IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 18/09/2019

Amministratori società: quando possono essere dipendenti

Tempo di lettura: 3 minuti
Nomina Amministratori Fondazioni e Associazioni

Compatibilità delle cariche sociali nelle società di capitali con lo svolgimento di lavoro subordinato Messaggio INPS 3359 2019

Commenta Stampa

Con il Messaggio n. 3359 del 17 settembre 2019 l'INPS  analizza il problema della compatibilità  delle cariche sociali nelle società di capitali con  lo svolgimento di lavoro subordinato, anche ai fini della definizione degli obblighi contributivi che ne discendono 

L'istituto afferma, in sintesi che  quando l'amministratore di società ha totalmmente ed esclusivamente in capo il potere di decisione sulla gestione  societaria non puo essere inquadrato anche come lavoratore subordinato.

Rieploghiamo i vari casi presentati :

PRESIDENTE CONSIGLIO AMMINISTRAZIONE:  Come da consolidato orientamento  della Cassazione , l'INPS afferma che la carica di presidente del consiglio di amministrazione , in sé , non è incompatibile con lo status di lavoratore subordinato poiché anche il presidente di società, al pari di qualsiasi membro del consiglio di amministrazione, può essere soggetto alle direttive, alle decisioni ed al controllo dell’organo collegiale (cfr., tra le altre, Cass. n. 11978/2004, n. 1793/1996 e n. 18414/2013. 

La carica di legale rappresntante  di per se non impedisce l'induatramento come lavoratore subordinato  in quanto  non significa automaticamente che la figura abbia poteri deliberativi autonomi

AMMINISTRATORE DELEGATO Per definire la compatibilità vanno valutati "i  rapporti intercorrenti fra l’organo delegato e il consiglio di amministrazione, la pluralità ed il numero degli amministratori delegati e la facoltà di agire congiuntamente o disgiuntamente.  

Nei casi di lavoro subordinato l'Istituto ricorda che la Corte ha sottolineato che chi intende far valere  l'instaurazione di un vincolo di subordinazione ha l’onere di provare in modo certo l’assoggettamento – nonostante le suddette cariche sociali – al potere direttivo, di controllo e disciplinare dell’organo di amministrazione della società nel suo complesso, il quale, inevitabilmente, limita la libertà di azione e di scelta nell’esercizio della funzione e dell’attività lavorativa del dipendente .

È necessario, peraltro, che la costituzione e gestione del rapporto di lavoro siano ricollegabili ad una volontà della società distinta dal soggetto titolare della carica (amministratore, etc.).

AMMINISTRATORE UNICO SOCIO : in questo caso il rapporto di lavoro subordinato è  da escludere  perché la concentrazione della proprietà delle azioni nelle mani di una sola persona esclude – nonostante l’esistenza della società come distinto soggetto giuridico – l’effettiva soggezione del socio unico alle direttive di un organo societario. 

In sostanza afferma il  messaggio: " la  valutazione della compatibilità dello status di amministratore di società di capitali con lo svolgimento di attività di lavoro subordinato presuppone l’accertamento in concreto, caso per caso, della sussistenza delle seguenti condizioni:

  • che il potere deliberativo (come regolato dall’atto costitutivo e dallo statuto), diretto a formare la volontà dell’ente, sia affidato all’organo (collegiale) di amministrazione della società nel suo complesso e/o ad un altro organo sociale espressione della volontà imprenditoriale il quale esplichi un potere esterno;
  • che sia fornita la rigorosa prova della sussistenza del vincolo della subordinazione (anche, eventualmente, nella forma attenuata del lavoro dirigenziale) e cioè dell’assoggettamento del lavoratore interessato, nonostante la carica sociale, all’effettivo potere di supremazia gerarchica (potere direttivo, organizzativo, disciplinare, di vigilanza e di controllo) di un altro soggetto ovvero degli altri componenti dell’organismo sociale a cui appartiene;
  • che il soggetto svolga, in concreto, mansioni estranee al rapporto organico con la società; in particolare, deve trattarsi di attività che esulino e che pertanto non siano ricomprese nei poteri di gestione che discendono dalla carica ricoperta o dalle deleghe che gli siano state conferite.

Fonte: Inps


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2020-12-31
Superbonus 110 per cento: calcolo del beneficio (Excel)
In PROMOZIONE a 59,90 € + IVA invece di 99,90 € + IVA fino al 2020-09-20
Sospensioni fiscali - Calcolo rate (Excel)
In PROMOZIONE a 16,90 € + IVA invece di 24,90 € + IVA fino al 2020-10-01
Usura Extra 2020 - Calcolo usura con perizia automatica
In PROMOZIONE a 53,20 € + IVA invece di 61,48 € + IVA fino al 2021-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE