HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

PREMI PRODUTTIVITÀ O WELFARE AZIENDALE 2024: CONVENIENZA DA VALUTARE

Premi produttività o welfare aziendale 2024: convenienza da valutare

Taglio dell'imposta dal 10 al 5% anche sui premi di produttività 2024: possibile la trasformazione in welfare aziendale, cosi come per i fringe benefits

Ascolta la versione audio dell'articolo

La legge di bilancio 2024 (legge 213 2023) ha  riconfermato, tra le misure di riduzione  fiscale  per i lavoratori dipendenti, il taglio dell'imposta dal 10 al 5%  sui premi di produttività.   

Il ministero ha evidenziato in questi giorni che lo strumento dei contratti di produttività ha subito un rilevante aumento quest'anno   pari al  30,7% in un anno. Al 15 gennaio 2024 ne risultano registrati presso il ministero  9.421, contro i 7.206 presenti alla stessa data del 2023.

La crescita interessa tanto i contratti aziendali (+19,7%) quanto quelli territoriali, passati da 613 a 1.529 (+149,4%) in un anno. Tra i 9.421 contratti attivi, 7.446 si propongono di raggiungere obiettivi di produttività, 5.777 di redditività, 4.752 di qualità, mentre 1.023 prevedono un piano di partecipazione e 5.758 prevedono misure di welfare aziendale.

Il valore annuo medio del premio è pari a 1.470,56 euro per lavoratore beneficiario e sono interessati  attualmente ben 2.907.405 lavoratori

La norma sul regime di detassazione dei premi (DL 50 2017)   prevede anche la possibilità di convertire i premi di produttività in importi di welfare aziendale ma su questo aspetto  va considerata attentamente l'applicazione pratica,  alla luce della nuova aliquota.

Vediamo di seguito  qualche dettaglio in più sui punti  di possibile minor vantaggio per i lavoratori.

Premi di risultato cosa prevede la norma

Il regime speciale di tassazione per i premi di risultato e per le somme riconosciute a titolo di partecipazione agli utili prevede, a determinate condizioni  l’applicazione di un’imposta sostitutiva di Irpef ed addizionali regionali e comunali.

 Gli importi in questione non vengono quindi considerati nella normale retribuzione imponibile ai fini fiscali (  con i nuovi scaglioni di imposta al 23,  35 e 43%), e beneficiano di un regime a parte. 

La trattenuta  precedente del 10% è scesa come detto  anche per il 2024  al 5% .

Tale tassazione agevolata è tuttavia subordinata ad una serie di requisiti 

  • reddito  massimo del lavoratore di  80.000 euro , 
  • soglia massima dell'importo dei premi di 3mila euro annui per lavoratore, elevati a 4mila in aziende che prevedono il coinvolgimento paritetico dei lavoratori – variabilità del premio  legato a incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza ed innovazione definiti con accordi territoriali o aziendali preventivi.

 Su questi aspetti l'Agenzia ha pubblicato numerosi interpelli che hanno definito in maniera stringente  l'applicabilità.  Leggi su questo  i chiarimenti dell'Agenzia nella circolare 55 E 2020 

Per approfondire vedi  il nuovo ebook Rimborsi spese e fringe benefits  2024 aggiornato con la Legge di Bilancio 2024; 194 pag. + fac simili  

Come detto, accanto alla possibilità di liquidare il premio in busta paga, la normativa ha contemplato anche la possibilità di convertire il premio stesso in welfare aziendale, beneficiando  di una agevolazione  fiscale ancora maggiore .  Le  somme erogate in forma di beni o servizi aziendali godono infatti  di 

  • detassazione piena per il lavoratore e 
  •  deducibilità totale in capo al datore di lavoro.

Proprio questo ultimo aspetto va considerato con attenzione in quanto, malgrado l'apparente vantaggio immediato  la scelta di convertire i premi in welfare può NON essere conveniente al lavoratore come potrebbe sembrare.

Convenienza sui premi di risultato convertiti in welfare

Non va dimenticato che   l'aliquota del 5% sul premio  può essere più favorevole rispetto alla detrazione fiscale applicabile  sulla stessa somma, quando  trasformata nel bene o  servizio  di welfare prescelto.  Questo infatti dipende dalla percentuale di detraibilità del tipo di spesa.

Gli esperti del Sole 24  in un articolo del 22 1.2024  fanno  l'esempio di un premio di produttività di  1000 euro lordi  che 

  • come premio in busta paga  al  netto dell'imposta del 5%  si t5raduce in un risparmio fiscale  863 euro  netti 
  • trasformato in welfare  come rimborso spese per la retta universitaria di un figlio, con la detrazione al 19% risulterebbe pari a 810 euro netti.

La conversione in welfare in questo caso risulta  quindi meno vantaggiosa per il dipendente.

Necessario quindi verificare la  percentuale di detraibilità  del bene o servizio prima di decidere per la conversione del premio.

Per approfondire vedi  il nuovo ebook Rimborsi spese e fringe benefits  2024 aggiornato con la Legge di Bilancio 2024; 194 pag. + fac simili  

Conversione premi in fringe benefits

Quest'anno  si aggiunge inoltre la doppia soglia di esenzione fiscale per beni e servizi in natura offerti al dipendente dal datore di lavoro i cosiddetti fringe benefit che come noto per il 2024 è fissata a 

  1. 1000 euro per i dipendenti senza figli a carico
  2. 2000 euro per i dipendenti con figli a carico

Leggi per altri dettagli Fringe benefit 2024  entrano anche le spese di affitto

Per questi valori , comprensivi quest' anno anche di rimborsi per le utenze domestiche e spese di affitto non rientrano, infatti, tra gli oneri detraibili o deducibili in sede di dichiarazione dei redditi  quindi se c'è capienza,  conviene sempre al lavoratore la loro fruizione come conseguenza di una conversione  di premi di risultato

Tag: DICHIARAZIONE 730/2024: NOVITÀ DICHIARAZIONE 730/2024: NOVITÀ LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO ONERI DEDUCIBILI E DETRAIBILI ONERI DEDUCIBILI E DETRAIBILI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA RUBRICA DEL LAVORO · 17/05/2024 Decreto agricoltura 2024: agevolazioni contributive

Agevolazioni contributive e altre novità per il lavoro agricolo nel nuovo decreto legge 63 2024

Decreto agricoltura 2024: agevolazioni contributive

Agevolazioni contributive e altre novità per il lavoro agricolo nel nuovo decreto legge 63 2024

Concorsi Agenzia  2023: aumentati i  posti, tutti  i risultati

Pubblicate le graduatorie dei vincitori delle due selezioni. Nuove tabelle delle destinazioni Aumentati i posti disponibili dei concorsi 2023

Bonus 500 euro e sgravi assunzioni per start up under 35

Decreto Coesione 60 2024: ministipendio da 500 euro per giovani disoccupati che avviano nuove imprese in settori strategici, con sgravio contributivo per l'assunzione di coetanei

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.