 giugno e cosa chiarisce

Indebita detrazione IVA: cosa cambia col decreto Sanzioni

Il Decreto Sanzioni risolve dubbi sulle sanzione per l'indebita compensazione dell'IVA. Vediamo il testo della norma in vigore dal 29 giugno e cosa chiarisce

Il regime speciale IVA per le imprese agricole

Obblighi e adempimenti nei conferimenti alle cooperative. Per determinare il momento impositivo serve verificare il regime di imposta applicato dal socio e dalla cooperativa

Rimborso IVA soggetti non residenti: l'ADE chiarisce i termini

Con risposta a interpello le entrate chiariscono quando non è possibile l'apertura di PIVA con effetto retroattivo

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.