HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

LAVORO IRREGOLARE E IMMIGRAZIONE: OK A DOPPIE SANZIONI

Lavoro irregolare e immigrazione: ok a doppie sanzioni

Violazioni della normativa sul lavoro e sull'immigrazione : legittime le doppie sanzioni. Lo afferma la Cassazione nella sentenza n. 28406 2022.

Ascolta la versione audio dell'articolo

La Corte di Cassazione  nell'ordinanza 28406  del 29.2022 afferma  sono legittime le doppie sanzioni  per violazioni in materia di lavoro e di immigrazione irregolare   per il datore di lavoro, spiegando che l'illecito penale non assorbe le irregolarità amminstrative. Vediamo  maggiori dettagli di seguito.

Violazioni contributive e immigrazione irregolare

Il caso riguardava una srl unipersonale edile  il cui titolare  era stato  raggiunto da sanzioni amministrative per  avere occupato, per  554 giornate, un lavoratore ucraino senza  che la sua presenza risultasse dalle scritture o da altra documentazione obbligatoria.

Sia il tribunale che la corte territoriale hanno respinto i suoi ricorsi sia in merito alla maturazione della prescrizione  che in merito alla sanzione aggiuntiva  prevista dall'art 36 comma 7 dl223 2006  che prescrive:" Ferma  restando l'applicazione  delle  sanzioni  gia'  previste  dalla  normativa  in  vigore, l'impiego di lavoratori non risultanti dalle scritture  o  da altra documentazione obbligatoria e' altresi' punito con la  sanzione amministrativa da euro 1.500 a euro 12.000  per  ciascun  lavoratore,  maggiorata di euro 150 per ciascuna  giornata  di  lavoro  effettivo. L'importo delle sanzioni civili connesse  all'omesso  versamento  dei contributi e premi riferiti a ciascun lavoratore di  cui  al  periodo  precedente non puo' essere inferiore a euro 3.000,  indipendentemente  dalla durata della prestazione lavorativa accertata"

La Cassazione respinge il ricorso del datore di lavoro, confermando la sentenza di merito.  Viene ribadita infatti, in  relazione ai lavoratori extracomunitari privi del permesso di soggiorno, la cumulabilità delle due previsioni sanzionatorie:

  •  quella penale di cui all'art. 22 del d.lgs. n. 286 del 1998 e  
  • la maxisanzione amministrativa di cui all'art. 36 bis cit.,

come confermato anche dalla circolare del Ministero del  lavoro n. 38 del 2010.

La sentenza precisa che "nel caso di prestazioni lavorative rese dal lavoratore extracomunitario privo del permesso di soggiorno, l’illegittimità del contratto per la violazione di norme imperative...poste a tutela del prestatore di lavoro... non esclude l’obbligazione retributiva e contributiva a carico del datore di lavoro, in coerenza con la razionalità complessiva del sistema che vedrebbe altrimenti alterate le regole del mercato e della concorrenza, che vedrebbe altrimenti alterate le regole del  mercato e della concorrenza ove si consentisse a  chi viola la legge sull'immigrazione di fruire di  condizioni più vantaggiose rispetto a quelle cui è soggetto il datore di lavoro che rispetti la  disciplina"

Precisa inoltre che: "le  finalità sottese all’irrogazione della sanzione penale e di quella amministrativa sono diverse per cui non sussiste violazione del principio del divieto del “ne bis in idem”».


Tag: LAVORO DIPENDENTE LAVORO DIPENDENTE LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

BANCHE E IMPRESE · 23/07/2024 Tassi cessione quinto: luglio-settembre 2024

Aggiornamento tassi per la cessione del quinto di stipendi e pensioni in vigore dal 1 luglio al 30 settembre 2024. Messaggio INPS 2614 2024

Tassi cessione quinto: luglio-settembre 2024

Aggiornamento tassi per la cessione del quinto di stipendi e pensioni in vigore dal 1 luglio al 30 settembre 2024. Messaggio INPS 2614 2024

Licenziamenti e reintegra: le novità dalla Corte Costituzionale

Due nuove pronunce della Consulta accentuano le incertezze applicative del regime sanzionatorio d. lgs 23 2015 in tema di licenziamenti: Corte Costituzionale, nn 128 e 129 2024

Riduzione contributi edilizia confermata per il 2024

Pubblicato il Decreto ministeriale sulla riduzione contributiva per le imprese edili fissata all'11,5% anche per l'anno 2024. Come funziona

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.