E Book

Autofatture (eBook 2022)

14,90€ + IVA

IN SCONTO 15,92

E Book

Acquistare immobili all'asta (eBook)

14,90€ + IVA

IN SCONTO 15,90
HOME

/

FISCO

/

ACCERTAMENTO E CONTROLLI

/

RIDUZIONE TERMINI ACCERTAMENTO CON I PAGAMENTI TRACCIABILI: LE CONDIZIONI

Riduzione termini accertamento con i pagamenti tracciabili: le condizioni

Beneficiare della riduzione dei termini di accertamento con i pagamenti tracciabili: le Entrate ricordano le condizioni necessarie

Con risposta a interpello n 438 del 26 agosto 2022 le entrate forniscono chiarimenti sulla riduzione dei termini di accertamento per i pagamenti tracciabili.

In particolare, in merito alla riduzione dei termini di decadenza per i pagamenti tracciabili ex articolo 3 del decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 127 le Entrate specificano che l’agevolazione è subordinata non soltanto al fatto che il soggetto passivo IVA interessato garantisca la tracciabilità di tutti i pagamenti ricevuti ed effettuati per operazioni di ammontare superiore a 500 euro, ma anche che le operazioni attive siano certificate, in alternativa, mediante:

  • fattura elettronica via SdI;
  • memorizzazione e trasmissione dei corrispettivi

Questa regola resta valida anche nell’ipotesi di esonero dagli obblighi di certificazione fiscale, come accade per le vendite per corrispondenza.

Pertanto, la tracciabilità di incassi e pagamenti è condizione indispensabile ma non sufficiente a fruire dell’agevolazione.

Ma vediamo i dettagli dell'interpello. L'istante svolge attività di vendita secondo diverse modalità. 

Egli riferisce che i clienti della propria attività sono esclusivamente soggetti privati. I

 canali di vendita sono i seguenti: 

  • vendita diretta, a conoscenti o in altre occasioni (ad esempio, in occasione di fiere),
  • vendita online, per il tramite dell'e-shop del sito proprietario,
  • vendita online, con intermediazione.

Nei primi due casi, la fattura viene emessa su base volontaria e il pagamento è effettuato tramite bonifico bancario o carta di credito. 

Nel caso della vendita intermediata, invece, l’operazione non viene documentata né con fattura né con documento commerciale.

 L’istante chiede:

  • se la riduzione dei termini di accertamento sia applicabile anche alle vendite online non documentate effettuate tramite il sito della società intermediaria e, in caso di risposta negativa, come eventualmente integrare la documentazione
  • se possono essere considerati equivalenti il meccanismo dell'integrazione/autofattura trasmessa telematicamente e lo strumento dell’esterometro (vigente al momento della presentazione dell’interpello).

L’Agenzia come già chiarito in precedenza, ribadisce che anche in relazione alla vendita online con intermediazione per beneficiare della riduzione dei termini di accertamento ai fini dell’IVA e delle imposte sui redditi, dovrà documentare le operazioni mediante e-fattura o memorizzazione e invio dei corrispettivi.
La fattura potrà essere emessa in forma ordinaria o semplificata con indicazione del codice fiscale del cessionario o committente.
Per l’invio dei corrispettivi è possibile ricorrere alla procedura web “Documento commerciale on line” senza dotarsi di registratore fiscale.

Per quanto concerne il secondo quesito l'agenzia rimanda ai chiarimenti forniti con la Circolare n 26/2022 sulle nuove regole di trasmissione dei dati delle operazioni transfrontaliere, introdotte a decorrere dal 1° luglio 2022 dalla legge di bilancio 2021.
E' stato evidenziato che tra i codici documento TD17, TD18 e TD19 indicati nel file xml della fattura elettronica, sussiste una differenza a seconda che siano utilizzati a fini integrativi oppure sostitutivi delle fatture.
In quest’ultimo caso i file costituiscono in tutto e per tutto le “autofatture” anche a livello probatorio.
Nei casi in cui esistono documenti fiscali originari, per i quali sussiste l’obbligo di integrazione, di comunicazione e trasmissione, invece, tali file non sostituiscono gli originari che, quindi, devono essere inviati all’amministrazione finanziaria secondo le modalità prescritte.
Gli obblighi di integrazione di un documento ricevuto e autofatturazione, da un lato, ed esterometro dall'altro, precisa ancora l’Agenzia, sono tra loro autonomi.
L’Agenzia delle Entrate ribadisce che, ai fini della riduzione dei termini di accertamento, devono essere certificate le sole operazioni attive

Per gli acquisti è irrilevante il fatto che i documenti siano in formato cartaceo o elettronico.

Leggi anche Accertamento e tracciabilità pagamenti: confermata la riduzione per RIBA e MAV

Allegato

Risposta a interpello n 438 del 29 agosto 2022

Tag: ACCERTAMENTO E CONTROLLI ACCERTAMENTO E CONTROLLI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

PACE FISCALE 2022 · 28/11/2022 Rottamazione delle cartelle 2023: come funzionerà

Definizione agevolata dei carichi affidati all’agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 30 giugno 2022. Possibile rateizzare, le richieste entro il 30 aprile 2023

Rottamazione delle cartelle 2023: come funzionerà

Definizione agevolata dei carichi affidati all’agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 30 giugno 2022. Possibile rateizzare, le richieste entro il 30 aprile 2023

Detraibilità iva in caso di operazioni fittizie solo se viene dimostrata la buona fede

L'iva su operazioni fittizie è detraibile solo se viene dimostrata la buona fede e viene eliminato ogni rischio di perdita del gettito fiscale: a dirlo la Cassazione penale

Accertamento con adesione fonte di prova nel processo tributario: a dirlo la Cassazione

L'accertamento con adesione anche non perfezionato è valido ai fini probatori nel giudizio tributario: a chiarirlo la Corte di Cassazione con Ordinanza n. 6391 del 28 febbraio 2022

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.