HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

FALSO PART -TIME: È REATO DI SFRUTTAMENTO DEL LAVORO

Falso part -time: è reato di sfruttamento del lavoro

Cassazione 24388/2022: tra le condizioni che realizzano il reato di sfruttamento del lavoro, la stipula di un contratto part time che nasconde attività a tempo pieno

Nella sentenza n. 24388 2022 la Cassazione ribadisce  le condizioni che realizzano il  reato di sfruttamento del lavoro e intermediazione illecita di manodopera punito dall'art 603 bis del Codice Penale.  Tra queste inserisce anche il caso  della stipula di contratti a tempo parziale che nascondono invece attività a tempo pieno del lavoratore.

Si ricorda il testo dell'articolo di legge  il quale,  "salvo che il fatto costituisca più grave reato, punisce "chiunque svolga una attività organizzata di intermediazione reclutando manodopera o organizzandone l'attività lavorativa caratterizzata da sfruttamento, mediante violenza, minaccia o intimidazione, approfittando dello stato di bisogno o di necessità dei lavoratori.." 

Il caso giunto all'attenzione della Suprema corte riguardava il legale rappresentante e l'amministratore di fatto  di una azienda  citati in giudizio per avere imposto una modifica unilaterale del contratto di lavoro, che passava da ful time a part time con retribuzione  diminuita.  Tuttavia, i  dipendenti:

  •   continuavano a  lavorare per un numero di ore corrispondenti al contratto a tempo pieno, percependo la retribuzione prevista dal C.C.N.L.  relativa ai contratti part-time.
  • i lavoratori non usufruivano delle ferie, ddei  giorni di assenza e permesso previsti dalla contrattazione collettiva, 
  •  lavoravano per un numero di ore pari a 48 ore settimanali in  alta stagione.  

Il tribunale  di merito aveva quindi concluso, sulla base delle dichiaraizoni dei lavoratori e dalla verifica dei prospetti dei turni e delle buste paga , che" gli indagati si  procurarono un ingiusto profitto rappresentato dalle retribuzioni non corrisposte,  quantificate in euro 186.512,30 " Era stato quindi disposto il sequestro preventivo per tale somma .

La sentenza  dei supremi giudici , in particolare,  inizialmente respinge  come infondati i motivi di ricorso legati al fatto che le assunzioni fossero avvenute prima della entrata in vigore della norme e che si fossero realizzate attraverso un soggetto terzo in quanto ciò non incide sulla responsabiità dei datori di lavoro effettivi  .

Inoltre gli ermellini condividono  la valutazione del tribunale sul fatto che  "le dipendenti si erano viste costrette ad accettare le condizioni imposte per la necessità di mantenere un'occupazione, non esistendo, nel contesto in cui è maturata la vicenda, possibili reali alternative di lavoro".

La corte di cassazione  riafferma cosi il  principio per cui  ai fini dell'integrazione del reato di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, lo  stato di bisogno non va inteso come uno stato di necessità tale da annientare in  modo assoluto qualunque libertà di scelta, bensì come una situazione di grave  difficoltà, anche temporanea, tale da limitare la volontà della vittima e da indurla  ad accettare condizioni particolarmente svantaggiose (cfr. Sez. 4, n. 24441 del 16/03/2021,.

Su queste basi dunque l'istanza di cassazone è respinta.

I chiarimenti dell'INL sul reato di sfruttamento del lavoro

Si ricorda che nella circolare  n. 50/2019, l'ispettorato del lavoro  aveva chiarito che  l’art. 603-bis c.p.  si occupa di due ipotesi di reato connesse ma non necessariamente sempre contestuali, come dimostra la sentenza  sopracitata:

  1. La prima  riguardante l’“intermediazione illecita” si realizza quando qualcuno “recluti” manodopera allo scopo di destinarla al lavoro presso terzi in condizione di sfruttamento 
  2. La seconda  punisce  appunto lo “sfruttamento lavorativo” direttamente da parte dei datori di lavoro anche, ma non solo,  in conseguenza all'intermediazione illecita .

Le condizioni  che costituiscono  di questo reato di particolare gravità, sono, per l'INL:

  • la reiterata corresponsione di retribuzioni  sproporzionate rispetto al  lavoro prestato;
  •  la reiterata violazione della normativa relativa all’orario di lavoro, ai periodi di riposo, al riposo settimanale, all’aspettativa obbligatoria, alle ferie; 
  • le irregolarità in materia di sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro, 
  •  condizioni di lavoro di sorveglianza o  di alloggio inadeguate .

Ti potrebbero  interessare:

Visita la sezione dedicata agli E-book Lavoro e la Collana dei Pratici fiscali

Tag: LAVORO DIPENDENTE LAVORO DIPENDENTE LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA RUBRICA DEL LAVORO · 16/08/2022 Decreto Trasparenza: sanzioni e tutela rafforzata dei lavoratori

Decreto Trasparenza nei rapporti di lavoro n. 104 2022: le novità sulla tutela dei lavoratori in caso di mancata applicazione e di comportamenti ritorsivi

Decreto Trasparenza: sanzioni e tutela rafforzata dei lavoratori

Decreto Trasparenza nei rapporti di lavoro n. 104 2022: le novità sulla tutela dei lavoratori in caso di mancata applicazione e di comportamenti ritorsivi

200 euro autonomi: requisiti e click day per le domande

Il decreto attuativo del bonus 200 euro per autonomi e professionisti conferma il limite di 35mila euro di reddito. A chi spetta. Probabile click day a settembre?

Indennità di mobilità proroga 2022 per la Regione Sicilia

Istruzioni INPS sulla nuova proroga dell'indennità di mobilità per la Regione Sicilia prevista dalla legge di conversione del decreto Aiuti

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.