HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

RAPPORTO PARITÀ DI GENERE: IN SCADENZA DOMANI 14 OTTOBRE

Rapporto parità di genere: in scadenza domani 14 ottobre

Modello e guida all'adempimento "rapporto sulla parità di genere" obbligatorio per tutte le aziende sopra i 50 dipendenti. Scadenza prorogata. Le agevolazioni collegate

Ascolta la versione audio dell'articolo

Il Decreto interministeriale 29 marzo 2022 firmato   dal ministro del Lavoro  e dalla  ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia,  ha definito le  modalità operative per la compilazione del rapporto biennale sulla situazione lavorativa dei due sessi nelle realtà aziendali.

L'obbligo era stato previsto dal  Codice per le pari opportunita (decreto legislativo 198/2006), da ultimo modificato dalla legge 162/2021.Si ricorda che la redazione del rapporto di parità è obbligatoria per accedere  alle  gare relative agli investimenti pubblici finanziati con le risorse  del PNRR (decreto legge Semplificazioni  n. 77/2021).

AGGIORNAMENTO 29 SETTEMBRE 2022

Un comunicato del Ministero del lavoro pubblicato sul sito istituzionale   ha comunicato la proroga del termine di presentazione, inizialmentefdissato al 30 settembre,  alla nuova scadenza del 14 ottobre "a seguito di segnalazioni che riportano difficoltà nella compilazione del Rapporto, dovute a rallentamenti sul sistema, generati dal grande flusso di aziende che negli ultimi giorni sta definendo l'adempimento"

 In merito  è stato successivemente pubblicato sul sito ministeriale, sezione pubblicità legale,  il  relativo Decreto Interministeriale del ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il ministro per le Pari Opportunità e la Famiglia .

Rapporto parità di genere: chi è obbligato

Per rendere effettivo il principio di parità nei luoghi di lavoro, prescritto dalle norme europee, è stato  previsto che il rapporto biennale sia obbligatorio per tutte le aziende sopra i 50 dipendenti.   Per le aziende di dimensioni inferiori il rapporto è facoltativo.

Le aziende devono redigere il rapporto esclusivamente in modalità telematica, attraverso l’utilizzo dell’apposito portale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, https://servizi.lavoro.gov.it,  Qui il facsimile allegato al decreto.

 Si ricorda che l'accesso richiede le credenziali SPID.

Per il rapporto relativo al biennio 2020-2021 va fatto  riferimento alla situazione del personale maschile e femminile al 31 dicembre 2019 e la redazione va conclusa entro e non oltre il 30 settembre 2022   il 14 OTTOBRE 2022 per il solo biennio 2020-2021.

Per il futuro è confermata invece  la data del 30 aprile dell’anno successivo alla scadenza di ogni biennio. 

 Al termine della procedura informatica, viene rilasciata una ricevuta attestante la corretta redazione del rapporto. 

Una copia del rapporto, unitamente alla ricevuta deve essere trasmessa dal datore di lavoro anche alle rappresentanze sindacali aziendali.

I dati saranno accessibili anche alla Consigliera nazionale di parita  incaricata di redigere una resocnoto annuale della situazione nazionale.

Rapporto di parità, a cosa serve?

Sulla base dei dati contenuti nel rapporto  le aziende potranno richiedere di ottenere dagli enti certificatori autorizzati  la certificazione di parità, un attestato  del fatto che la situazione aziendale soddisfa alcuni requisiti minimi prescritti dalla prassi UNI pdr 125-2022 . 

Tale certificazione  da accesso ad agevolazioni che comprendono 

  • punteggio aggiuntivo per l’aggiudicazione di un bando di gara rientrante nell’ambito del Pnrr o del Pnc (articolo 47 del Dl 77/2021)
  • meccanismi e strumenti di premialità  in tutti gli appalti pubblici 
  • agevolazioni contributive

ATTENZIONE il recente D Lgs 105 2022  di recepimento della direttiva UE 1592 2022 sulla conciliazione vita lavoro prevede  che in caso di violazione delle norme  a tutela della genitorialità prevista dal decreto stesso, rilevate nei due anni che precedono la richiesta della certificazione di parità, comportano l’impossibilità di conseguirla.

Rapporto parità di genere: cosa contiene 

I dati che devono essere inseriti comprendono:

  • numero dei lavoratori occupati distinti per sesso con indicazione delle  retribuzioni iniziali  l'inquadramento contrattuale e la funzione svolta da ciascun occupato.
  • l'importo della retribuzione complessiva corrisposta, delle componenti accessorie del salario, delle indennità,  dei bonus
  • le modalità di accesso al rapporto da parte dei dipendenti e delle rappresentanze sindacali 
  • informazioni sui processi di selezione 
  • le misure previste in azienda per la conciliazione vita lavoro

Come previsto dal decreto legge i consiglieri regionali  di parità  riceveranno un codice identificativo per accedere ai dati contenuti nei rapporti trasmessi dalle aziende, al fine di poter elaborare i relativi risultati e trasmetterli :

  • alle sedi territoriali dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro,
  •  alla consigliera o al consigliere nazionale di parità,
  • al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, a
  • al Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, 
  • all’ISTAT e al CNEL.

Tag: POLITICHE DEL LAVORO FEMMINILE POLITICHE DEL LAVORO FEMMINILE LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LEGGE DI BILANCIO 2023: MISURE ALLO STUDIO · 30/11/2022 Legge di bilancio 2023: incentivi assunzioni ed esonero giovani agricoltori

Nuovo esonero totale assunzioni per alcune categorie, proroga esonero giovani agricoltori . Ecco cosa prevede la bozza della finanziaria 2023

Legge di bilancio 2023: incentivi assunzioni ed esonero giovani agricoltori

Nuovo esonero totale assunzioni per alcune categorie, proroga esonero giovani agricoltori . Ecco cosa prevede la bozza della finanziaria 2023

Esonero contributivo parità di genere: ecco le  regole

Ecco il decreto con le modalità di applicazione delle agevolazioni per i datori di lavoro che conseguono la certificazione sulla parità di genere in azienda. Necessario fare domand

Pensioni 2023: cosa prevede la Finanziaria

Le novità sulle pensioni nella bozza aggiornata della legge di bilancio: stretta su Opzione Donna, Quota 103 a 62 anni,sconto contributivo per chi resta, cambia la rivalutazione

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.