HOME

/

DIRITTO

/

IL CONDOMINIO 2021

/

SUPERCONDOMINIO: COSTITUZIONE SENZA PRECISA MANIFESTAZIONE DI VOLONTÀ

2 minuti, Redazione , 21/09/2016

Supercondominio: costituzione senza precisa manifestazione di volontà

Per costituire un supercondominio non servono manifestazioni di volontà, bastano impianti o servizi in comune, questo quanto precisato Tribunale di Ascoli Piceno con la sentenza 657/2016

La giurisprudenza ha avuto modo di affermare che, (sentenza Cass. n. 19939/2012), "ai fini della costituzione di un supercondominio, non è necessaria né la manifestazione di volontà dell'originario costruttore, né quella di tutti i proprietari delle unità immobiliari di ciascun condominio, venendo il medesimo in essere "ipso iure et facto", se il titolo o il regolamento condominiale non dispongono altrimenti, essendo sufficiente che i singoli edifici, abbiano, materialmente, in comune alcuni impianti o servizi, ricompresi nell'ambito di applicazione dell'art. 1117 c.c., (quali, ad esempio, il viale (...) l'impianto centrale per il riscaldamento, i locali per la portineria, l'alloggio del portiere), in quanto collegati da un vincolo di accessorietà necessaria a ciascuno degli stabili, spettando, di conseguenza, a ciascuno dei condomini dei singoli fabbricati la titolarità pro quota su tali parti comuni e l'obbligo di corrispondere gli oneri condominiali relativi alla loro manutenzione (vedi anche (Cassazione civile, sez. II, 31/01/2008, n. 2305).

Si tratta infatti di una fattispecie legale, in cui una pluralità di edifici, costituiti o meno in distinti condomini, sono ricompresi in una più ampia organizzazione condominiale, legati tra loro dall'esistenza di talune cose, impianti e servizi comuni (quali il viale (...) accesso, le zone verdi, l'impianto di illuminazione, la guardiola del portiere, il servizio di portierato, ecc.) in rapporto di accessorietà con i fabbricati, cui si applicano in pieno le norme sul condominio, anziché quelle sulla comunione".

A ribadire questo principio è stato il Tribunale di Ascoli Piceno con la sentenza 657/2016, che ha dato torto ad uno dei condòmini il quale, avendo da poco ereditato l’immobile, non accettava l’idea di far parte di un “condominio complesso” e, di conseguenza, di dover contribuire alle relative spese.
La controversia era sorta perché con una delibera condominiale era stato approvato il consuntivo per gli anni precedenti e le tabelle millesimali, nonché disposto in merito ad opere e lavori da effettuarsi sul condominio stesso (un complesso immobiliare risalente al XVI sec. composto da diversi edifici).

Infine la Suprema Corte ha poi precisato che "deve considerarsi bene comune anche il sottosuolo del condominio, in quanto rientrano tra la nozione di bene comune non solo quei beni espressamente indicati nell'art. 1117 c.c. ma anche tutti quei beni assimilabili a quelli espressamente indicati, in relazione alla loro destinazione al comune gradimento o al servizio della proprietà esclusiva" (Cassazione civile, sez. II, 16/01/2013, n. 946).

Per approfondire le novità introdotte dalla riforma del condominio, ti segnaliamo il Pacchetto Condominio (E-book) News e risposte a quesiti contenente 4 utili ebook in pdf:

  1. Le nuove regole del Condominio (E-Book)
  2. Condominio - 200 Risposte a quesiti dopo la riforma (E-Book)
  3. Il condomino che non paga e il recupero del credito (eBook in pdf)
  4. Il Condominio senza amministratore (eBook in pdf)

Allegato

Sentenza Tribunale Ascoli Piceno 657/2016

Tag: IL CONDOMINIO 2021 IL CONDOMINIO 2021

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

IL CONDOMINIO 2021 · 23/07/2021 Bonus facciate mini-condominio: spetta al singolo proprietario che si accolla le spese

Se autorizzate da delibera condominiale unanime il bonus facciate spetta al singolo proprietario che si accolla le spese di ristrutturazione

Bonus facciate mini-condominio: spetta al singolo proprietario che si accolla le spese

Se autorizzate da delibera condominiale unanime il bonus facciate spetta al singolo proprietario che si accolla le spese di ristrutturazione

Bed and breakfast in condominio e tabelle millesimali

Se il singolo condomino utilizza parte dell’appartamento come bed & breakfast devono essere cambiate le tabelle millesimali per attribuirgli una quota maggiore?

Recinzione condominio: come si delibera sulle spese?

Legittima la delibera per spese straordinarie per la messa in sicurezza del condominio con recinzione e chiusura di un area condominiale pubblica. Nessun condòmino va escluso

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.