IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 23/01/2017

Residenze sanitarie assistenziali: fornitura elettrica con Iva al 22%

Tempo di lettura: 1 minuto
168x126 Riforma Terzo settore

Niente aliquota agevolata del 10% prevista per l’uso domestico: le Onlus che gestiscono le strutture, svolgendo un’attività commerciale, sono da considerare soggetti passivi

Commenta Stampa

Con la risoluzione 8 del 19.01.2017 qui allegata, l’Agenzia delle Entrate ha risposto ad un interpello sulla fornitura di energia elettrica stipulati con ONLUS che gestiscono residenze sanitarie assistenziali (RSA).
L’Agenzia ha ricordato che il n. 103) della parte III della tabella A, allegata al DPR 26 ottobre 1972, n.633, prevede l’applicazione dell’aliquota IVA agevolata del 10 % per i contratti di somministrazione di energia elettrica “per uso domestico”, comprendendo tutti i casi in cui la somministrazione di energia elettrica è resa nei confronti di soggetti consumatori finali che la impiegano

  • nella propria abitazione a carattere familiare o collettivo, quali caserme, case di riposo, conventi, orfanotrofi, carceri ecc.,
  • senza mai utilizzarla “nell’esercizio di imprese o per effettuare prestazioni di servizi, rilevanti ai fini IVA, anche se in regime di esenzione”.

Nel caso di specie le residenze sanitarie assistenziali, al pari delle case di riposo, soddisfano il requisito della residenzialità in quanto si definiscono quali strutture extraospedaliere finalizzate a fornire accoglimento, prestazioni sanitarie, assistenziali e di recupero a persone anziane prevalentemente non autosufficienti. 
Relativamente al secondo requisito, vale a dire lo svolgimento di attività che non prevedono corrispettivi rilevanti ai fini IVA, si osserva che nel caso di RSA gestite dalle ONLUS, le stesse pongono in essere attività decommercializzate ai fini dell’IRES ma rilevanti ai fini dell’IVA, sia pure in regime di esenzione ai sensi dell’art. 10, n. 21 del DPR 26 ottobre 1972, n. 633. Pertanto ai fini IVA, le ONLUS, quali enti non commerciali, qualora svolgano un’attività commerciale, devono considerarsi soggetti passivi IVA, e nel caso di specie non possono fruire dell’aliquota agevolata del 10 % sui contratti di somministrazione di energia elettrica.

Potrebbe interessarti l'e-book La disciplina fiscale delle organizzazioni non profit e-book di 276 pag aggiornato alla Legge 166/2016

Fonte: Fisco e Tasse



Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 Lo Grasso Salvatore Umberto Lo Grasso Salvatore Umberto - 28/01/2017
In questo mondo di confusione, risoluzione molto interessante (senza sconti a nessuno!). La ripresa dell'argomento ed il suo richiamo ed evidenza da parte dell'editore è altrettanto interessante.
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Detrazioni fiscali su immobili (Excel)
In PROMOZIONE a 79,90 € + IVA invece di 99,00 € + IVA fino al 2060-12-31
Calcolo IRES e IRAP 2021 - Redditi Società di Capitali
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,90 € + IVA fino al 2021-05-31
Pacchetto Dichiarativi 2021
In PROMOZIONE a 219,90 € + IVA invece di 389,30 € + IVA fino al 2060-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE