IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 02/09/2020

Voucher mobilità sostenibile: è un fringe benefit per il dipendente

Tempo di lettura: 3 minuti
Bonus bici

Chiarimenti dell'Agenzia sul buono mobilità aziendale ai lavoratori dipendenti: esentasse solo entro il limite annuo dei fringe benefits. Interpello n. 293 2020

Commenta Stampa

Con la Risposta a interpello n. 293 del 31 agosto 2020, (allegata in fondo all'articolo) l’Agenzia delle Entrate afferma che i voucher per la mobilità sostenibile erogati ai  dipendenti, sia pubblici che privati sono da considerare  tra i fringe benefits, quindi risultano  tassabili ,  se l'insieme di tali beni e servizi supera  la soglia di  esenzione di 258,23 euro per periodo di imposta (come previsto dall'art 51 comma 3 del TUIR).

Il caso veniva sottoposto  da  una citta metropolitana capofila di un gruppo di Comuni aderenti al progetto "Programma sperimentale nazionale di mobilità sostenibile casascuola e casa-lavoro di cui al Decreto Ministeriale 20 luglio 2016, n. 208, in forza del quale erano intenzionati a erogare ai propri dipendenti dei  "buoni mobilità",   ovvero un  incentivo economico riferito al tragitto "casa-lavoro-casa" pari a euro 0,25/km, con un tetto massimo all'importo del "buono mobilità" di 50 euro/mese, da erogare in un'unica soluzione, alla fine del periodo (31 ottobre 2019) e comunque non oltre dicembre 2019".

Secondo il richiedente questi importi non dovrebbero risultare tassabili in quanto non costuiscono remunerazione per una prestazione lavorativa, ne ordinaria ne straordinaria ne eccezionale; inoltre  le risorse economiche  necessarie vengono appunto da  quanto previsto  dal  D.M. n. 208 del 2016 come: "riconoscimento, a fronte dell'utilizzo di modalità di trasporto sostenibile quali piedi, bicicletta, trasporto pubblico locale, car sharing, car pooling in sostituzione dell'auto privata, di voucher prepagati validi per l'acquisto di beni e servizi connessi allo sviluppo di forme di mobilità sostenibile quali biciclette, abbonamenti di car sharing o bike sharing, titoli di viaggio sul trasporto pubblico locale, contribuzioni all'abbattimento del costo annuale dell'abbonamento al trasporto pubblico locale, riconoscimento di incentivazioni accessorie allo stipendio proporzionate ai km percorsi con modalità di trasporto sostenibile".

L'Agenzia  da invece parere negativo sulla soluzione proposta e si affida al principio di omnicomprensivita della retribuzione e ad una interpretazione letterale dell'art 51 comma 2 lettere d) e d) bis  del Tuir. Tale norma  fa rientrare nel welfare aziendale esente, senza limiti di importo:

  •   gli abbonamenti a mezzi di trasporto pubblici  e 
  • le somme per l'acquisto degli abbonamenti stessi  (circolare 29 marzo 2018 n. 5/E) 

ma non  contempla specificamente i bonus economici come quello descritto, che nascono per incentivare l'utilizzo di mezzi di trasporto  alternativi.

 La posizione contrasta, in linea di principio,   con l'intento di adeguamento all'evoluzione in tema di mobilità,  sostenuto nella risoluzione 83 2016 in cui  l'Agenzia affermava che "può ritenersi, ai fini in esame, che il servizio di Car Sharing rappresenti, soprattutto nelle aree urbane, una evoluzione dei tradizionali sistemi di mobilità considerati dall’art. 51 del TUIR, e conseguentemente, i rimborsi delle relative spese in favore dei dipendenti in trasferta nel territorio comunale, documentate nei modi indicati, possano essere ricondotti nella previsione esentativa di cui al comma 5 del medesimo art. 51."

Vero è che in quel caso si trattava di spese di trasferta e non di tragitto casa-lavoro ma sembrerebbe logico forse usare la stessa flessibilita di giudizio valorizzando l'evoluzione dei sistemi di mobilità ai fini della sostenibilità ambientale, anche in tema di welfare aziendale.
 Secondo l'Agenzia  dunque   i buoni mobilità sostenibile erogati per il tragitto casa lavoro  concorrono interamente a formare il reddito del lavoratore nell’ipotesi in cui il loro importo   complessivo nel periodo d’imposta, superi la  soglia prevista  dall'art 51 comma 3 del TUIR.

Da ricordare che tale soglia è stata innalzata a 516,46 euro, solo per il  2020 dal DL n. 104/2020 (cd. Decreto Agosto).

Vedi in merito "Welfare aziendale il decreto Agosto innalza la non imponibilità" 


In tema di lavoro dipendente ti potrebbero interessare i nostri ebook in pdf e fogli di calcolo.
Oppure  il volume Formulario completo del lavoro  di M. Marrucci (libro di carta - Maggioli editore 850 formule - 600 pagine)

Fonte: Agenzia delle Entrate


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2020-12-31
Valutazione d'azienda e Affrancamento: Pacchetto
In PROMOZIONE a 119,90 € + IVA invece di 159,96 € + IVA fino al 2030-12-31
Affrancamento terreni 2020 (excel)
Scaricalo a 39,90 € + IVA
Superbonus 110 per cento: calcolo del beneficio (Excel)
In PROMOZIONE a 89,90 € + IVA invece di 99,90 € + IVA fino al 2020-11-10

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE