Rassegna stampa Pubblicato il 28/01/2019

Congedo vittime di violenza:domanda anche in forma telematica

servizi lavoro ricollocazione

Disponibile il servizio online per la presentazione della domanda di congedo retribuito per le donne vittime di violenza di genere. Sarà la modalità obbligatoria da aprile 2019

Con la circolare 3 2019 l'INPS  comunica l’applicazione del regime telematico per la presentazione delle domande di congedo indennizzato per le donne vittime di violenza di genere di cui all’articolo 24 del D.lgs 15 giugno 2015, n. 80 , nell’ambito del graduale processo di telematizzazione dei servizi  INPS avviata  nel 2010 

Si ricorda che il congedo  retribuito  può essere utilizzato esclusivamente dalle lavoratrici  inserite nei percorsi di protezione relativi alla violenza di genere per un periodo massimo di 3 mesi (equivalenti a 90 giornate di prevista attività lavorativa) fruibili nell’arco temporale di tre anni. Le istruzioni sono state fornite con la circolare n. 65/2016,

Il predetto congedo spetta:

  • alle lavoratrici dipendenti a tempo determinato e indeterminato del settore pubblico e privato,
  • alle lavoratrici autonome,
  • operaie agricole,
  • lavoratrici stagionali,
  • lavoratrici autonome dello spettacolo e
  • lavoratrici domestiche.

La trasmissione telematica delle certificazioni inon coinvolge i datori di lavoro eventualmente interessati. Pertanto, resta in carico alla lavoratrice l’onere di giustificare le assenze dal lavoro con le modalità e la tempistica previste dagli specifici contratti di lavoro.

La domanda di indennità per il periodo di congedo  alle lavoratrici dipendenti vittime di violenza di genere può essere presentata all’Inps telematicamente,  attraverso i  consueti  canali offerti dall’Istituto :

  • WEB – tramite il servizio on-line dedicato, accessibile dal sito Internet dell’Istituto attraverso il seguente percorso: “Tutti i servizi” > “Domande per Prestazioni a sostegno del reddito” > “Indennità a titolo di congedo per lavoratrici vittime di violenza di genere”.  Necessario disporre di  PIN dispositivo, o SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) almeno di Livello 2 oppure  CNS (Carta Nazionale dei Servizi);
  • Contact Center Multicanale – al numero 803.164 (riservato all’utenza che chiama da telefono fisso) o al numero 06164164 (abilitato a ricevere esclusivamente chiamate da telefoni cellulari con tariffazione a carico dell’utente);
  • Patronati – attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi. Si rammenta che tale canale di presentazione delle domande non richiede il possesso del PIN.

Una volta compilata la domanda, il sistema produrrà, in automatico, la ricevuta di presentazione della stessa contenente il numero di protocollo in entrata e il rispettivo modello precompilato con i dati inseriti.

Il sistema consente di allegare in formato elettronico ogni ulteriore necessaria documentazione (ad esempio, il mod. “SR 163”, da utilizzare in caso di opzione per la modalità di pagamento con accredito su un conto corrente bancario o postale, libretto postale o carta prepagata dotata di IBAN).

Nella prima fase di attuazione del processo di telematizzazione è previsto un periodo transitorio fino al 31 marzo 2019, durante il quale tali domande potranno essere presentate sia attraverso la consueta modalità, in formato cartaceo, sia nella modalità telematica.

A decorrere dal 1° aprile 2019, l’impiego del canale telematico diventerà esclusivo.

Ti puo interessare la Scheda informativa "NASPI 2018: importi requisiti, domanda" di R. Quintavalle e l'ebook Reddito di Cittadinanza 2019 di R. Staiano

E' disponibile anche il volume "Formulario commentato sui diritti dei lavoratori nel fallimento " di L. Nigro (libro di carta - 252 pagine -Maggioli editore)

Fonte: Inps




Prodotti per La rubrica del lavoro , Assegni familiari e ammortizzatori sociali , Politiche del Lavoro Femminile

 
39,00 € + IVA
32,00 € + IVA
27,20 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)