HOME

/

NORME

/

GIURISPRUDENZA

/

PRESTAZIONI DI SERVIZI E IVA: FATTURAZIONE ALL'INCASSO O ALL'EFFETTUAZIONE DELL'OPERAZIONE

Prestazioni di servizi e Iva: fatturazione all'incasso o all'effettuazione dell'operazione

La Cassazione, tornando sul momento della fatturazione e dell’esigibilità dell’IVA nella prestazione di servizi, conferma che si sta consolidando un nuovo orientamento sul tema

Nel corso dell’ultimo anno si sono succedute alcune sentenze della Corte di Cassazione sul tema della corretta interpretazione del comma 3 dell’articolo 6 del DPR 633/72, il quale stabilisce che, ai fini IVA, “le prestazioni di servizi si considerano effettuate all'atto del pagamento del corrispettivo”.

Le questioni sotto osservazione sono due: il momento in cui l’IVA diventa esigibile e il momento in cui sorge l’obbligo di fatturazione, nel caso specifico della prestazione di servizi.

Prima del 2020 sulla questione si è discusso poco. La chiarezza formale del disposto normativo permette una lettura letterale, in base alla quale si può presumere che entrambi questi obblighi scaturiscano nel momento in cui si riceva il pagamento del corrispettivo.

Bisogna premettere che in tema d’IVA la normativa italiana non rappresenta altro che l’atto di recepimento delle direttive europee, essendo l’IVA una imposta armonizzata; e talune sue specificità, come questa, sono possibili solo come deroghe ammesse dalle direttive stesse, cosa che ad ogni effetto è il comma 3 dell’articolo 6 del DPR 633/72.

La Direttiva 2006/112/CE del Consiglio del 28 novembre 2006, quella attualmente in vigore, ma sul punto di contenuto analogo alla precedente, ci dice che, in caso di effettuazione di prestazione di servizi, il fatto generatore dell’imposta e l’esigibilità di questa si concretizzano nel momento in cui la prestazione di servizi è effettuata, ma l’esigibilità può essere spostata, dagli Stati, fino al momento del pagamento. Scelta che il legislatore italiano ha fatto per tutte le prestazioni di servizi, con una vecchia sentenza della della Corte di giustizia europea del 26 ottobre 1995 (causa C144/94), che confermava la liceità della deroga generalizzata attuata dall’Italia in sede di recepimento della direttiva originaria.

Qualcuno potrebbe pensare che sul tema ci sarebbe poco da dire, ma, a partire dal 2020, l’interpretazione corretta del comma 3 dell’articolo 6 del DPR 633/72 è in discussione in Cassazione, con un orientamento che non appare consolidato.

Il perno della questione è che, se è vero che l’esigibilità si realizza al momento del pagamento del corrispettivo, il fatto generatore dell’imposta però rimane l’espletamento del servizio.

L’interpretazione dei giudici di legittimità talvolta è di stampo più letterale, come nel caso della sentenza 1468/2020, altre volte più elastico, come nel caso dell’ordinanza 26650/2020; la recente sentenza numero 9064 del 1 aprile 2021 sembra assumere, invece, una posizione di mediazione tra interpretazioni tendenti alla divergenza.

La sentenza 9064/2021, sulla questione, prima ribadisce che “l’orientamento secondo il quale le prestazioni di servizi si considerano effettuate soltanto all'atto del relativo pagamento, cosicché prima di tale momento non sussiste alcun obbligo, ma solo la facoltà di emettere fattura, non è allineato alle sezioni unite e alla giurisprudenza unionale”, di fatto chiudendo la porta alla lettura più letterale della norma; ma al contempo mette un limite alle più elastiche interpretazioni stabilendo un principio di diritto in base al quale il “fatto generatore dell'obbligazione tributaria, che comporta l'obbligo di fatturazione, in caso di prestazione di servizi è costituito dalla materiale esecuzione della prestazione, laddove il pagamento del corrispettivo identifica esclusivamente il momento di esigibilità dell'imposta, ossia quello di riscossione, nonché […] il termine per l'adempimento dell'obbligo di emettere la fattura".

Si stabilisce quindi, in coerenza con la base normativa europea, che il fatto generatore dell’imposta sia l’effettuazione della prestazione dei servizi, dalla quale sorge l’obbligazione tributaria e l’obbligo di emettere fattura; ma l’imposta diventerà effettivamente esigibile nel momento in cui avverrà il pagamento, e l’obbligo di emettere fattura potrà essere rimandato fino al medesimo momento.

Questa posizione interpretativa dei giudici di legittimità sembra rappresentare una mediazione tra letture più definite. E se è vero che per la generalità dei casi questa posizione può rappresentare una diversa interpretazione di diritto senza implicazioni pratiche, rispetto all’interpretazione più letterale della norma, per alcuni casi specifici le implicazioni pratiche possono invece esserci, come fa notare la stessa Corte, come in caso di procedura fallimentare: ad esempio, in questo caso, con questa lettura del disposto normativo, secondo la Corte è da escludere che “il pagamento e la conseguente fatturazione avvenuti in corso di procedura della prestazione di un professionista che sia stata svolta prima della procedura comporti la qualificazione come debito di massa del credito di rivalsa dell’IVA”.

Tag: ADEMPIMENTI IVA 2021 ADEMPIMENTI IVA 2021 GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

GIURISPRUDENZA · 29/06/2021 Responsabilità contribuente per mancata presentazione dichiarazione dal commercialista

Dichiarazioni fiscali omesse per condotta infedele del commercialista? Il contribuente non è sanzionabile

Responsabilità contribuente per mancata presentazione dichiarazione dal commercialista

Dichiarazioni fiscali omesse per condotta infedele del commercialista? Il contribuente non è sanzionabile

Licenziamento ritorsivo e soppressione del posto di lavoro

Dichiarato illegittimo il licenziamento di una lavoratrice per GMO se è falsa l'esternalizzazione del posto - Cassazione 13871 2021

Prestazioni di servizi e Iva: fatturazione all'incasso o all'effettuazione dell'operazione

La Cassazione, tornando sul momento della fatturazione e dell’esigibilità dell’IVA nella prestazione di servizi, conferma che si sta consolidando un nuovo orientamento sul tema

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.