HOME

/

PMI

/

IDENTITÀ DIGITALE

/

REGISTRO IMPRESE: SPETTA ALLE CAMERE DI COMMERCIO TENERLO AGGIORNATO

Registro imprese: spetta alle Camere di Commercio tenerlo aggiornato

Il MISE pur avendo un compito di vigilanza non può entrare nel merito delle decisioni relative all'aggiornamento del Registro imprese.

Con Nota n 46907 del 19 febbraio del MISE , in merito alla funzione pubblicitaria del Registro delle Imprese, si evidenzia come la corretta gestione delle procedure di iscrizione sia fondamentale affinchè la funzione di pubblicità venga assolta con massima qualità e si chiarisce che spetta alle Camere di Commercio il compito di garantire l'attualità delle informazioni in esso contenute.

Con la Nota in oggetto il Mise si esprime per la prima volta sul contenuto dell’art 40 rubricato “Semplificazione delle procedure di cancellazione dal registro delle imprese e dall'albo degli enti cooperative”

Nella nota precedente (la n 3665/2014) il ministero aveva già chiarito l'importanza della funzione delle Camere di Commercio per garantire la "pulizia" dei registri.

In quella attuale invece chiarisce come il ruolo dell'attuazione di procedure di iscrizione d'ufficio, già attribuito al Giudice del registro, viene reso più semplice e celere affidandolo al Conservatore. 

Al Giudice del registro resta invece il compito di riesaminare le procedure in caso di impugnazione del provvedimento del Conservatore.

La nota si esprime anche in merito all'indirizzo pec ricordando che l'art 37 del DL Semplificazioni ha previsto, oltre alla irrogazione di sanzioni in caso di inadempimento della parte obbligata, anche una assegnazione d'ufficio dello stesso indirizzo ossia:

"Fatto salvo quanto previsto dal primo periodo per le imprese di nuova costituzione, i soggetti di cui al comma 6, che non hanno indicato il proprio domicilio digitale entro il 1° ottobre 2020, o il cui domicilio digitale e' stato cancellato dall'ufficio del registro delle imprese ai sensi del comma 6-ter, sono sottoposti alla sanzione prevista dall'articolo 2630 del codice civile, in misura raddoppiata. L'ufficio del registro delle imprese, contestualmente all'irrogazione della sanzione, assegna d'ufficio un nuovo e diverso domicilio digitale per il ricevimento di comunicazioni e notifiche, attestato presso il cassetto digitale dell'imprenditore, erogato dal gestore del sistema informativo nazionale delle Camere di commercio di cui all'articolo 8, comma 6, della legge 29 dicembre 1993, n. 580"

Nella Nota si sottolinea che il Mise in quanto organo di vigilanza ha il compito di verificare il livello e la qualità della funzione pubblicitaria del registro delle imprese con:

  • atti di indirizzo
  • atti di ispezione 

non potendo giudicare il merito dei provvedimenti delle Camere di Commercio impugnabili da parte di chi ritiene lesi i propri diritti dinanzi alla autorità giudiziaria.

Tag: IDENTITÀ DIGITALE IDENTITÀ DIGITALE

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

IDENTITÀ DIGITALE · 06/07/2021 SPID: novità per il Portale Servizi Lavoro dal 7 luglio

Nuovi obblighi ai fini della sicurezza nell'utilizzo dello SPID sul portale servizi del Ministero del lavoro (cliclavoro): ad ogni accesso viene richiesto un PIN aggiuntivo

SPID: novità per il Portale Servizi Lavoro dal 7 luglio

Nuovi obblighi ai fini della sicurezza nell'utilizzo dello SPID sul portale servizi del Ministero del lavoro (cliclavoro): ad ogni accesso viene richiesto un PIN aggiuntivo

PIN INPS addio: la validità cessa il 1 settembre 2021

Inps comunica il passaggio agli altri sistemi di accesso ai servizi online a partire dal 1 settembre 2021. Il vecchio PIN va in soffitta

SPID: cos'è, come si ottiene, a cosa serve

Come si richiede lo Spid :codice di accesso ai servizi online della Pubblica amministrazione. Per molti enti già attivo in forma esclusiva. Presto anche per delega

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.