IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 17/10/2019

Mancato conseguimento di proventi già contabilizzati: come correggere

Tempo di lettura: 1 minuto
analisi di bilancio margini patrimoniali

Mancato conseguimento di proventi che hanno concorso a formare il reddito in precedenti periodi d'imposta: riducono l'imponibile. A dirlo le Entrate

Commenta Stampa

Rappresenta una sopravvenienza passiva il mancato conseguimento di proventi contabilizzati per errore? In particolare, nell Risposta all'interpello 407 del 10.10.2019 l'Agenzia delle Entrate ha affrontato il problema della società ALFAche ha contabilizzato i plusvalori relativi ad attività finanziarie sulla base di report poi rivelatisi contraffatti. Dalla vera documentazione bancaria ricevuta è emerso che tanto i proventi quanto le attività finanziarie che erano state acquistate mediante l'utilizzo - e sul presupposto dell'esistenza - di detti proventi "erano in realtà inesistenti", con conseguenze rilevanti sul bilancio relativo all'esercizio 2018 - "trattate ottemperando alle regole previste dal Principio Contabile OIC 29 per la correzione degli errori" - che hanno comportato "l'azzeramento del valore delle Altre Attività Finanziarie utilizzando in contropartita una riduzione della Riserva di utili portati a nuovo".

L'interpellante ha chiesto se "gli effetti della correzione degli errori emersi nel corso del 2018, e contenuti nel bilancio 2018, possano essere considerati ai fini del calcolo della base imponibile relativa al periodo di imposta 2018".

Nel rispondere positivamente, l'Agenzia delle Entrate ha ricordato che il Principio Contabile OIC 29 per la correzione degli errori prevede che: "La correzione di errori rilevanti commessi in esercizi precedenti è contabilizzata sul saldo d'apertura del patrimonio netto dell'esercizio in cui si individua l'errore. Solitamente la rettifica viene rilevata negli utili portati a nuovo".
Dal punto di vista fiscale, alla luce del combinato disposto di cui ai menzionati articoli 101, comma 4, e 109, commi 1 e 4, secondo periodo, del TUIR fino a concorrenza dei proventi inesistenti che hanno concorso a formare il reddito in precedenti esercizi, la società istante possa effettuare una simmetrica variazione in diminuzione del reddito imponibile nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d'imposta 2018 in cui è divenuta certa l'inesistenza dei proventi contabilizzati.
Il documento di prassi termina chiarendo che le somme che l'istante dovesse ricevere a titolo di risarcimento del danno costituiranno simmetricamente sopravvenienze attive imponibili.

Fonte: Fisco e Tasse



Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Calcolo IRES e IRAP 2021 - Redditi Società di Capitali
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Quadro RG e Irap 2021 ditte individuali in semplificata
In PROMOZIONE a 17,90 € + IVA invece di 18,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Elementi contabili ISA 2021 (Excel)
In PROMOZIONE a 18,90 € + IVA invece di 19,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Impairment test OIC 9 - perdite durevoli (Excel)
In PROMOZIONE a 49,90 € + IVA invece di 57,30 € + IVA fino al 2021-03-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE