HOME

/

FISCO

/

SPLIT PAYMENT IVA 2021

/

SPLIT PAYMENT 2017: RICHIESTA ESTENSIONE FINO AL 2020

1 minuto, Redazione , 09/02/2017

Split payment 2017: richiesta estensione fino al 2020

Il MEF ha chiesto alla Commissione europea di estendere il regime di split payment fino al 2020

Con un comunicato stampa del 7 febbraio 2017 il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha reso noto che il Ministro Pier Carlo Padoan ha trasmesso alla Commissione europea una richiesta per l’estensione del regime di split payment.

La lettera, destinata al vicepresidente Valdis Dombrovskis e al commissario Pierre Moscovici, chiede che l’autorizzazione al regime di split payment venga prorogata per altri tre anni oltre il termine del 31 dicembre di quest’anno e quindi fino al 2020.

Inoltre il Ministro chiede di verificare la possibilità di estendere l’autorizzazione anche a entità e transazioni inizialmente non incluse in questo regime, inizialmente circoscritto agli acquisti delle pubbliche amministrazioni.

Nella lettera viene sottolineato che il regime di split payment ha riscosso risultati molto soddisfacenti per le entrate erariali senza peraltro effetti indesiderati dal lato dei fornitori grazie al funzionamento efficiente dei rimborsi IVA

Si ricorda, che la disciplina dello split payment è stata introdotta dalla Legge di Stabilità 2015 e l'Agenzia ha fornito chiarimenti sul tema in numerosi circolari. Dal punto di vista soggettivo l'Agenzia ha chiarito che sono compresi nel nuovo meccanismo quei soggetti pubblici che, benché non siano tra quelli elencati all'articolo 17-ter del D.p.r. 633/72, ne sono loro immediata e diretta espressione (ad esempio i Commissari delegati per la ricostruzione a seguito di eventi calamitosi, e i Consorzi interuniversitari).

Sono invece esclusi dal meccanismo, gli enti pubblici non economici autonomi rispetto alla struttura statale, che perseguono fini propri, ancorché di interesse generale. Dal punto di vista oggettivo, l'Agenzia specifica che non rientrano nel meccanismo dello split payment: le forniture per le quali l'ente è debitore d'imposta (per reverse charge); le operazioni rese alla Pa per cui il fornitore ha già nella propria disponibilità il corrispettivo che gli spetta, e trattiene lo stesso riversando alla Pa committente un importo netto; le prestazioni rese alle Pa i cui compensi sono assoggettati a ritenute a titolo d'imposta o a titolo d'acconto; le operazioni certificate dal fornitore con ricevuta o scontrino fiscale o fattura semplificata; le operazioni assoggettate a regimi speciali IVA.

Per l'aggiornamento del commercialista scopri l'abbonamento alla Circolare del giorno una nota quotidiana di approfondimento monotematico sui problemi piu' caldi del momento.

Tag: SPLIT PAYMENT IVA 2021 SPLIT PAYMENT IVA 2021 DICHIARAZIONE IVA 2021 DICHIARAZIONE IVA 2021 ADEMPIMENTI IVA 2021 ADEMPIMENTI IVA 2021

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

cazzo - 23/02/2017

Ma dalle imprese oltre al 60% di tassazione, oltre al pagamento dell'iva al posto dell'amministrazione, vorreste anche qualche litro di sangue?? Ma che vi siete messi in testa. Poi si meravigliano che le imprese non assumono e chiudono. Se un impresa non ha un bel gruzzolo di suo non ha nessuna speranza di andare avanti. Oltre a tanti deficienti al MEF c'è qualcuno che sa di cosa parlano loro stessi ??

Mario Rossi - 03/05/2017

Questi non hanno mica capito!!!!! Chi ha tanto zelo da mettersi a investire e ad aumentare il giro di affari ha già fallito o sta fallendo: Tutto il giro legato al riciclaggio e al collegamento con le malavite non ha problemi perchè anche se perde soldi non sono suoi !!!! quindi...... : gli altri che sono un pò più furbi hanno già fatto un passo indietro e lavorano molto meno si sono ristretti e fanno comprare i materiali ai clienti e spesso, con buona pace dei nostri pubblici "amministratori" si fanno pagare a nero: le grandi imprese sono già tuette scappate all'estero. Ma chi volete prendere per il culo!!!!!

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

SPLIT PAYMENT IVA 2021 · 30/10/2020 Split payment: pubblicati gli elenchi 2021

la scissione dei pagamenti, split payment, permette alle imprese di incassare il solo imponibile della fattura emessa, demandando alla PA l’onere del versamento dell’IVA

Split payment: pubblicati gli elenchi 2021

la scissione dei pagamenti, split payment, permette alle imprese di incassare il solo imponibile della fattura emessa, demandando alla PA l’onere del versamento dell’IVA

DURF e appalti: tra i versamenti in conto fiscale anche le operazioni in reverse charge

Con la risoluzione n. 53/E/2020 le Entrate ampliano le ipotesi di esonero dagli adempimenti previsti in tema di responsabilità negli appalti

Split payment: l’IVA versata per errore si può scomputare dai versamenti successivi

Nel meccanismo di split payment l’Iva duplicata si recupera scomputando dai versamenti successivi e senza emissione di nota variazione del fornitore

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.