HOME

/

NORME

/

GIURISPRUDENZA

/

LA CASSAZIONE RITIENE VALIDO IL “CAFFETTOMETRO”PER STIMARE GLI INCASSI DI UN BAR

2 minuti, Redazione , 05/09/2018

La cassazione ritiene valido il “caffettometro”per stimare gli incassi di un bar

L’Agenzia delle Entrate considera 8 grammi di caffè per produrre una tazzina e vince il ricorso

Secondo la Corte di Cassazione l’Amministrazione finanziaria può avvalersi del “caffettometro” per rideterminare gli incassi di un bar. Nel caso di specie analizzato nell’ ordinanza 21130/2018 a fronte di ricavi dichiarati pari a 119.139 euro, l’agenzia delle Entrate di Benevento aveva contestato ulteriori ricavi pari a 25.858 euro. L’amministrazione finanziaria in seguito ad un accertamento posto in essere nel 2005 aveva stimato gli ulteriori ricavi considerando che per una tazzina di caffè servono normalmente dai 6,5 ai 7 grammi di caffe e, senza considerare il caffè necessario per produrre cappuccini e il caffè confezionato rivenduto ai clienti, aveva correttamente calcolato in 8 g la polvere di caffè necessaria per una tazzina tenendo conto degli sfridi. In primo grado l’Agenzia era stata soccombente mentre dinnanzi alla commissione tributaria regionale il giudizio era stato completamente ribaltato. I giudici di secondo grado avevano anche tenuto conto del fatto che nella zona in cui era ubicato il bar vi fossero altri cinque esercizi commerciali e ridotto a 25 mila i maggiori ricavi accertati.

Davanti alla Corte di Cassazione la contribuente aveva eccepito che la CTR non ha tenuto conto del fatto che, in presenza di scritture contabili regolari, l'Ufficio non aveva dedotto presunzioni gravi, precise e concordanti, non potendo essere considerata tale la percentuale di ricarico applicata sui prodotti, sicché l'avviso di accertamento induttivo era illegittimo.

In merito a tale motivazione la Suprema corte ha già avuto modo di affermare che “sia in tema di accertamento delle imposte sui redditi che di accertamento ai fini IVA, la presenza di scritture contabili formalmente corrette non esclude la legittimità dell'accertamento analitico-induttivo del reddito d'impresa, sempre che la contabilità stessa possa considerarsi complessivamente e sostanzialmente inattendibile, in quanto confliggente con i criteri della ragionevolezza, anche sotto il profilo dell'antieconomicità del comportamento dei contribuente”. In questa ipotesi è quindi consentito, all'ufficio, dubitare della veridicità delle operazioni dichiarate e desumere, sulla base di presunzioni semplici, purché gravi, precise e concordanti, maggiori ricavi o minori costi, ai fini delle imposte dirette e dell'Iva (Cass. n. 6951/2017; Cass. n. 4312/2015; Cass. n. 6849/2009; Cass. n.13319/2011).

Secondo la corte gli elementi forniti dall’ufficio rappresentano presunzioni gravi, precise e concordanti in ragione dei quali il ricorso in Cassazione da parte della contribuente è stato rigettato, anche perché la stessa non aveva prodotto alcuna prova contraria circa la quantità di polvere di caffè reputata necessaria per preparare una tazzina.

Tag: ACCERTAMENTO E CONTROLLI ACCERTAMENTO E CONTROLLI GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

GIURISPRUDENZA · 29/06/2021 Responsabilità contribuente per mancata presentazione dichiarazione dal commercialista

Dichiarazioni fiscali omesse per condotta infedele del commercialista? Il contribuente non è sanzionabile

Responsabilità contribuente per mancata presentazione dichiarazione dal commercialista

Dichiarazioni fiscali omesse per condotta infedele del commercialista? Il contribuente non è sanzionabile

Licenziamento ritorsivo e soppressione del posto di lavoro

Dichiarato illegittimo il licenziamento di una lavoratrice per GMO se è falsa l'esternalizzazione del posto - Cassazione 13871 2021

Prestazioni di servizi e Iva: fatturazione all'incasso o all'effettuazione dell'operazione

La Cassazione, tornando sul momento della fatturazione e dell’esigibilità dell’IVA nella prestazione di servizi, conferma che si sta consolidando un nuovo orientamento sul tema

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.