HOME

/

FISCO

/

NUOVA IMU 2022

/

TARI RIDOTTA SE IL SERVIZIO NON È REGOLARMENTE EFFETTUATO

TARI ridotta se il servizio non è regolarmente effettuato

La Corte di Cassazione precisa le modalità di applicazione delle riduzioni delle tariffe TARI per non regolare espletamento del servizio, anche su zone private

Ascolta la versione audio dell'articolo

Con l’ordinanza numero 5940 del 23 febbraio 2022, la Corte di Cassazione ci spiega in modo organico le ipotesi di riduzione della TARI, l’imposta dovuta dai contribuenti ai Comuni per lo smaltimento dei rifiuti.

Il presupposto impositivo della TARI è il possesso di un immobile nel territorio comunale, anche se non utilizzato; sono esclusi dall’imposizione solo quegli immobili che per loro natura, o per l’uso a cui sono adibiti, sono impossibilitati a produrre rifiuti.

Il Comune in cui un immobile si trova calcola la TARI dovuta dal contribuente in base alla propria tariffa.

La Corte di Cassazione ci spiega che, in mancanza di un compiuto e regolare assolvimento del servizio di raccolta dei rifiuti, da parte del comune, ci sono situazioni in cui il contribuente ha il diritto ad ottenere uno sconto sulla tariffa applicabile.

La Corte precisa che l’abbattimento dell’imposta è obbligatorio, perché legato a situazioni oggettive, previste dalla legge, per cui il contribuente ha diritto ad ottenerle anche se il regolamento comunale non le prevede e anche se non ne fa esplicita richiesta.

L’ordinanza ci spiega che, in materia di riduzioni della TARI dovuta dal contribuente, il fondamento giuridico delle riduzioni è rintracciabile nei commi 656 e 657 dell’articolo 1 della Legge 147/2013, i quali prevedono che l’imposta sia dovuta:

  • nella misura massima del 20% della tariffa in caso di mancato svolgimento del servizio;
  • nella misura massima del 40% della tariffa nelle zone in cui la raccolta non è effettuata.

Quindi, anche nel caso in cui la raccolta sia effettuata dal comune, ma non nella zona in cui si trova il contribuente, questi avrà diritto ad una riduzione di almeno il 60% della tariffa applicabile: la determinazione di una misura superiore, in mancanza di accordo tra ente locale e contribuente, spetterà al giudice competente, in ragione della distanza esistente dal luogo in cui si trova l’immobile e il centro di raccolta più vicino,

La scelta del Legislatore di prevedere ex lege le situazioni e le percentuali di abbattimento della tariffa, ci spiega la Corte, deriva dal fatto che la riduzione tariffaria non costituisce un risarcimento danni per un servizio non espletato, né una sanzione per l’amministrazione comunale inadempiente, bensì ha il diverso fine di modulare l’imposta (comunque dovuta, ma in misura ridotta) in base ai maggiori costi che il contribuente sarà costretto a sostenere per lo smaltimento dei propri rifiuti.

La Corte di Cassazione precisa infine un punto di grande importanza, essendo una situazione su cui, talvolta, chi dovrebbe espletare il servizio si appiglia per giustificarne il mancato espletamento: “non rileva […] che tale zona sia pubblica o privata, non essendo la natura pubblica della zona su cui insistono i locali o le aree soggette a tassazione un presupposto costitutivo dell'istituzione del servizio, salvo che eventuali limitazioni di accesso non ne impediscano di fatto l'espletamento”.

Non è infrequente infatti il caso in cui ad un immobile, che si trovi all’interno di una zona privata non delimitata (quindi non raggiunto da strada pubblica), non sia offerto il servizio di raccolta rifiuti: la Corte precisa che, in mancanza di impedimenti all’accesso, il servizio dovrebbe essere fornito anche all’interno di tali zone

Per cui, in questa situazione, in assenza di raccolta, il contribuente avrà diritto all’abbattimento della tariffa, nella misura prevista dalla legge.

Tag: NUOVA IMU 2022 NUOVA IMU 2022

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

NUOVA IMU 2022 · 19/04/2024 Immobili occupati abusivamente: la Consulta apre la possibilità di chiedere rimborso IMU

La Corte Costituzionale con la sentenza 60 del 18 aprile apre la possibilità di chiedere il rimborso per l'Imu pagata prima del 2023

Immobili occupati abusivamente: la Consulta apre la possibilità di chiedere rimborso IMU

La Corte Costituzionale con la sentenza 60 del 18 aprile apre la possibilità di chiedere il rimborso per l'Imu pagata prima del 2023

Deducibilità IMU 2023 nel modello redditi SC 2024

Deducibilità IMU immobili strumentali 2024: nelle istruzioni al Modello Redditi PF per il rigo RF55 scompare il codice"38", vediamo quale codice utilizzare

Conguaglio IMU 2024: in cassa entro il 29.02, chi lo paga?

Conguaglio IMU del saldo 2023: cosa prevede la legge di bilancio 2024. Chi dovrà pagarlo entro il 29 febbraio 2024 senza sanzioni né interessi

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.