Tools

Suite Calcoli Finanziari - 9 tool in uno

39,90€ + IVA

IN SCONTO 49,90

E Book

Il nuovo Patent Box (eBook)

14,90€ + IVA

IN SCONTO 16,83

E Book

La Fattura elettronica (eBook 2022)

14,90€ + IVA

IN SCONTO 15,90
HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

CERTIFICAZIONE DEBITI CONTRIBUTIVI PER LA CRISI DI IMPRESA: LE ISTRUZIONI

3 minuti, Redazione , 04/01/2022

Certificazione debiti contributivi per la crisi di impresa: le istruzioni

Cos'è e come si richiede il certificato unico dei debiti contributivi tramite il servizio VE.RA disponibile a breve. Serviranno 45 giorni per il rilascio

Per il  rilascio  del certificato dei debiti contributi ai fini della composizione negoziata della crisi di impresa  necessario registrarsi  in una nuova piattaforma INPS.  Sono previsti 45 giorni al massimo per ottenere il documento via pec.

 Inps ha pubblicato le istruzioni nel messaggio  del 28  dicembre 2021 preannunciando un nuovo avviso per l'apertura della piattaforma  di richiesta.

Vediamo con ordine  di cosa si tratta, piu in dettaglio.

Come noto  l’entrata in vigore del “Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza in attuazione della legge 19 ottobre 2017, n. 155” inizialmente prevista per il 15 agosto 2020 è stata differita piu volte ed è oggi fissata al 16 maggio 2022. 

L'istituto ricorda quindi che  sia INPS  che  l’INAIL, su richiesta del debitore o del tribunale,  sono tenuti a comunicare i crediti vantati a titolo di contributi e premi assicurativi, attraverso il rilascio di un certificato unico. Il debitore è tenuto a depositare tale certificazione per l'accesso alla composizione negoziata  per la soluzione della crisi di impresa

I contenuti  e i termini di rilascio erano stati definiti con delibera  del  2019  cui era allegato il modello di certificazione dei debiti contributivi   che potra essere utilizzato nell'ambito delle procedure di regolazioe della crisi o dell'insolvenza attivabili dal 16 maggio 2022

Con il messaggio INPS  28 dicembre 2021, n. 4696 si illlustra in dettaglio la procedura denominata “VE.R.A. e Certificazione dei Debiti Contributivi”. che sarà da utilizzare per ottenere la certificazione.

Contenuto del certificato unico 

il Certificato unico riporterà:

 a) la denominazione o ragione sociale, la sede legale e il codice fiscale del debitore; 

b) il numero identificativo (protocollo) e la data di effettuazione della richiesta; c) le esposizioni debitorie consolidate, distinte per Gestione previdenziale, il numero di posizione contributiva, il periodo, l’importo dei contributi, l’importo delle sanzioni civili e lo stato del credito. 

e sarà corredato di un prospetto riepilogativo delle esposizioni debitorie con il dettaglio dei crediti in fase amministrativa e di quelli affidati per il recupero agli Agenti della Riscossione. 

Procedura “VE.R.A. e Certificazione dei Debiti Contributivi” 

Il certificato unico viene rilasciato sulla base della informazioni contenute nella piattaforma del  servizio  online “VE.R.A. e Certificazione dei Debiti Contributivi” che sarà resa disponibile disponibile  a breve sul sito www.inps.it  

All’atto dell’accesso al servizio l’interessato deve dichiarare la volontà di effettuare una richiesta di certificazione dei debiti contributivi e e inserire  l’indirizzo PEC che sarà utilizzato per le successive comunicazioni. 

 Il protocollo  della richiesta viene generato entro le 72 ore lavorative in capo alla Sede che prende in carico l’istanza e che provvederà al rilascio della certificazione. 

Entro il termine di 45 giorni dalla data della richiesta, tramite la procedura “VE.R.A. e Certificazione dei Debiti Contributivi”, sarà generato il Certificato unico, sottoscritto con firma digitale dal Direttore della Sede che ha in carico l’istanza in formato “pdf.A” non modificabile .

Verrà trasmesso al richiedente tramite PEC non oltre tale termine.

Il Certificato unico prodotto è reso disponibile al richiedente anche a video e potrà essere scaricato dalla procedura, ma non avrà valore di certificazione in quanto privo di firma digitale. Allo scadere dei 45 giorni dalla data della richiesta, qualora la Sede competente non provveda a validare la certificazione completando il procedimento di rilascio, la procedura chiuderà l’istanza in stato “Non elaborata” e l’informazione circa il mancato esito sarà resa disponibile a video all’interessato in corrispondenza dei dati della richiesta. 

Il messaggio fornisce inoltre alle sedi la tempistica per le diverse fasi  di verifica e controllo ad evitare ritardi nelle emissione del certificato.


Tag: CODICE DELLA CRISI D'IMPRESA E DELL'INSOLVENZA 2021 CODICE DELLA CRISI D'IMPRESA E DELL'INSOLVENZA 2021 LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

ASSEGNI FAMILIARI E AMMORTIZZATORI SOCIALI · 19/01/2022 Esonero contributivo 2021 alternativo a Cig al via

Nuove istruzioni per le domande e la fruizione dell'esonero contributivo per le aziende che non hanno richiesto la cassa COVID 2021. Si puo rinunciare allo sgravio 2020

Esonero contributivo 2021  alternativo a Cig  al via

Nuove istruzioni per le domande e la fruizione dell'esonero contributivo per le aziende che non hanno richiesto la cassa COVID 2021. Si puo rinunciare allo sgravio 2020

Certificazione Unica 2022: ecco il Modello e le novità

Modello definitivo CU 2022 redditi 2021, iIstruzioni e specifiche. La scadenza ordinaria è fissata al 16 marzo 2022 .Vediamo cosa cambia

Comunicazione Occasionali:  obbligo anche per amministratori di condominio?

Le faq della Fondazione studi CDL rispondono ad alcuni quesiti sull' obbligo di comunicazione preventiva del lavoro occasionale. Intanto scade oggi il regime transitorio

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.