Rassegna stampa Pubblicato il 17/01/2020

Cumulo previdenziale esclusi i periodi con le Casse ante 1996

Tempo di lettura: 3 minuti
cumulo contributivo domanda

Sul cumulo contributivo con una interpretazione "soggettiva" INPS esclude i periodi di versamento alle Casse professionali , precedenti al 1996

Per la pensione con cumulo contributivo di periodi non coincidenti , l'anzianità contributiva precedente il 1996, non comprende i periodi accreditati presso una Cassa pr professionale. Questa l' affermazione dell'INPS  in un messaggio interno 115 del 14.1.2020  che  approfondisce  quanto già affermato nella circolare 140/2017.

L.'interpretazione dell'INPS si basa sulla premessa che  sia per la legge 228/2012 che per la successiva 232/2016, il sistema di calcolo  della pensione con cumulo  per tutte le gestioni  salvo quella separata ,  prevede  per i periodi accreditati in periodi ante 1996  il  calcolo retributivo fino a quella data e contributivo dal 1996 in poi, quando l'anzianità complessiva è inferiore a 18 anni , mentre, se l'anzianita è superiore, il calcolo retributivo  è applicabile per tutti i periodi (sempre se conveniente al lavoratore ).

Dato che  invece i regolamenti delle  Casse non prevedono  la possibilità di liquidare la pensione interamente col sistema retributivo (reddituale per i professionisti) , secondo l'INPS  i contributi maturati presso  Enpacl, Cassa commercialisti, Inarcassa, Cassa ragionieri, Cassa forense eccetera  non sarebbero utilizzabili per accertare il limite dei 18 anni complessivi di contribuzione.

Infatti il messaggio precisa anche che in ogni caso   quando la somma delle diverse anzianità non coincidenti è pari o superiore a 18 anni, per tutte le gestioni interessate al cumulo, si applica la regola legata al doppio conteggio.
Viene fornito l' esempio  di un "assicurato con:

- 9 anni di contribuzione nel FPLD da gennaio 1978 a dicembre 1986;

- 8 anni di contribuzione in gestione COM da gennaio 1987 a dicembre 1994;

- 10 anni di contribuzione in Gestione separata da gennaio 1996 a dicembre 2005;

- 14 anni e 10 mesi nel FPLD da gennaio 2006 a ottobre 2020;

- 25 anni e 10 mesi di contribuzione in Cassa commercialisti da gennaio 1995 a ottobre 2020 (la contribuzione relativa all'anno 1995 è l'unica non coincidente con la contribuzione presso le altre gestioni interessate al cumulo).

Ai sensi del comma 246, nel caso in esame, a seguito della mancata valutazione della contribuzione presso la Cassa ai fini della determinazione del sistema di calcolo della pensione in cumulo, non avendo l'interessato maturato 18 anni di contribuzione al 31 dicembre 1995, non trova applicazione il c.d. doppio calcolo, pertanto:

• il FPLD liquida il pro quota di pensione a proprio carico con il sistema retributivo con riferimento all'anzianità contributiva maturata fino al 31 dicembre 1995 e con il sistema contributivo con riferimento all'anzianità contributiva maturata dal 1° gennaio 1996 al 31 ottobre 2020;

• la Cassa liquida il pro quota di pensione a proprio carico in base alle disposizioni in essa vigenti con riferimento all'anzianità contributiva maturata dal 1° gennaio 1995 al 31 ottobre 2020.

Diversamente, ammesso e non concesso fosse possibile valutare anche la contribuzione presso la Cassa ai fini della determinazione del sistema di calcolo della pensione in cumulo, poiché l'interessato maturerebbe 18 anni di contribuzione alla data del 31 dicembre 1995, dovrebbe trovare applicazione il c.d. doppio calcolo, conseguentemente:

• il FPLD dovrebbe liquidare il pro quota di pensione a proprio carico con il sistema retributivo per valorizzare la contribuzione dal 1° gennaio 1978 al 31 ottobre 2020, nel caso in cui all'esito del c.d. doppio calcolo l'importo della pensione interamente calcolato con il sistema retributivo risulti inferiore a quello calcolato con il sistema retributivo, con riferimento all'anzianità contributiva maturata fino al 31 dicembre 2011, e con il sistema contributivo, con riferimento all'anzianità contributiva maturata dal 1° gennaio 2012 al 30 ottobre 2020;

• la Cassa dovrebbe liquidare il pro quota a proprio carico con il sistema retributivo con riferimento all'anzianità contributiva maturata dal 1° gennaio 1995 al 31 ottobre 2020, nel caso in cui all'esito del c.d. doppio calcolo l'importo della pensione interamente calcolata con il sistema retributivo risulti inferiore a quello calcolato sulla base delle disposizioni in essa vigenti. È evidente che tale soluzione non è in linea con le varie discipline regolamentari riferibili a ciascuna Cassa, alcune delle quali non contemplano il sistema di calcolo retributivo della pensione."

Come detto si tratta di una interpretazione  senza dubbio  parziale dell'Istituto che potrebbe  essere contestata e smentita dalla giurisprudenza.

Ecco i volumi necessari per la preparazione al meglio delle nuove prove scritte e all'abilitazione alla professione di avvocato:

  1. Manuale pratico diritto civile con pareri - Libro carta
  2. Manuale pratico atti di diritto amministrativo - Libro carta
  3. Manuale pratico Atti di Diritto Civile - Libro carta

Inoltre, all'interno di ogni volume troverai una videolezione.

Sei già abilitato? Ti puo interessare il volume: Adempimenti fiscali dell'avvocato"  di I. Mariani (libro di carta  304 pagine - Maggioli editore)

Ti puo interessare  l’ e-book "Pensioni 2019" di L. Pelliccia e il volume APE Anticipo pensionistico e rendita integrativa RITA (libro di carta Maggioli Editore - 120 pagine)

E' disponibile anche il videocorso accreditato "Quota 100 e altre novità previdenziali ( Riscatto laurea e pace contributiva)"

Per tutte le notizie e approfondimenti  segui sempre il nostro DOSSIER gratuito: Pensioni: Quota 100 e novità 2019

Fonte: Il Sole 24 Ore




Prodotti consigliati per te

105,00 € + IVA
89,25 € + IVA
70,00 € + IVA
59,50 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)