HOME

/

FISCO

/

VERSAMENTI DELLE IMPOSTE

/

DAL 29 OTTOBRE SCATTANO I BLOCCHI ALLE COMPENSAZIONI

1 minuto, Redazione , 23/10/2018

Dal 29 ottobre scattano i blocchi alle compensazioni

I criteri definiti sono ancora troppo generici e potrebbero in alcuni casi danneggiare il contribuente

Dal 29 ottobre entreranno in vigore le nuove regole sulla sospensione dell'esecuzione dei Modelli  F24 con compensazione, ritenuti a rischio dall'Agenzia delle Entrate, secondo quanto previsto dalla Legge di Bilancio 2018. Con il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 28.08.2018 è stata data attuazione alla norma, prevedendo:

  • i criteri di rischio per selezionare in via automatizzata i modd. F24 da sottoporre a verifica;
  • la procedura per sospendere l'esecuzione dei Modelli F24 a rischio.

Si tratta, tuttavia, di un sistema che presenta ancora alcuni profili di criticità.
I profili di rischio, sulla base dei quali l’Agenzia dovrebbe procedere alla selezione dei Mod. F24, sembrano troppo generici. L’Agenzia, infatti, si limita a stabilire questi criteri:

  • tipologia di debiti pagati;
  • tipologia di crediti compensati;
  • coerenza dei dati indicati nel Mod. F24;
  • dati presenti nell'Anagrafe Tributaria o resi disponibili da altri enti pubblici, afferenti ai soggetti indicati nel Mod. F24;
  • analoghe compensazioni effettuate in precedenza dai soggetti indicati nel Mod. F24;
  • pagamento di debiti iscritti a ruolo (art. 31 comma 1 D.l. 78/2010).

Si tratta, tuttavia, di ipotesi indeterminate che, tendenzialmente, possono riguardare tutti i contribuenti.
Inoltre, per quanto riguarda la procedura di sospensione, non viene fissato alcun limite alla discrezionalità dell’Agenzia delle Entrate.
La procedura, infatti, prevede che i Mod. F24 che, sulla base di tali criteri, presentano profili di rischio, sono sospesi dall'Agenzia delle Entrate. La sospensione viene comunicata dall’Agenzia con apposita ricevuta,  indicando anche la data di fine del periodo di sospensione, che non potrà essere maggiore di 30 giorni dalla data di invio del Modello F24. La sospensione riguarda tutto il contenuto della delega di pagamento, e ciò risulta essere particolarmente penalizzante per tutti quegli istituti per i quali il mancato pagamento determina l’inefficacia del perfezionamento dell’istituto stesso. Si pensi ad esempio un accertamento con adesione a fronte di un atto impositivo che, in conseguenza del “blocco” della compensazione del pagamento della prima rata, non risulti perfezionato: si potrebbe verificare anche la conseguenza che l’atto di accertamento diventi definitivo e, quindi, nemmeno più impugnabile.
La stampa specializzata, pertanto, consiglia al contribuente che dovesse ritenersi penalizzato dallo scarto del mod. F24, di impugnare la relativa ricevuta.


 


Tag: ACCERTAMENTO E CONTROLLI ACCERTAMENTO E CONTROLLI VERSAMENTI DELLE IMPOSTE VERSAMENTI DELLE IMPOSTE

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

Maurizio - 24/10/2018

Invece di operare in modo sempre più complesso e far ammattire le persone, sarebbe stato più opportuno vietare sistematicamente qualunque credito a tutti e non solo ai profili a rischio. Ormai appare fin troppo chiaro che i crediti scaturiti sono sempre considerati illegali (nonostante i controlli ripetuti e prolungati da effettuare nelle sedi opprtune) e si deve sempre essere a debito per essere al sicuro da controlli preventivi.Tutti i crediti dovrebbero essere messi a rimborso, che però non saranno mai rimborsati, specie se i soggetti erogatori languono di liquidità.

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

REDDITI PERSONE FISICHE 2021 · 24/07/2021 Modello Redditi PF 2021: il calendario delle scadenze

Modalità e termini di presentazione del Modello Redditi PF 2021 e di versamento delle imposte. Per i soggetti ISA prevista la proroga al 15 settembre

Modello Redditi PF 2021: il calendario delle scadenze

Modalità e termini di presentazione del Modello Redditi PF 2021 e di versamento delle imposte. Per i soggetti ISA prevista la proroga al 15 settembre

Addizionali IRPEF 2020: possibile versamento senza sanzioni

Per chi non ha versato le addizionali regionali e comunali possibile sanare senza aggravi L'agenzia riconosce le difficoltà di adempiere alle norme di emergenza Covid 19

Pignoramento beni: il funzionario di riscossione può accettare il pagamento dal debitore

Il funzionario della riscossione in sede di esecuzione forzata può accettare il pagamento dal debitore per evitare il pignoramento dei beni. Vediamo i dettagli

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.