IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 22/04/2021

Bonus COVID delle Casse professionali sempre esenti da ritenuta

Tempo di lettura: 2 minuti
soldi

Chiarimenti sul trattamento fiscale delle indennità COVID erogati dalle Casse private ai professonisti, anche pensionati, nell'Interpello n. 272 del 20.4.2021

Commenta Stampa

tutti i contributi erogati nei confronti dei soggetti esercenti impresa, arte o professione, nonché ai lavoratori autonomi, per l'emergenza epidemiologica Covid-19  sono esenti da imposizione fiscale. Lo afferma l'agenzia nella risposta a Interpello n. 272 del 20 aprile 2021.

Il caso riguardava una Cassa previdenziale privata, che  aveva chiesto di conoscere il corretto trattamento fiscale che è tenuto ad applicare, in qualità di sostituto d'imposta, al "Sussidio per iscritti titolari di pensione di invalidità ed indiretta ai superstiti" (di seguito "Sussidio") deliberato in data 11 maggio 2020 dal proprio Consiglio di Amministrazione

 in favore dei professionisti iscritti titolari  di pensione ai superstiti (di reversibilità o indiretta) e (ii) di pensione invalidità, esclusi dall'indennizzo di cui all'articolo 44 del decreto legge 17 marzo 2020, n. 18 (cd. decreto "Cura Italia"), così come modificato dall'articolo 78 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (cd. decreto "Rilancio").

Secondo la Cassa   il sussidio  erogato non costituisce per il soggetto beneficiario un reddito rilevante ai fini IRPEF, in quanto :

 - non ha funzione sostitutiva di un reddito; 

 - costituisce prestazione di tipo assistenziale erogata in presenza di uno stato di bisogno derivante dall'emergenza epidemiologica.

 Inoltre il bonus non rientra  in nessuna della categorie reddituali di cui all'articolo 6 del Testo unico delle imposte sui redditi e viene corrisposto:

  •  a titolo assistenziale,
  •  una tantum e 
  • con vocazione risarcitoria dei danni patiti e patendi per effetto della situazione epidemiologica.

Nella Risposta l'Agenzia concorda con la soluzione prospettata. 

Infatti, anche se il decreto  17 marzo 2020, n. 18 (cd. "Cura Italia"), e il successivo Decreto rilancio n. 34-2020   nell'istituire una indennità di supporto ai professionisti   ha  disconosciuto il beneficio economico in favore dei professionisti titolari di pensione diretta,  ciò non significa che al sussidio deliberato dalla Cassa per i propri iscritti, titolari di pensione di invalidità ed indiretta ai superstiti,  non si applichi   il comma 1 dell'articolo 10-bis del decreto legge 28 ottobre 2020, n. 137 (cd. "decreto Ristori"),  che prevede che  «I contributi e le indennità di qualsiasi natura erogati in via eccezionale a seguito dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 e diversi da quelli esistenti prima della medesima emergenza, da chiunque erogati e indipendentemente dalle modalità di fruizione e contabilizzazione, spettanti ai soggetti esercenti impresa, arte o professione, nonché ai lavoratori autonomi, non concorrono alla formazione del reddito imponibile ai fini delle imposte sui redditi e del valore della produzione ai fini Pagina 4 di 6 dell'imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) e non rilevano ai fini del rapporto di cui agli articoli 61 e 109, comma 5, del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917». 

Con tale disposizione, pertanto, il legislatore ha voluto riconoscere a tutti i contributi erogati nei confronti dei soggetti esercenti impresa, arte o professione, nonché ai lavoratori autonomi, per l'emergenza epidemiologica Covid-19, il regime esentativo previsto espressamente per talune tipologie di aiuti economici (tra l'altro, articoli 27 e 44 del decreto "Cura Italia" e articolo 25 decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 - cd. decreto Rilancio). Anche sulla base delle precisazioni fornite dalla Cassa , sul fatto che  il Sussidio è erogato a liberi professionisti titolari di reddito di lavoro autonomo,l'Agenzia conferma che esso non è da assoggettare a ritenuta alla fonte a titolo di acconto Irpef, i e, conseguentemente, non sia imponibile nei confronti dei percettori.

Fonte: Agenzia delle Entrate



Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Calcolo IMU 2021: acconto e saldo (excel)
In PROMOZIONE a 16,90 € + IVA invece di 18,90 € + IVA fino al 2021-06-30
Credito imposta R&S: certificazione costi del revisore
In PROMOZIONE a 36,90 € + IVA invece di 42,90 € + IVA fino al 2021-06-30
Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2022-01-06
Prestito Extra 2021 - Verifica della regolarità
In PROMOZIONE a 54,90 € + IVA invece di 64,90 € + IVA fino al 2060-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE