HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

LICENZIAMENTO PER GMO: SENTENZA "STORICA"DELLA CONSULTA

Licenziamento per GMO: sentenza "storica"della Consulta

La Consulta corregge la norma sul licenziamento per giustificato motivo oggettivo: non serve che l'insussistenza sia "manifesta". Il principio impatta sulle liti in corso

Con la sentenza 125/2022 la Corte Costituzionals  ha stabilito un principio fondamentale  riguardante la tutela ai lavoratori nel caso  di licenziamento per giustificato motivo  il cosiddetto motivo economico, contenuto nell'articolo 18 della legge 300 1970 (Statuto dei lavoratori) , nel testo modificato dalla riforma Fornero 92 20212 . Il giudizio  avrà un impatto diretto non solo sulle prossime sentenze ma anche sulle liti in corso. 

Nella  decisione ricordiamo si afferma che   il giudice non è tenuto ad accertare che l’insussistenza del fatto posto a base del licenziamento economico sia "manifesta" (settimo comma, secondo periodo).

Secondo il giudice rimettente (Tribunale di Ravenna)  vi sarebbe, in primo luogo, «una ingiustificata, irrazionale ed illegittima differenziazione» tra il licenziamento per giustificato motivo oggettivo, da un lato, e il licenziamento per giusta causa o per giustificato motivo soggettivo, dall’altro lato. Solo nella prima fattispecie sarebbe richiesta – ai fini della reintegrazione del lavoratore – una insussistenza manifesta del fatto e tale trattamento differenziato sarebbe sprovvisto di una plausibile ragion d’essere.  IL vulnus al principio di eguaglianza (art. 3, primo comma, Cost.) si coglierebbe anche nel raffronto con la disciplina dei licenziamenti collettivi, che – nel caso di violazione dei criteri di scelta – concede la reintegrazione, invece preclusa per i licenziamenti individuali determinati da ragioni economiche. 

Inoltre il criterio individuato dal legislatore sarebbe, inoltre, «intrinsecamente illogico», in quanto incerto nella sua applicazione concreta e carente di un «preciso e concreto metro di giudizio», idoneo a definire il carattere manifesto dell’insussistenza del fatto.

Infine il giudice  ritiene che l’inversione dell’onere della prova  costituisce una scelta penalizzante per il lavoratore.

La decisione della Consulta 

La Corte costituzionale nella pronuncia 125 2022 concorda di fatto con il giudice rimettente e afferma che l'“insussistenza del fatto”, legato alle motivazioni economiche, produttive e organizzative che conducono al licenziamento   deve riguardarel'effettività e alla genuinità della scelta imprenditoriale”. In sostanza il giudice deve valutare se la scelta è legittima,  non se è congrua o opportuna.

La Corte ha affermato infatti che il requisito specificato dalla norma, della "manifesta insussistenza" è, anzitutto,  indeterminato e si presta, a incertezze applicative, con conseguenti disparità di trattamento.

Inoltre, la sussistenza di un fatto è nozione difficile da graduare,  mentre l’accertamento del giudice  non puo che definirla "in termini positivi o negativi”.

Il criterio della manifesta insussistenza , afferma la Corte  “risulta eccentrico nell’apparato dei rimedi, usualmente incentrato sulla diversa gravità  dei vizi e non su una contingenza accidentale"

La Consulta considera infatti che nelle controversie in materia di licenziamenti per giustificato motivo oggettivo si è  spesso in  presenza di un quadro probatorio articolato e già accertare la  sussistenza o insussistenza di un fatto è di per sé un’operazione  complessa 

La prescrizione della attuale norma invece prevede che  le parti, e con esse il giudice, si debbano impegnare “nell'ulteriore  verifica della più o meno marcata graduazione dell’eventuale insussistenza", con un  “aggravio irragionevole e sproporzionato” sull’andamento del  processo: all’indeterminatezza del requisito si affianca una irragionevole complicazione sul fronte processuale.

Per questo la Corte individuando  uno squilibrio tra i fini del legislatore, -ovvero una più equa distribuzione delle tutele, attraverso   decisioni più rapide e più facilmente prevedibili – e i mezzi adottati per raggiungerlo, ha giudicato costituzionalmente illegittima a formulazione dell'articolo 18, settimo comma, della legge 300/1970.

Corte Cost pronuncia n. 125 2022 : retroattività

Importante ricordare che l’efficacia nel tempo della dichiarazione di illegittimità costituzionale è disciplinata dall’articolo 136 della Costituzione e dall’articolo 30, comma 3, della legge 87/1953 per il quale  le norme dichiarate incostituzionali cessao non  di avere efficacia e non possono più trovare applicazione a partire dal giorno successivo alla pubblicazione della sentenza (dal 20 maggio 2022).

Su questo sia la dottrina  che la giurisprudenza di legittimità hanno affermato che «le pronunce di accoglimento della Corte Costituzionale hanno effetto retroattivo, inficiando fin dall’origine la validità e l’efficacia della norma dichiarata contraria alla Costituzione, salvo il limite delle situazioni giuridiche consolidate» (cfr. per tutte Cassazione civile sez. II, 13/02/1999, n.1203).

Dunque l'illegittimità costituzionale dichiarata dalla Corte con sentenza 125/2022 è immediatamente applicabile anche ai licenziamenti per giustificato motivo oggettivo intimati prima del 20 maggio 2022, giorno successivo alla pubblicazione della sentenza

Solo i casi per i quali sia già scaduta i termini di decadenza  o quelli definiti con senenza passata in giudicato sono esclusi 


Ti potrebbero  interessare:

Visita la sezione dedicata agli E-book Lavoro e la Collana dei Pratici fiscali

Tag: LAVORO DIPENDENTE LAVORO DIPENDENTE LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

CONCORSI E OFFERTE DI LAVORO · 08/08/2022 Concorso Agenzia Dogane 2022: nuovo avviso

Primo bando di concorso Agenzia delle Dogane in arrivo il 30 agosto per 980 posti .Vediamo maggiori dettagli su requisiti, profili, professionali, stipendi previsti.

Concorso Agenzia Dogane 2022: nuovo avviso

Primo bando di concorso Agenzia delle Dogane in arrivo il 30 agosto per 980 posti .Vediamo maggiori dettagli su requisiti, profili, professionali, stipendi previsti.

Taglio cuneo fiscale e rivalutazione pensioni: le novità del DL Aiuti bis

Vediamo tutte le misure per le famiglie del nuovo decreto in arrivo e un calcolo degli aumenti previsti per pensioni e stipendi

Bonus 1000 euro lavoratori fragili:  a chi spetta e come

Le istruzioni per la domanda del bonus una tantum destinato ai lavoratori fragili che hanno superato il limite di assenze nel 2021: requisiti . Scadenza 30 novembre

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.