IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 03/06/2021

Licenziamento ritorsivo e soppressione del posto di lavoro

Tempo di lettura: 1 minuto
abuso diritto sentenza fiscale

Dichiarato illegittimo il licenziamento di una lavoratrice per GMO se è falsa l'esternalizzazione del posto - Cassazione 13871 2021

Commenta Stampa


Il licenziamento di una lavoratrice che aveva rifiutato la modifica del contratto con retribuzione ridotta  è  illegittimo in quanto ritorsivo. Lo ha stabilito la  Corte di Cassazione nell’Ordinanza n. 13781 del 20 maggio 2021 considerando insussistente il GMO per soppressione del posto di lavoro addotto dal datore di lavoro.

Vediamo di seguito i dettagli del caso (la sentenza aintegrale è allegata in fondo all'articolo)

Una dipendente di una società di assicurazioni  aveva rifiutato la proposta di  modifica del proprio contratto con retribuzione ridotta, proposta  che rientrava in un progetto di  ristrutturazione organizzativa.  L'azienda  ha  quindi licenziato la lavoratrice adducendo  come giustificato motivo oggettivo la esternalizzazione delle sue mansioni ad una  ditta terza. Va ricordato infatti che ai sensi dell'art. 3 della L. 604/1966, il licenziamento per giustificato motivo-oggettivo può essere determinato o dall'insorgenza di specifiche esigenze aziendali che impongono la soppressione del posto di. lavoro (c.d. esigenze obiettive di impresa) oppure da comportamenti o situazioni facenti capo al prestatore di lavoro, purché non costituiscano una forma di inadempimento.  
Nel procedimento di primo grado invece  è stato verificato che  le  mansioni espletate dalla lavoratrice fino  dal giorno successivo al recesso erano state invece affidate ad un altra dipendente amministrativa  della società,  e ciò ha portato al giudizio di  licenziamento illegittimo in quanto  ritorsivo  contro la presa di posizione della lavoratice  
Amnche la Corte di Appello ha confermato lo stesso giudizio rigettando come insussistente  comunque  il giustificato motivo oggettivo ovvero la soppressione del posto di lavoro.
Nel ricorso in Cassazione la corte ha  confermato la sentenza di appello   rigettando anche la richiesta , da parte della società, di addossare l'onere della prova sul carattere ritorsivo della  sentenza alla lavoratrice.
Va ricordato invece che è onere del datore di lavoro provare l'esternalizzazione delle mansioni del dipendente che viene licenziato (v. Cassazione 8359/2018 ) . La Corte  in conclusione ha rigettato  il ricorso della società.


Vedi in merito i commenti ai precedenti giurisprudenziali :

" Soppressione del posto di lavoro Cass n.  8359 2018 "e 

"Licenziamento per soppressione del posto -  Cass. 20436 2016"

Ti puo interessare anche il manuale Paghe e contributi  di A. Gerbaldi,  aggiornato al 2021

Fonte: Corte di Cassazione



Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

La Circolare Del Giorno

ACE innovativa 2021
Scaricalo a 4,71 € + IVA
Bonus vacanze nel mod. Redditi e 730
Scaricalo a 4,71 € + IVA
Tassazione redditi esteri lavoro dipendente
Scaricalo a 4,71 € + IVA
Scopri le Circolari del Giorno!

Tools Fiscali

Il Metodo dei Multipli 2021 - GIAPPONE
Scaricalo a 15,90 € + IVA
Il Metodo dei Multipli 2021 - USA
Scaricalo a 15,90 € + IVA
Il Metodo dei Multipli 2021 - GLOBALE
Scaricalo a 15,90 € + IVA

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE