HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

CARTA EUROPEA DISABILITÀ: COS'È, COME SI RICHIEDE

3 minuti, Redazione , 28/04/2022

Carta europea disabilità: cos'è, come si richiede

INPS completa le istruzioni per la richiesta della Carta europea della disabilità (Disability card) per l'accesso ai servizi. Circolare n. 46 del 1.4.2022

Ascolta la versione audio dell'articolo

L'INPS ha reso disponibile sul proprio sito  la nuova procedura Richiesta della Carta europea della disabilità in Italia”, tramite la quale il cittadino può presentare la domanda per ottenere la Carta europea della disabilità (EU Disability card)

Si tratta ricordiamo di una  tessera  che consente ai cittadini con disabilità di dimostrare la propria condizione per accedere in maniera semplificata  alle agevolazioni e ai  servizi pubblici  e privati dedicati non solo in Italiana ma anche nei paesi dell’Unione Europea aderenti , ovvero, ad oggi, Belgio, Cipro, Estonia, Finlandia, Malta, Slovenia, Romania.

La EU Disability Card , nata da un progetto europeo  e prevista in Italia con la legge di bilancio 2019,    sostituisce quindi tutti i certificati o  verbali  cartacei.

Con la circolare N. 46  del 1 aprile 2022 l'Istituto è intervenuto nuovamente, completando le istruzioni in materia di durata e smarrimento della carta.

Carta disabili: chi sono i beneficiari

I soggetti legittimati a presentare la domanda per la "Carta europea della disabilità" sono i seguenti:

- invalidi civili maggiorenni con invalidità certificata superiore al 67%;

- invalidi civili minorenni;

- cittadini con indennità di accompagnamento;

- cittadini con certificazione ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104;

- ciechi civili;

- sordi civili;

- invalidi e inabili ai sensi della legge 12 giugno 1984, n. 222;

- invalidi sul lavoro con invalidità certificata maggiore del 35%;

- invalidi sul lavoro con diritto all’assegno per l’assistenza personale e continuativa o con menomazioni dell’integrità psicofisica;

- inabili alle mansioni ai sensi della legge 11 aprile 1955, n. 379, del D.P.R. 29 dicembre 1973, n. 1092, e del D.P.R. 27 luglio 2011, n. 171, e inabili ai sensi dell’articolo 13 della legge 8 agosto 1991 n. 274, e dell’articolo 2 della legge 8 agosto 1995, n. 335;

- cittadini titolari di trattamenti di privilegio ordinari e di guerra.

Carta disabilità: come fare domanda

Per l'accesso  personale del cittadino è necessario lo  SPID di livello 2, oppure la  Carta di identità elettronica 3.0 (CIE) o la Carta Nazionale dei servizi (CNS). La domanda può anche essere effettuata attraverso una associazione abilitata: ANMIC, ENS, UIC, ANFFAS.

La procedura visualizza automaticamente i dati anagrafici già  presenti negli archivi  e richiede 

  • una  fotografia a colori in formato tessera (formato europeo), che sarà successivamente stampata sulla Carta;
  • l’indirizzo per il recapito della Carta, se diverso da quello di residenza già noto all’INPS.
  •  una  dichiarazione del  cittadino di essere in possesso di verbali attestanti lo stato di invalidità, ovvero di essere stato riconosciuto invalido da sentenze o decreti di omologa a seguito di contenzioso giudiziario.

Nel caso di minori con disabilità (appartenenti alle categorie di cui all’allegato 3 DPCM 2013, n. 159), la domanda deve essere presentata dal soggetto che esercita la responsabilità genitoriale, da chi esercita la funzione di tutore o dall’amministratore di sostegno, utilizzando la delega dell’identità digitale in uso oppure le credenziali di identità digitale del minore. 

Nel caso di minori in affidamento familiare la richiesta può essere presentata dagli affidatari

Consegna della disability card

Al ricevimento della richiesta l’INPS verifica il possesso dei requisiti  sulla base dei dati nei propri archivi. Nel caso di disabilità autocertificata, saranno effettuati controlli della validità nei limiti e secondo le regole consentite.

 In caso di verifica positiva la Carta viene stampata dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato  e inviata al richiedente  all’indirizzo indicato nella domanda.

ATTENZIONE in caso di domanda attraverso le associazioni non è possibile nella richiesta  modificare l'indirizzo già presente nei database  dell'Istituto..

Periodo di validità e smarrimento

La Carta è valida fino alla permanenza della condizione di disabilità  e, comunque, per non più di dieci anni dal momento del rilascio. 

Resta fermo che nell'attesa "di eventuali visite di revisione e del relativo iter di verifica, i minorati civili e le persone con handicap in possesso di verbali in cui sia prevista rivedibilità conservano tutti i diritti acquisiti in materia di benefìci, prestazioni e agevolazioni di qualsiasi natura”.

La Carta cessa la sua validità ad ogni effetto di legge nei casi di revoca o in caso di decesso dell'intestatario.

In caso di furto, smarrimento, deterioramento o distruzione della Carta, il titolare può presentare telematicamente una nuova richiesta all'INPS.

allegando una copia della denuncia presentata alle Forze di polizia.

La richiesta di rilascio di una nuova Carta determina automaticamente l'annullamento della precedente.

Ti potrebbero essere utili:

Tag: AGEVOLAZIONI DISABILI E INVALIDITÀ AGEVOLAZIONI DISABILI E INVALIDITÀ LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA RUBRICA DEL LAVORO · 28/02/2024 Granchio blu: domande per le spese 2023 entro il 22 marzo

Le istruzioni per fruire degli aiuti alle imprese di pesca per il contrasto al Granchio blu da richiedere entro il 22 marzo 2024. Attesa invece per l'esonero contributivo

Granchio blu: domande per le spese 2023 entro il 22 marzo

Le istruzioni per fruire degli aiuti alle imprese di pesca per il contrasto al Granchio blu da richiedere entro il 22 marzo 2024. Attesa invece per l'esonero contributivo

Equo compenso commercialisti nel nuovo codice deontologico

In consultazione la bozza di codice deontologico dei dottori commercialisti. Tra le novità equo compenso, nuovi divieti e raccomandazioni sull'uso dei social

Verifiche  attrezzature: elenco abilitati febbraio 2024

47° elenco dei soggetti abilitati alle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro - Come funziona l'obbligo - decreto direttoriale 9 2024 e precedenti

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.