IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 05/05/2021

Note variazione Iva: recupero all'apertura della procedura nel Sostegni bis

di Redazione Fisco e Tasse

Tempo di lettura: 1 minuto
IVA

La bozza del Sostegni bis prevede il recupero dell’IVA sui crediti non riscossi all’apertura della procedura concorsuale senza attendere la sua conclusione

Ascolta la versione audio dell'articolo
Commenta Stampa

Il Decreto Sostegni bis ancora in bozza, prevede una novità in tema di "recupero IVA su crediti non riscossi nella procedure concorsuali" , ossia con l'art 11 si interviene sull'art 26 del DPR 633/72.

In particolare, quando un’operazione per la quale sia stata emessa fattura, successivamente all’annotazione nel registro delle vendite viene meno o se ne riduce la base imponibile a causa del mancato pagamento del corrispettivo da parte del cessionario/committente il cedente/prestatore ha diritto di portare in detrazione l’Iva corrispondente alla variazione, inserendola nel registro acquisti a partire dalla data:

  • in cui il debitore è assoggettato a procedura concorsuale, 
  • oppure dalla data del decreto di omologa dell’accordo di ristrutturazione dei debiti ex articolo 182-bis della legge fallimentare, 
  • o dalla data di pubblicazione nel registro delle imprese del piano attestato ex articolo 67, comma 3, lettera d), legge fallimentare

In sostanza, in caso di mancata riscossione dei crediti vantati nei confronti di cessionari o committenti coinvolti in procedure concorsuali la nuova norma consetirebbe di effettuare le variazioni in diminuzione sin dall'apertura della procedura senza doverne attendere la conclusione.

La norma in questione era stata introdotta dalla legge di Stabilità del 2016 e non era entrata mai in vigore a causa delle modifiche approtate dalla Legge di Bilancio dell'anno successivo.

Come precisato nella relazione illustrativa al decreto sostegni bis si era previsto che in presenza di procedure concorsuali, il cedente o prestatore potesse emettere nota di varaizione in diminuzione per recuperare l'IVA anticipata allo Stato a partire dalla data in cui il cessionario o committente fosse assoggettato a procedura concorsuale, senza attendere la sua conclusione, cosa prevista dalla precedente normativa.

Il debitore si considera assoggettato a procedura concorsuale:

  • dalla data della sentenza dichiarativa del fallimento;
  • dalla data del provvedimento che ordina la liquidazione coatta amministrativa;
  • dalla data del decreto di ammissione alla procedura di concordato preventivo;
  • dalla data del decreto che dispone la procedura di amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi.

Fonte: Fisco e Tasse


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2022-01-06
Prestito Extra 2021 - Verifica della regolarità
In PROMOZIONE a 54,90 € + IVA invece di 64,90 € + IVA fino al 2060-12-31
Gestione fiscale del fondo svalutazione crediti (excel)
In PROMOZIONE a 22,90 € + IVA invece di 24,90 € + IVA fino al 2022-12-31
Analisi di Bilancio - Pacchetto completo (pdf + excel)
In PROMOZIONE a 91,70 € + IVA invece di 130,75 € + IVA fino al 2060-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE