E Book

Tutti i casi di Ravvedimento (eBook 2024)

18,90€ + IVA

IN SCONTO 19,90

E Book

Superbonus 2024 (eBook)

16,90€ + IVA

IN SCONTO 18,90
HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

QUOTA 103: NUOVE ISTRUZIONI SULL'INCENTIVO PER POSTICIPO PENSIONE

Quota 103: nuove istruzioni sull'incentivo per posticipo pensione

Istruzioni su domanda e fruizione dello sconto (compreso il contributo aggiuntivo) per chi resta al lavoro con Quota 103. Decorrenza e Uniemens

Ascolta la versione audio dell'articolo

La legge di Bilancio 2023 ha introdotto, solo per il 2023, la pensione anticipata flessibile (detta anche “Quota 103”) che si consegue con:

  • almeno 62 anni di età e
  • 41 anni di contributi
  • maturati entro il 31.12. 2023.

(Per il 2024 la bozza della legge di bilancio giunta ieri al Senato prevede la proroga ma con calcolo interamente contributivo dell'assegno )

 La norma  in vigore (e anche la nuova bozza ) prevedono   un incentivo alla permanenza al lavoro  per chi ha requisiti sopracitati e sceglie di rimanere comunque al lavoro. che  consiste nel versamento in busta paga, invece che all'INPS,  dei contributi previdenziali  a carico del lavoratore,   corrispondenti ai periodi di permanenza al lavoro oltre i 62 anni. 

Le disposizioni attuative  2023 sono contenute nel  decreto del ministero del lavoro , di concerto con il ministero dell' Economia  del 21 marzo 2023 pubblicato  in Gazzetta ufficiale  il 12 maggio 2023 .

INPS ha comunicato con il messaggio   2426 del 28 giugno 2023  che è stata resa disponibile la procedura telematica per le domande di sgravio. (vedi le istruzioni al penultimo paragrafo) 

Con la circolare 82 del 22 settembre l'istituto ha dettagliato  la tempistica per la decorrenza dello sconto e le istruzioni Uniemens per tutti i datori di lavoro (v. ultimo paragrafo).

Con il nuovo  messaggio 4558 del 19 dicembre  è stato ulteriormente  chiarito che lo sconto comprende  tutta la contribuzione Ivs dovuta dal lavoratore, incluso l’eventuale contributo aggiuntivo  dell'1% dovuto in caso di  quote eccedenti il limite della prima fascia di retribuzione pensionabile, a fronte di aliquote contributive inferiori al 10 per cento.

Il messaggio  specifica quindi   che per i flussi Uniemens  i datori di lavoro che utilizzano la sezione PosContributiva devono utilizzare  l’elemento “RecuperoAggRegolarizz”. Operazioni analoghe vanno compiute nella lista PosPa e nella sezione PosAgri

Vediamo di seguito più in dettaglio le opzioni disponibili ai lavoratori con i requisiti per Quota 103  e le istruzioni per le domande.

Quota 103 le opzioni per pensione anticipata o  incentivo contributivo 

Il lavoratore che matura in requisiti per la pensione con Quota 103 ha dunque  tre possibilità: 

  1. andare in pensione anticipatamente 
  2. restare al lavoro con un premio in busta paga  corrispondente allo  sgravio dei contributi a proprio carico (pari al 9,19%  della retribuzione, per la maggior parte dei contratti)
  3. restare al lavoro, rinunciando allo sgravio nell'ottica di un assegno di pensione più alto.

Pensione anticipata Quota 103

Si ricorda che con  l'anticipo pensionistico   Quota 103  il soggetto percepisce una assegno massimo lordo  pari a 5 volte il trattamento minimo (2.818,70 euro), che sarà applicato fino al raggiungimento dell’età per la pensione di vecchiaia (67 anni , fino al 31 dicembre 2024), anche se l’importo della pensione calcolata dovesse risultare superiore. Dai 67 anni si percepirà la pensione piena.

ATTENZIONE:   la prima finestra utile  di uscita  è fissata: 

  • Per i lavoratori del settore privato, al 1° aprile 2023
  • per i pubblici dipendenti il     1° agosto 2023.

Sgravio contributivo per Quota 103

Come detto,  il lavoratore  con 62 anni e 41 anni di contributi versati che intende avvalersi  dell'incentivo al posticipo della pensione  deve presentare un’istanza all’Inps,  che verifica i requisiti  e comunica l'esito  al datore di lavoro, il quale  riconosce il  beneficio in busta paga .

ATTENZIONE Le somme  saranno imponibili ai fini fiscali, ma non ai fini contributivi e dunque non contribuiranno al montante pensionistico. In sostanza chi  continua a lavorare e sceglie di non versare i contributi a suo carico, avrà una pensione più bassa rispetto a quella che maturerebbe continuando a versare la contribuzione piena.

Il bonus contributivo  cessa 

  •   al raggiungimento di una pensione diretta, fatta eccezione per l’assegno ordinario di invalidità,  e
  •  al conseguimento dell’età per l’accesso alla pensione di vecchiaia.

La rinuncia al versamento dei contributi  può essere esercitata una sola volta e ha effetto nei confronti di tutti i rapporti di lavoro, anche successivi   ed  è revocabile .

ATTENZIONE: In caso di  variazione  del  datore  di  lavoro,  la  scelta  di avvalersi dell'incentivo viene automaticamente applicata e l'INPS  ne  da' comunicazione al nuovo datore di lavoro. 

Il decreto attuativo specifica anche che:

  1.  l'importo dei contributi non versati all'INPS e riconosciuti al lavoratore riguarda esclusivamente i contributi pensionistici,  sono esclusi quindi  ad esempio i contributi Tfs dei pubblici dipendenti e al FIS  fondo di integrazione salariale per alcuni settori del privato.
  2.  per coloro che hanno i requisiti per gli esoneri contributivi della  legge di bilancio 2022,  pari al 3% per imponibili  fino 1.923 euro e al 2% per imponibili superiori e fino a 2.692 euro, e del  decreto lavoro  48/2023 (ulteriore taglio del 4% in vigore dal luglio 2023) l’incentivo sarà calcolato al netto  ma  gli importi saranno comunque conteggiati per la pensione di vecchiaia.

Permanenza al lavoro con Quota 103

Con la terza opzione il lavoratore con i requisiti  di quota 103  che non fa domanda e continua a percepire la sua solita  retribuzione con le trattenute previdenziali  fino al momento della pensione “ordinaria”   avrà un assegno pensionistico più alto che  nel caso precedente, per i maggiori contributi versati.

La domanda di incentivo per il posticipo pensionistico Quota 103 

Le istanze di incentivo  possono essere presentate attraverso i seguenti canali:

  1. direttamente dal sito internet www.inps.it, accedendo tramite SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) almeno di Livello 2, CNS (Carta Nazionale dei Servizi) o CIE (Carta di Identità Elettronica 3.0), seguendo il percorso “Pensione e Previdenza” > “Domanda di pensione” e proseguendo all’interno dell’area tematica “Domanda Pensione, Ricostituzione, Ratei, Certificazioni, APE Sociale e Beneficio precoci”;
  2. utilizzando i servizi telematici offerti dagli Istituti di patronato riconosciuti dalla legge;
  3. contattando il Contact Center Integrato al numero verde 803164 (gratuito da rete fissa) o al numero 06164164 (da rete mobile a pagamento in base alla tariffa applicata dai diversi gestori).

Va selezionato in particolare il seguente nuovo prodotto:  “Verifica del requisito per l’accesso all’incentivo al posticipo del pensionamento (legge di bilancio 2023)”

Incentivo contributivo quota 103 Decorrenza e istruzioni Uniemens

L’obbligo di versamento contributivo da parte del datore di lavoro della quota a carico del lavoratore  cessa  a partire dalla prima decorrenza utile della pensione anticipata flessibile in caso di presentazione della domanda in data antecedente.

  • Nel caso in cui, invece, alla data del 31 dicembre 2022 risultassero già soddisfatti i requisiti  per la pensione anticipata flessibile, l’esonero contributivo non può avere una decorrenza antecedente al 1° aprile 2023 con riferimento ai lavoratori dipendenti di un datore di lavoro privato e al 1° agosto 2023 per i dipendenti delle pubbliche Amministrazioni..
  • Per le domande di rinuncia all’accredito contributivo presentate entro il 31 luglio 2023 da parte dei lavoratori dipendenti che hanno maturato il diritto alla pensione con Quota 103 con prima decorrenza anteriore, si può chiedere che si applichi dalla prima data utile per la pensione; in sostanza l'applicazione dello sconto può essere retroattiva.
  • Nel caso in cui la domanda venga presentata contestualmente o successivamente alla prima decorrenza utile della pensione anticipata, l’esonero dal versamento contributivo decorre dal primo giorno del mese successivo a quello di esercizio della facoltà 

La circolare ricorda inoltre che dopo avere ricevuto la domanda  dell’incentivo, l’Istituto verifica  i  requisiti minimi   e, entro trenta giorni dalla  richiesta o dalla data di acquisizione della eventuale documentazione integrativa ,  comunica al lavoratore e  al datore di lavoro, mediante il servizio “Comunicazione bidirezionale”  l’esito della domanda 

ATTENZIONE Solo dopo tale comunicazione il datore di lavoro può procedere  con gli adempimenti a proprio carico, ovvero il mancato  versamento a INPS delle somme 

Nel caso le contribuzioni siano state già versate all'INPS , il datore di lavoro procede - tramite conguaglio - al recupero utilizzando, per la sezione POSCONTRIBUTIVA :

  • per  i lavoratori che non godono dell'esonero contributivo parziale articolo 1, comma 281, della legge n. 197/2022 e dall’articolo 39 del decreto-legge n. 48/2023,   il nuovo codice causale “L577”, avente il significato di “Incentivo al posticipo del pensionamento articolo 1, comma 286, della legge n. 197 del 2022 (legge di bilancio 2023)”;
  • per i lavoratori che beneficiano  contestualmente dell’esonero parziale dei contributi IVS  per la differenza  da recuperare il datore di lavoro deve esporre oltre ai codici in uso L094, L095, L025, L098, L099, L100   il nuovo codice causale “L578".

Nella circolare sono specificate anche le istruzioni per le sezioni POSPA, POSAGRI e per i datori di lavoro domestico. 

Leggi sulle novità  sulla pensione anticipata in arrivo per il 2024 QUOTA 104  dietrofront del Governo   e Pensioni le novità in legge di bilancio per i 2024

Sull' aumento delle pensioni  con  la rivalutazione a dicembre 2023 ti può interessare lo strumento di calcolo Conguaglio pensioni  2023 

Tag: PENSIONI 2024 PENSIONI 2024 LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

CORSI ACCREDITATI PER COMMERCIALISTI E REVISORI LEGALI 2023 · 29/02/2024 Esami di stato 2024: il Milleproroghe riconferma le modalità speciali

Nel Milleproroghe convertito in legge 17 2024 si confermano le modalità straordinarie per esami di abilitazione professionale e tirocini. Ecco quali

Esami di stato 2024: il Milleproroghe riconferma le modalità speciali

Nel Milleproroghe convertito in legge 17 2024 si confermano le modalità straordinarie per esami di abilitazione professionale e tirocini. Ecco quali

Certificazione unica lavoratori sportivi 2024

La compilazione delle certificazioni uniche per il lavoro sportivo redditi 2023, anno di passaggio alla riforma dello sport. Esempi pratici

Quota 103: le regole per il 2024

Requisiti, calcolo contributivo, importo, nuove decorrenze, compatibilità e incentivo contributivo nella pensione anticipata flessibile Quota 103 per il 2024

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.