Rassegna stampa Pubblicato il 08/02/2018

Modelli Intrastat 2018: ecco cosa cambia

e-commerce telecomunicazioni intraUE e IVA

Dal 1 gennaio 2018 nuove regole per i modelli intrastat. Ecco cosa cambia in vista dell'invio il 26 febbraio delle comunicazioni mensili

Previste dal 2018 significative misure di semplificazione degli obblighi comunicativi dei modelli intrastat. Il 26 febbraio scade il termine per la trasmissione degli INTRA per i soggetti con invio mensile secondo le nuove regole semplificate.

Dal 1° gennaio 2018 viene notevolmente semplificato

  • il modello INTRA 2-bis degli acquisti di beni. La presentazione degli elenchi riepilogativi relativi agli acquisti intracomunitari di beni diventa obbligatoria, ai soli fini statistici, per i soggetti IVA tenuti alla presentazione mensile, che effettuano acquisti per un ammontare totale trimestrale uguale o superiore a 200.000 euro, in almeno uno dei quattro trimestri precedenti. Tutti gli altri contribuenti sono esonerati della compilazione del Modello INTRA 2-bis in quanto assolvono l’obbligo mediante altri adempimenti (spesometro o trasmissione telematica delle operazioni IVA). Le semplificazioni dei modello INTRA, operative dal 2018, riducono il numero dei soggetti destinatari dell’adempimento ma non hanno alcun impatto sulle regole di compilazione preesistenti.
  • il modello INTRA 2-quater riferito alle prestazioni di servizi ricevute da soggetti passivi UE. La presentazione degli elenchi riepilogativi relativi ai servizi ricevuti diventa obbligatoria, ai soli fini statistici, per i soggetti IVA tenuti alla presentazione mensile, qualora l’ammontare totale trimestrale delle prestazioni di servizi ricevute sia uguale o superiore a 100.000 euro, per almeno uno dei quattro trimestri precedenti. Tutti gli altri contribuenti sono esonerati della compilazione del Modello INTRA 2-quater. Viene infine introdotta un’ulteriore semplificazione riguardante la compilazione del campo “Codice Servizio”: si riduce livello di dettaglio richiesto con il passaggio dal codice CPA a 6 cifre al CPA a 5 cifre, portando ad una riduzione del 50% dei codici CPA attualmente in uso. Si segnalano, infine, perplessità sulla compilazione del modello INTRA 2-quater "ai soli fini statistici" in caso di superamento della soglia dei 100.000 euro. Da un'interpretazione letterale del contenuto del provvedimento n. 194409 del 25 settembre 2017 sembrerebbe che l'Amministrazione finanziaria richieda, al superamento della citata soglia, la compilazione del modello INTRA 2-quater con rilevanza statistica dei dati, vale a dire, continuare a compilare il modello di riferimento a prescindere della tipologia di servizio ricevuto. Tale interpretazione sarebbe in contrapposizione con l'intento di semplificare l'adempimento oltre che con la logica di compilazione dei modelli Intrastat dei servizi ricevuti, per i quali, la segnalazione statistica (ossia la compilazione dei dati statistici del modello INTRA 1-bis e INTRA 2-bis) è richiesta solo per i servizi ricevuti che comportano la movimentazione della merce (ad es. invio beni in UE per lavorazione e reinvio in Italia del bene lavorato). In attesa di un auspicato chiarimento da parte delle Entrate, è consigliabile continuare a presentare il modello INTRA 2-quater al superamento delle soglie di riferimento a prescindere dalla tipologia di servizio ricevuto.

Attenzione: le nuove soglie da rispettare per la compilazione dei modelli Intrastat restano soglie da monitorare autonomamente, ossia un soggetto passivo IVA nazionale potrebbe esser tenuto alla compilazione anche solo di uno dei modelli INTRA di riferimento. Il superamento della soglia di riferimento comporta l’onere della segnalazione Intrastat a partire dal mese successivo a quello in cui è avvenuto il superamento.

Dal 1° gennaio 2018 resta un adempimento obbligatorio il modello INTRA 1-quater dei servizi resi. La presentazione degli elenchi riepilogativi relativi ai servizi resi in ambito comunitario resta pertanto vincolata ai limiti preesistenti.

Dal 1° gennaio 2018 il modello INTRA 1-bis delle cessioni di beni resta un adempimento obbligatorio, con l’introduzione di alcune semplificazioni. L’indicazione dei dati statistici nel Modello INTRA 1-bis diventa obbligatoria solo per i soggetti IVA che presentano detti elenchi con periodicità mensile, ai sensi dell’articolo 2, comma 1, lett. b) del DM 22 febbraio 2010, che hanno effettuato in almeno uno dei quattro trimestri precedenti, cessioni intracomunitarie di beni per un ammontare totale trimestrale uguale o superiore a 100.000 euro. Diminuisce, pertanto, la platea dei soggetti mensili tenuti alla presentazione statistica. Pertanto per tali operazioni (INTRA cessione di beni e di servizi) la presentazione con periodicità mensile o trimestrale resta ancorata alla soglia di 50.000 euro.

Per approfondire acquista il Pacchetto contenente due ebook Iva e operazioni intra ed extra comunitarie

I due ebook sono acquistabili anche singolarmente:

Fonte: Fisco e Tasse




Prodotti per Operazioni Intra ed extra comunitarie, Operazioni Extracomunitarie, Operazioni Intracomunitarie, Fiscalità Internazionale PMI

prodotto_fiscoetasse

SCARICALO A

16,90 €

prodotto_fiscoetasse
40,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

34,00 € + IVA

fino al 31/12/2019

prodotto_fiscoetasse
99,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

84,15 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
24,02 € + IVA

IN PROMOZIONE A

19,87 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
15,41 € + IVA

IN PROMOZIONE A

12,21 € + IVA


Commenti

Attenzione: secondo me c'è un errore gli intra-1 bis sono da presentare da tutti i soggetti: Trimestralmente per coloro i quali in nessuno 4 trimestri precedenti hanno raggiunto il limite dei 50.000,00 euro Mensilmente per coloro i quali hanno superato detto limite. Se però sono rimasti al di sotto dei 100.000,00 euro sono esentati dalla compilazione dei dati statistici. Cordialmente

Commento di Giuseppe (16:36 del 09/02/2018)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)