Rassegna stampa Pubblicato il 27/05/2019

Indennizzo commercianti strutturale dal 2019: istruzioni INPS

commercianti

Riepilogo della normativa sull'indennizzo per cessazione di attività commerciali, strutturale dal 1.1.2019 circolare INPS 77 2019

La circolare INPS 77 del 24 maggio 2019  fornisce le istruzioni per l'applicazione dell'Articolo 1, commi 283 e 284, della legge 30 dicembre 2018, n. 145 (legge di bilancio 2019) in merito alla stabilizzazione dell’indennizzo per le aziende commerciali in crisi (d.lgs n. 207/1996)d

Dal 1° gennaio 2019 l'indennizzo  diviene una misura strutturale per cui è stabilizzato l’obbligo di versamento del contributo aggiuntivo dello 0,09% destinato, in parte, al Fondo che lo finanzia . 

L'istituto , per quanto riguarda requisiti, condizioni , importo, periodi di erogazione  ai fini pensionistici,  richiama le  circolari n. 111 del 25 maggio 1996, n. 39 del 18 febbraio 1998 e n. 20 del 21 gennaio 2002.

DESTINATARI  

Sono destinatari dell'indennizzo  iscritti alla Gestione dei contributi e delle prestazioni previdenziali degli esercenti attività commerciali gestita dall’Istituto, che esercitano, in qualità di titolari (anche in forma societaria) o coadiutori, le seguenti attività:

  • attività commerciale al minuto in sede fissa, anche abbinata ad attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande;
  • attività commerciale su aree pubbliche, anche in forma itinerante (articolo 27 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114).
  •  titolari e coadiutori di attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande;
  • gli agenti e rappresentanti di commercio di cui alla legge 3 maggio 1985, n. 204, ma non i loro coadiutori.

a titolo esemplificativo, non rientrano tra i destinatari della norma gli esercenti le seguenti attività:

  • gli esercenti attività commerciali all’ingrosso;
  • gli esercenti le “forme speciali di vendita al dettaglio” elencate all’articolo 4, comma 1, lett. h), del D.lgs 31 marzo 1998, n. 114, e ss.mm.ii. quali, ad esempio  il commercio elettronico, la vendita a domicilio , la vendita per corrispondenza o tramite televisione, la somministrazione o vendita di alimenti e bevande in luoghi non aperti al pubblico  (ad esempio, scuole, ospedali, circoli privati, mense aziendali);
  • gli esercenti attività di intermediazione diversa da quella prevista dalla legge n. 204/1985 quale, ad esempio, quella svolta da procacciatori e agenti d’affari, agenti assicurativi, agenti immobiliari, promotori finanziari.

REQUISITI

L'indennizzo spetta ai soggetti in possesso dei requisiti di seguito riepilogati:

  • abbiano compiuto almeno 62 anni, se uomini, ovvero almeno 57 anni, se donne;
  • risultino iscritti, al momento della cessazione dell'attività, per almeno 5 anni, in qualità di titolari o di coadiutori, alla Gestione Commercianti (I 5 anni, non devono essere necessariamente continuativi, ma devono sussistere al momento della cessazione ed essere connessi all’attività commerciale  cessata).

Per le ipotesi in cui risultino omissioni contributive, il trattamento potrà essere erogato solo  con compensazione dei contributi omessi (fino a un quinto dell'importo) . La possibilità di concedere l’indennizzo e recuperare  le omissioni contributive è esclusa nei casi in cui il contribuente non abbia mai presentato una dichiarazione dei redditi d’impresa.

L’erogazione dell’indennizzo è subordinata alla condizione che i predetti soggetti abbiano cessato definitivamente l’attività commerciale.

Sono esclusi  soggetti che hanno ceduto, venduto o donato la licenza/autorizzazione o, se in possesso di più di una licenza (ad esempio, ambulanti che svolgono attività in più comuni) ne abbiano ceduto, venduto o donate solo alcune;

DECORRENZA DEL TRATTAMENTO 

L’indennizzo  spetta dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della relativa domanda.

Dato che la cancellazione dal Registro delle imprese è una condizione essenziale, nel caso questa  abbia una data successiva alla domanda di indennizzo, la decorrenza dovrà essere differita al primo giorno del mese successivo all’avvenuta cancellazione. 

La decorrenza degli indennizzi  non potrà essere, in ogni caso, antecedente al 1° febbraio 2019, primo giorno del mese successivo all’entrata in vigore della legge di bilancio 2019.

OBBLIGO ALIQUOTA AGGIUNTIVA

Anche se l’indennizzo è diventato una misura strutturale; la concessione rimane subordinata, alla disponibilità delle risorse del Fondo . La legge di stabilità  i nfatti  ha anche ripristinato, a decorrere dal 1° gennaio 2019, l’obbligatorietà del contributo aggiuntivo di cui all’articolo 5, comma 2, del decreto legislativo n. 207/1996. Pertanto, a decorrere dall’entrata in vigore della legge di bilancio 2019, gli iscritti alla Gestione dei contributi e delle prestazioni previdenziali degli esercenti attività commerciali, unitamente alla contribuzione dovuta ai sensi della legge 2 agosto 1990, n. 233, e ss.mm.ii., sono tenuti al versamento dell’aliquota contributiva aggiuntiva dello 0,09%. 

L’Istituto effettua il monitoraggio degli oneri derivanti dall’erogazione della prestazione in commento. In caso di esaurimento delle risorse e di mancato adeguamento della aliquota contributiva, non saranno prese in considerazione ulteriori domande di indennizzo .

PRESENTAZIONE DOMANDA 

La domanda  deve essere  presentata telematicamente all’Istituto, direttamente dal cittadino in possesso delle credenziali di accesso (PIN rilasciato dall’Istituto, SPID o Carta Nazionale dei Servizi) tramite il servizio “Domanda Indennità commercianti”,  accessibile dal sito www.inps.it cliccando su “Tutti i servizi” > “Domanda Indennità commercianti”, oppure per il tramite dei Patronati o degli altri soggetti abilitati all’intermediazione delle istanze di servizio all’INPS o, in alternativa, tramite il Contact Center INPS.

Le domande già presentate, a decorrere dal 1° gennaio 2019, utilizzando il vecchio modello, non dovranno essere ripresentate .

La domanda deve essere corredata della scheda istruttoria, allegata alla  circolare (Allegato n. 4).  Avverso le decisioni del Comitato, il richiedente potrà adire esclusivamente l’Autorità giudiziaria.

INCOMPATIBILITA'

L'indennizzo è incompatibile con lo svolgimento di qualsiasi attività di lavoro autonomo, subordinato o occasionale ,  mentre non costituisce causa di incompatibilità  la qualifica di “socio accomandante” di una società in accomandita semplice .

La prestazione è compatibile con l’erogazione di qualsiasi trattamento pensionistico diretto, ad esclusione della pensione di vecchiaia.

DURATA INDENNIZZO 

L’indennizzo spetta fino a tutto il mese in cui il beneficiario compie l’età pensionabile ordinaria prevista dalla legge in vigore nella Gestione dei commercianti.

Ti puo interessare la Scheda informativa "NASPI 2018: importi requisiti, domanda" di R. Quintavalle e l'ebook Reddito di Cittadinanza 2019 di R. Staiano

E' disponibile anche il volume "Formulario commentato sui diritti dei lavoratori nel fallimento " di L. Nigro (libro di carta - 252 pagine -Maggioli editore)

Ti potrebbe interessare l’utile foglio Excel Calcolo reddito  del lavoratore  autonomo 2019 (regime ordinario)

E' disponibile anche l' ebook "Il regime forfettario 2019 " di A. Donati (PDF 62 pagine)

Fonte: Inps




Prodotti per La rubrica del lavoro , Assegni familiari e ammortizzatori sociali , Lavoro Autonomo

 
39,00 € + IVA
 
16,90 € + IVA

Commenti

ChiI ha chiuso l'attività nel biennio 2017/2018 è escluso dall'indenizzo. Per chi ha chiuso prims del primo gennaio 2019 ci stiamo organizzando in questo gruppo facebook, vi lascio il link https://www.facebook.com/groups/365967227361082/

Commento di Giulia (09:30 del 28/05/2019)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)